Teufel AIRY SPORTS TWS, le cuffie Bluetooth per veri sportiviAllerta ciclone Mediterraneo : Ecco dove colpiràVerona : Mamma uccide le due figlie in una casa accoglienzaRiMS Racing disponibile gratis per pochi giorni!UN VIDEOGAME NINTENDO COME STRUMENTO DIDATTICO PER IL CODINGKONAMI e KeelWorks insieme per CYGNI: All Guns BlazingD-Link: in Italia il primo adattatore USB Wi-Fi 6 al mondoLG ONE:QUICK, NUOVA GAMMA PER IL LAVORO DA REMOTOLucca Comics & Games 2021 - NUOVA EMISSIONE TICKETNokia 6310 disponibile in ItaliaHorizon Forbidden West - padroneggia nuove abilitàASUS presenta nuovi router Apex Legends: Escape - Trailer del GameplayAll Service Web di Nicola Sangiorgi : Soluzione completa per la tua ...GTA Trilogy: requisiti PCPadova : marito e moglie no vax in terapia intensivaRoma : Chi percepisce il reddito di cittadinanza lavorerà per pulire ...Trading di azioni e valute per Principianti : cosa devi sapereBici Elettrica GOGOBEST GF600 : Una Fat Bike adatta a tutti i percorsiVerso Inter-Juventus come arrivano le due squadreOpen Arms : Richard Gere testimone al processo contro Matteo SalviniState of Play annunciato a sorpresa da SonyMolasses Flood si unisce a CD PROJEKT GroupLa Startup della Consulenza SEOGTA: The Trilogy The Definitive Edition data di uscita ufficiale
di Zazoom di mercoledì 14 luglio 2021

Covid-19 : Bisogna fare subito come la Francia

Covid-19 : Bisogna fare subito come la Francia

Fare subito come ha fatto la Francia, applicando 'sul serio' il green pass, niente quarantena per chi ha ricevuto due dosi, rivedere i parametri nel giro di una o due settimane. E' la proposta del viceministro della Salute, Sileri, intervistato dal Messaggero. "Pensiamo alle discoteche - esemplifica - se concedessimo ai locali di aprire per i clienti con il green pass, avremmo la corsa di chi ha tra i 18 e i 40 anni a vaccinarsi", perché "il green pass oggi è un mezzo per non tornare indietro quando i contagi saranno più elevati".

Migliaia di cittadini di vari Paesi Ue, ma residenti all'estero fuori dall'Europa e vaccinati con sieri non riconosciuti dall'Agenzia europea per i medicinali (Ema) rischiano di non poter tornare a casa per le vacanze estive a causa di regole ancora da definire. Un problema burocratico con conseguenze sui cittadini espatriati, già provati da mesi di lontananza dalla patria di origine. Gran parte degli europei che vivono in America latina, Africa e Asia sono vaccinati con sieri diversi da Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Janssen.

Altre News per: covidbisognafaresubitocomefrancia