Apex Legends trascina Mad Maggie nella mischiaViaggio d’affari in Australia: richiedi il visto giustoIdee regalo del Gruppo LEGO per un San ValentinoCelly TrainerRound RecensioneASUS amplia la gamma di Schede Madri Intel vivo Cashback: fino a 100€ di rimborso sull’acquisto di uno ...Cellularline - nuovi power bank super compatti Come trovare un hosting gratis per il sito che vuoi creare?5 consigli per organizzare l'home office perfetto e come progettare ...Migranti : nuovi sbarchi a LampedusaCaro-energia : -0,8% impatto sul Pil 2022Vaccini Covid : ciclo completo e 87,08% over 12Pannelli solari: fonte di energia alternativa e sostenibilePratici e funzionali, ecco come funzionano i faretti LedUdine : 18enne muore nell'ultimo giorno stageCovid, dati vicini a prima ondata : Omicron variante dominanteRimini: Dove Soggiornare, Cosa Vedere e VisitareAnticipo Serie A : Verona - Bologna 2-1Birmania : condannati a morte 2 attivistiIncidente nel Materano : morti 3 giovaniOfferte Fibra Ottica: Cosa Valutare Prima Di AbbonarsiPokémon UNITE - arriva Trevenant e un aggiornamento J MASKS: EROI DELLA NOTTE disponibile per PS5 e Xbox Series XArriva Mario Kart 8 Deluxe Seasonal Circuit ItalyLa Mia Amica Peppa Pig disponibile per PS5 e Xbox SX
di Francesco Oliva di giovedì 18 novembre 2021

Veneto, Luca Zaia : lockdown non vaccinati sarebbe un errore

Veneto, Luca Zaia : lockdown non vaccinati sarebbe un errore

“Imporre un confinamento ai non vaccinati sarebbe un errore, ha dei limiti costituzionali oggettivi. Dovremmo investire di più nel dialogo convincendo i tifosi a vaccinarsi. In ogni caso, prenderemo tutte le decisioni insieme, tra governatori”. Lo ha detto in un'intervista al Corriere della Sera Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, che ha aggiunto sull'ipotesi della vaccinazione obbligatoria: “Qualcuno può pensare che in questo Paese i cittadini possano essere obbligati a vaccinarsi?

Anche il suo libro, in uscita oggi per Marsilio, parla di pandemia, il titolo è 'Pensiamoci', un riferimento allo slogan di Maurizio Crozza. “Ognuno ha i suoi strati intermedi e io, con Crozza, ho capito che “ pensiamoci ”è mio. È un'italianizzazione della "rasonghe sora" veneziana. L'ho scelto in parte per prendermi in giro, in parte per il marketing, e poi mi piace Crozza: fa satira informata. In una pandemia, metterei prima il mio punto stampa e poi la parodia. Sono stati mesi duri. Il sottotitolo infatti è "dalla pandemia all'autonomia", nasce da riflessioni sul Covid e le sue ripercussioni: "Zaia nega che sia un manifesto politico per il salto nazionale". Non saltare. È scritto chiaramente sul retro. cover that this not è un manifesto politico. Volevo fare un "punto di partenza" in questo big bang della storia. La parte biografica c'è perché, nei momenti drammatici, gli esseri umani pensano a chi sono, da dove vengono. Gli amministratori vengono identificati come persone fredde. Non è così".

Quando gli viene chiesto se ha mai pianto durante una pandemia, risponde: “Certo. All'inizio è stato tragico perché avevamo tutti paura di morire. Nessuno aveva le istruzioni per l'uso. Quel 21 febbraio 2020, quando mi hanno raccontato del primo caso di Covid a Vò Euganeo, mi è sembrato di andare in guerra”.

Con Salvini, sottolinea Zaia: "Ho un ottimo rapporto. Ha preso una partita al tre per cento e l'ha alzata, oggi a 18. Ha raggiunto punte più alte, ma la politica è andata su e giù". Il libro non è ancora stato pubblicato e qualcuno ha già scritto che "traccia la terza via tra il draghiano europeo Giancarlo Giorgetti e il sovranista non draghiano Matteo Salvini". «Vorrebbe puntare meno sul dito e più sulla luna - dice il governatore del Veneto - L'esperienza da amministratore nella pandemia mi dice che non abbiamo metabolizzato nessuna riflessione di quei mesi: l'emergenza che resterà è la sociale, di cui parliamo, con nuovi conflitti e parte della comunità intollerante ad ogni regola”.

Altre News per: venetolucazaialockdownvaccinatisarebbeerrore