Diablo Immortal nuovi aggiornamenti in arrivo questa settimanaANNUNCIATO THE DIVISION RESURGENCE MOBILERicerca dispersi Marmolada : in campo specialistiAlluvioni Australia : evacuate 60 mila personeGod of War Ragnarök verrà lanciato l'11.09.2022.Nintendo Switch – Modello OLED edizione speciale Splatoon 3Italian Video Game Awards 2022: ecco i vincitori Hisense presenta la nuova gamma TV 2022Cellularline lancia il sistema di ricarica 3 in 1 per dispositivi ...Destroy All Humans! 2 - Reprobed - Co-Op TrailerKingston rilascia la chiavetta USB IronKey Locker+ 50Presentato ‘Xiaomi Planet’, il mondo virtuale dedicato alla formazioneMichael Jordan è l’atleta di copertina di NBA 2K23Stampante 3D FLSUN Super Racer (SR)A Roma Baby gang massacra di botte due ragazzini disabili per 5 euroApple iPad Grigio siderale (9ª generazione) Sconto e OffertaWilly Monteiro Duarte : i fratelli Bianchi condannati all’ergastoloJohnny Depp : Amber Heard vuole annullare il processoAntonella Mosetti tutta nuda fa impazzireMosca : il Kursk è sotto attacco di Kiev, in Mar Nero missili pronti ...Usa, spari festa per l'Indipendenza : morti e feriti, arrestato il ...Guerra Ucraina : Missili russi su Sumy, 6 feritiLavorazioni di rettifica sui metalliBandai Namco annuncia MY HERO ULTRA RUMBLESWORD ART ONLINE Alicization Lycoris - Nintendo Switch Announcement
di Zazoom di giovedì 28 aprile 2022

La Russia che taglia il gas naturale a Bulgaria e Polonia : Cosa c'è dietro?

Russia

La russa Gazprom afferma che sta interrompendo le forniture di gas naturale a Polonia e Bulgaria , aumentando le tensioni tra il Cremlino e l'Europa sull'energia e l'invasione russa dell'Ucraina e aggiungendo nuova urgenza ai piani per ridurre e poi porre fine alla dipendenza del continente dalla Russia come fornitore di petrolio e gas.

Ecco le cose chiave da sapere sulla situazione del gas naturale in Europa:

Cosa ha fatto la Russia?

Il gigante russo dell'energia Gazprom, controllato dallo stato, ha affermato che stava tagliando la Polonia e la Bulgaria perché si sono rifiutate di pagare in rubli russi, come ha chiesto il presidente Vladimir Putin.

I leader europei affermano che i contratti sul gas naturale esplicitano il pagamento in euro o dollari e questo non può essere cambiato improvvisamente da una parte. La Polonia ha adottato misure a lungo termine per isolarsi da un limite, come la costruzione di un terminal di importazione per il gas liquefatto che arriva via nave, e aveva comunque pianificato di annullare il suo accordo di importazione con Gazprom alla fine dell'anno. La Bulgaria dice di avere abbastanza gas per ora.

Tuttavia, le domande aperte su Cosa potrebbe significare il cambiamento hanno fatto rabbrividire i mercati energetici, aumentando l'incertezza sul fatto che il gas naturale possa essere tagliato ad altri paesi europei e causare un grave colpo all'economia.

"Il decreto del presidente Putin secondo cui i pagamenti di gas effettuati da paesi 'ostili' devono essere denominati in rubli aumenta il rischio che la fornitura ad altri paesi europei possa essere interrotta quando i pagamenti saranno dovuti nelle prossime settimane", ha affermato Edward Gardner di Capital Economics in un rapporto.

Il Cremlino ha avvertito di questa possibilità se i paesi non pagano le forniture di energia in rubli. Ma la Russia fa affidamento anche sulle vendite di petrolio e gas per finanziare il suo governo poiché le sanzioni hanno schiacciato il suo sistema finanziario.

Con il nuovo sistema di pagamento, il Cremlino ha affermato che gli importatori dovrebbero aprire un conto in dollari o euro presso la terza banca più grande della Russia, Gazprombank, quindi un secondo conto in rubli. L'importatore pagherebbe la bolletta del gas in euro o dollari e indirizzerebbe la banca a scambiare il denaro con rubli.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato mercoledì che pagare in rubli viola le sanzioni dell'Unione europea e che le società con contratti "non dovrebbero aderire alle richieste russe".

Cosa sta cercando Putin?

Poiché l'ordine di Putin per il pagamento in rubli prende di mira "paesi ostili", può essere visto come una ritorsione per le sanzioni che hanno tagliato fuori molte banche russe dalle transazioni finanziarie internazionali e hanno portato alcune società occidentali ad abbandonare le loro attività in Russia.

"La decisione di Gazprom di sospendere le consegne in Polonia e Bulgaria da oggi a causa del loro rifiuto di pagare il gas russo in rubli segna un'escalation nell'uso del gas da parte della Russia come leva politica", ha scritto Gardner.

I motivi economici per richiedere i rubli non sono chiari perché Gazprom deve già vendere l'80% dei suoi guadagni esteri in rubli, quindi la spinta alla valuta russa potrebbe essere minima. Un motivo potrebbe essere politico, per mostrare al pubblico a casa che Putin può dettare i termini delle esportazioni di gas. E richiedendo pagamenti tramite Gazprombank, la mossa potrebbe scoraggiare ulteriori sanzioni contro quella banca.

Se Putin stesse cercando un pretesto per tagliare fuori i paesi che hanno sostenuto l'Ucraina, questo potrebbe servire a quella funzione. La Russia sta ancora inviando gas in Ungheria - il cui primo ministro populista Viktor Orban ha accettato l'accordo di pagamento di Putin - sullo stesso sistema di gasdotti.

"La mossa russa è quasi certamente una risposta ai crescenti livelli di sostegno occidentale all'Ucraina", hanno affermato in un rapporto gli analisti di Eurasia Group, una società di consulenza sul rischio politico. "Segnala che Putin è ora disposto a mettere in gioco le entrate tra l'espansione degli aiuti militari della NATO all'Ucraina e tra le dichiarazioni più forti degli Stati Uniti sull'aiutare l'Ucraina a vincere la guerra".

Simone tagliapietra, esperto di energia e ricercatore presso il think tank Bruegel a Bruxelles, ha affermato che "muovendosi in questo modo, la Russia sta sfruttando la frammentazione dell'UE: è una strategia divide et impera... ed è per questo che abbiamo bisogno di una risposta coordinata dell'UE".

Qual è lo stato dell'approvvigionamento di gas in Europa?

Le sanzioni coordinate degli Stati Uniti e dell'Unione Europea esentano i pagamenti per petrolio e gas. Questa è una concessione della Casa Bianca agli alleati europei che dipendono molto di più dall'energia dalla Russia, che fornisce il 40% del gas europeo e il 25% del suo petrolio al costo di 850 milioni di dollari al giorno.

Molti non sono contenti che le utility europee stiano ancora acquistando energia dalla Russia, che in media ha ottenuto il 43% delle entrate annuali del governo dalle vendite di petrolio e gas tra il 2011 e il 2020, secondo la US Energy Information Administration.

La decisione della Russia di ridurre le vendite di gas al di fuori dei contratti a lungo termine prima della guerra, contribuendo a una crisi energetica invernale che ha fatto aumentare i prezzi, è servita da campanello d'allarme sul fatto che la dipendenza dell'Europa dall'energia russa l'ha resa vulnerabile. La guerra ha significato una rapida rivalutazione di decenni di politica energetica in cui il gas a basso costo proveniente dalla Russia ha sostenuto l'economia europea.

Ma il taglio del gas naturale europeo non giova nemmeno alla Russia.

Quando si tratta di petrolio, la Russia potrebbe in teoria spedire petrolio via petroliera altrove, come in India e Cina, paesi che hanno fame di energia e non prendono parte alle sanzioni.

Ma il gas è un'altra questione. Il sistema di gasdotti dai principali giacimenti nella penisola di Yamal, nella Russia settentrionale, verso l'Europa non si collega al gasdotto che porta alla Cina. E la Russia ha solo strutture limitate per esportare gas liquefatto via nave.

L'Europa potrebbe sopravvivere a un taglio totale del gas?

L'economia europea sarebbe in difficoltà senza il gas naturale russo, anche se l'impatto varierebbe in base a quanto utilizzano i paesi. Le stime degli economisti variano ampiamente per la crescita persa per l'economia europea nel suo insieme. Gli analisti di Moody's hanno affermato in un recente studio che un taglio totale dell'energia - gas e petrolio - getterebbe l'Europa in una recessione.

La Germania, la più grande economia del continente, è fortemente dipendente dall'energia russa. La sua banca centrale ha affermato che un taglio totale potrebbe significare 5 punti percentuali di perdita di produzione economica e una maggiore inflazione.

L'inflazione è già a livelli record, rendendo tutto più costoso, dai generi alimentari alle materie prime, trainato dall'impennata dei prezzi dell'energia.

Il gruppo di esperti Bruegel ha stimato che l'Europa sarebbe inferiore del 10-15% alla domanda normale per superare la prossima stagione di riscaldamento invernale, il che significa che dovrebbero essere adottate misure eccezionali per ridurre il consumo di gas.

Cosa sta facendo l'Europa per ridurre la dipendenza dal gas russo?

I leader europei hanno detto che non possono permettersi le conseguenze di un boicottaggio immediato. Invece, hanno in programma di ridurre il consumo di gas russo il più rapidamente possibile. Stanno ordinando più gas naturale liquefatto, che arriva via nave; cercare più gas dai gasdotti da luoghi come la Norvegia e l'Azerbaigian; accelerare la diffusione dell'energia eolica e solare; e spingendo le misure di conservazione.

L'obiettivo è ridurre di due terzi l'uso del gas russo entro la fine dell'anno e completamente entro il 2027. Resta da vedere se tale obiettivo potrà essere raggiunto nella pratica. C'è un limite alle forniture di gas liquefatto, con i terminali di esportazione che funzionano a pieno regime.

La Germania, che non ha terminal di importazione, sta cercando di costruirne due, ma ci vorranno anni. L'Italia, che ottiene il 40% del suo gas dalla Russia, ha raggiunto accordi per sostituire circa la metà di tale importo da Algeria, Azerbaigian, Angola e Congo e sta cercando di aumentare le importazioni dal Qatar. E l'Europa è sotto pressione per rifornire le sue riserve sotterranee in tempo per la domanda di riscaldamento del prossimo inverno.

La situazione è abbastanza grave che la Germania ha dichiarato un allarme tempestivo di un'emergenza energetica, la prima di tre fasi. (Fonte : cbsnews.com)

Altre News per: russiataglianaturalebulgariapoloniacosadietro