Trust - proposte per lo Smart working e connessione sicuraLG TONE FREE MIGLIORANO LA QUALITÀ DELL’AUDIO E MOLTO ALTRONovità per DRAGON BALL FIGHTERZ e Guilty Gear -Strive-Soccorre una ragazza incinta : la giovane mamma decide di chiamare il ...I fratelli Bianchi in carcere per omicidio Willy Monteiro : ...Sony integra una tecnologia anti-contraffazione nelle fotocamereFAR CRY 6: FREE WEEKEND FINO AL 7 AGOSTO, SCONTI FINO AL 60%GTA Online: presentata la speedster sportiva Benefactor SM722Tower of Fantasy: disponibili due nuovi video gameplayIncendio discoteca in Thailandia : 13 mortiLa soluzione per trasferire senza problemi i tuoi dati da iPhone a ...38 nuovi giochi su GeForce NOWARCANE: IL PRIMO EPISODIO DI BRIDGING THE RIFT È ORA DISPONIBILEQuakeCon 2022 - Tutti i dettagliIncontra Vantage | Trailer dei personaggi delle leggende ApexBack 4 Blood: annunciata la seconda espansione DLC - I Figli del ...Dreamworks Dragons: Leggende dei Nove Regni nuovo trailerMetal: Hellsinger terrà il più grande concerto della storia di ...Call of Duty League: il weekend del campionato 2022 inizia ora!Archie Battersbee : La famiglia chiede il trasferimento in un hospiceNarcotizza e stupra ex : medico confessaProblemi intestinali in vacanza: prevenzioni e rimediACE COMBAT 7: SKIES UNKNOWN disponibile laggiornamento gratuitoStagione 4 di Shadowlands: ora disponibile!EA SPORTS FIFA Mobile celebra l'ultimo aggiornamento
di web di venerdì 1 luglio 2022

Uomini e Donne, Alessio Lo Passo attacca alcuni giornalisti: Basta sciacallaggio contro di me

alessio lo passo

Alessio Lo Passo non ne può più. L'ex tronista ed ex corteggiatore di Uomini e Donne è davvero infuriato contro alcuni giornalisti che speculano sul suo passato. L'influencer e star di Onlyfans è finito nuovamente nel mirino di alcuni giornali e siti tre settimane fa per alcune notizie giudiziarie legate al suo passato e risalenti a 7 anni fa.

alessio lo passo

È infatti da settimane sotto il tiro di alcuni “clickbite” che fanno riferimento a un periodo durissimo della sua vita. Si chiamano “clickbite” i titoli di articoli sensazionalisti che sui vari siti on line mirano ad attrarre l’attenzione del lettore e lo portano a leggere anche a lungo, prima di permettergli di capire che il titolo… era solo un trucco.

Lo Passo si è sfogato ai microfoni di IGOSSIP.it: "Sì, mi hanno avvisato dall’Italia e ho verificato. Da un paio di settimane, i titoli di certi giornali on line (o come vogliamo chiamare pagine simili) mi colpiscono spacciando per attualissima la mia vicenda giudiziaria risalente ad anni fa. Sette, per la precisione, e cinque da che è stata resa nota. È un’azione di una bassezza inaudita, perché negli articoli, partendo dalle calende greche a spiegare chi io sia per arrivare ai fatti che mi riguardarono, dopo infinite divagazioni… sono costretti a smentire il titolo. Intanto chi legge solo il titolo e non legge tutto l’articolo, fino in fondo, pensa che io sia un recidivo. Uno che ne ha combinata un’altra… e questo a un essere umano che ancora lotta contro certi ricordi e cerca d riabilitarsi e andare avanti, non si fa. A nessun uomo deve essere fatto quel che si sta facendo a me solo perché non si sa cosa scrivere, non si hanno contatti, contenuti o interviste recenti… ma quelle sono cose per chi si dà da fare e lavora, che non si limita al parassitismo del copia e incolla di notizie vecchie e magari frutto del lavoro altrui. E c’è chi va a ruota e copia e incolla a sua volta, diffondendo bufale e facendo a pezzi i malcapitati di turno. Senza riguardi, senza pietà e senza verità. È un vero schifo. Se non hanno materiale da pubblicare si diano da fare, invece di vendere pubblicità sulla pelle altrui. Con alcuni di questi giornali sono sempre stato disponibile a un’intervista e senza alcun compenso. Sono stato ricompensato così".

Il fidanzato della sexy influencer e modella Federica Pacela ha poi continuato: "Mi sento come si sentirebbe qualsiasi persona che abbia incassato una condanna (spropositata, tra l’altro, o non credo che avrei mai avuto i domiciliari) ne ha comunque scontato sino all’ultimo giorno la pena, e poi cerca di ricominciare la sua vita e un bel giorno legge certi “giornali” e rimettere on line la vicenda, con titoli che fanno pensare che la condanna sia cosa di ora. È una scorrettezza della quale il lettore può fregarsene, al massimo ha buttato via qualche minuto di inutile lettura preso in giro con piena volontà dal “giornale”, ma io no: io non posso fregarmene. Parlano della mia vita, del dramma della mia vita e di quella della mia famiglia. Mi fanno apparire come un avanzo di galera che ha reiterato un reato. E questa, mi dispiace, non è ignoranza sull’argomento o inconsapevolezza del danno morale e umano che mi si arreca: come stanno veramente le cose lo scrivono nello stesso articolo. Si tratta quindi di sciacallaggio consapevole sulla tragedia di un uomo".

Ha poi asserito: "Non hanno né le capacità né il prestigio di trovarsi le notizie da soli, quindi copiano all’infinito l’uno dall’altro. O cambiano i testi di interviste sudate da altri, come ho potuto riscontrare più volte. Nel mio caso si legge addirittura: “Uomini e donne sotto shock: arrestati due tronisti”. Sono fuori dal programma da una vita, e chi lo segue ora non sa nemmeno chi io sia. Oppure “Maria De Filippi infuriata”. Ma per cosa? Titoli ingannatori, ma molto gravi per me. Come smentirli a questo punto è affar mio? Beh, non funziona così, e come funziona veramente verrà stabilito nelle sedi opportune. Un “clickbite” può essere innocuo, ma quando mira contro una persona che ha vissuto una tragedia, usandola, allora è altro".

L'ex modello e personaggio tv ha sottolineato: "Si comportano in questo modo con gente come me. Con chi conta non si azzarderebbero. E questa come vogliamo chiamarla se non vigliaccheria? È professionalità una cosa del genere? Di quanto possa essere devastante per una persona vivere quel che io ho vissuto, se ne fregano. Hanno inchiostro da versare per riempire pagine piene di niente, a costo di ingannare il lettore sulla veridicità di quel che scrivono e fare a pezzi me, o chi come me. Ma avranno pure un direttore responsabile, o un titolare che renda conto di una simile condotta. Vedremo. Ho passato questi anni, dopo il carcere e i domiciliari, a cercare di guarire da un trauma che a volte penso sarà più forte di me, sino alla fine dei miei giorni. Notizie false di questo tipo fanno a pezzi un essere umano con un titolo fuorviante studiato a tavolino. È una porcheria inaudita arrecare un danno morale volontario, lo ribadisco, a una persona che sta tentando di riabilitarsi e portare avanti la sua vita. Lo Stato concede il diritto a riabilitarsi, lo concede il pensiero cristiano, ma questa gente invece lo impedisce con quattro articoli falsi, vuoti, e pure scritti coi piedi".

Altre News per: uominidonnealessiopassoattaccaalcunigiornalisti