di Zazoom di giovedì 1 settembre 2022

Ndrangheta :maxi-blitz a Cosenza con 190 arresti

ndrangheta maxi
La Dda di Catanzaro ha disposto l'esecuzione di misure cautelari nei confronti di 202 persone (139 in carcere, 51 ai domiciliari, 12 soggette all'obbligo di soggiorno) ritenute appartenenti o contigue alle fazioni 'Ndrangheta operanti nel cosentino . I provvedimenti restrittivi, emanati dal gip Alfredo Ferraro, su richiesta del pm Gratteri, dell'aggiunto Vincenzo Capomolla e dei pm antimafia Vito Valerio e Corrado Cubellotti con l'appoggio della pm di Cosenza, Margherita Saccà, sono stati notificato agli indagati residenti a Cosenza, Rende, Acri, Castrolibero, Celico, Cellara, Luzzi, Marano Principato, Mendicino, Montalto Uffugo, Rogliano, San Benedetto Ullano, San Marco Argentano, San Pietro in Guarano, Spezzano Albanese, Spezzano Sila, Villapiana, Agrigento, Milano, Napoli, Novara, Parma, Torino, Bellusco (MB), Sala Consilina, Cavaion Veronese. L'operazione ha coinvolto i carabinieri, i finanzieri ei carabinieri dei comandi provinciali e delle questure di Cosenza e Gico. 

Le indagini coprono un periodo compreso tra il 2017 e novembre 2021 e si sono sviluppate attraverso intercettazioni ambientali e telefoniche, stalking, videofilm, intercettazioni elettroniche e dichiarazioni di collaboratori di giustizia. I reati contestati sono associazione di tipo mafioso, concussione, usura, uso abusivo del credito, danneggiamento, delitti in materia di armi e munizioni, delitti contro la persona, contro il patrimonio, contro la pubblica amministrazione, traffico di stupefacenti, riciclaggio, riutilizzo di denaro in attività economiche, iscrizione fittizia di beni, scambio elettorale politico-mafioso, aggravato dalle finalità di agevolazione mafiosa. Il lavoro svolto dagli inquirenti è assolutamente straordinario: i boss Cosenza e Rendesi sono stati "spiati" per mesi, con cimici, stalking, filmati video. Un "insetto" è stato addirittura inserito nel soggiorno del maestro Francesco Patitucci. I pm guidati da Nicola Gratteri hanno anche ricostruito l'intera presunta rete economica dei clan, individuando aziende e prestanome e monitorando a distanza movimenti e consegne di denaro. 

Tra gli arrestati ci sono anche quattro donne e l'imprenditore Ariosto Artese fratello dell'assessore di Rende e segretario cittadino del PD. Importante a conferma dell'attività investigativa anche il contributo fornito dai collaboratori di giustizia Daniele Lamanna, Adolfo Foggetti, Franco Pino, Anna Palmieri, Celestino Abbruzzese, Giuseppe Zaffonte, Mattia Pulicanò. Indagato nelle vesti del presunto braccio economico del gruppo attribuibile a Roberto Porcaro è l'imprenditore Agostino Briguori, detto "Berlusconi", dell'Alto Tirreno cosentino. Tutte le persone coinvolte nell'indagine protestano innocenti e devono considerarsi tali fino alla conclusione definitiva della questione legale.

Altre Notizie: Milano, di proprietà della 'Ndrangheta i locali della movida: 14 arresti per infiltrazione mafiosa; Blitz Antimafia a Isola Capo Rizzuto: 11 Fermi in un'Operazione Contro 'Ndrangheta; Ndrangheta : arresti in tutta Italia;