God of War Ragnarök verrà lanciato l'11.09.2022.Nintendo Switch – Modello OLED edizione speciale Splatoon 3Italian Video Game Awards 2022: ecco i vincitori Hisense presenta la nuova gamma TV 2022Cellularline lancia il sistema di ricarica 3 in 1 per dispositivi ...Destroy All Humans! 2 - Reprobed - Co-Op TrailerKingston rilascia la chiavetta USB IronKey Locker+ 50Presentato ‘Xiaomi Planet’, il mondo virtuale dedicato alla formazioneMichael Jordan è l’atleta di copertina di NBA 2K23Stampante 3D FLSUN Super Racer (SR)A Roma Baby gang massacra di botte due ragazzini disabili per 5 euroApple iPad Grigio siderale (9ª generazione) Sconto e OffertaWilly Monteiro Duarte : i fratelli Bianchi condannati all’ergastoloJohnny Depp : Amber Heard vuole annullare il processoAntonella Mosetti tutta nuda fa impazzireMosca : il Kursk è sotto attacco di Kiev, in Mar Nero missili pronti ...Usa, spari festa per l'Indipendenza : morti e feriti, arrestato il ...Guerra Ucraina : Missili russi su Sumy, 6 feritiLavorazioni di rettifica sui metalliBandai Namco annuncia MY HERO ULTRA RUMBLESWORD ART ONLINE Alicization Lycoris - Nintendo Switch Announcement Hisense cattura il suono con la nuova Soundbar HS218505 GAMES SARÀ PRESENTE A GAMESCOM 2022Sparatoria Copenaghen : 3 morti e feritiMafia e traffico droga a Bari : 25 arresti
di Vito Manzione di domenica 25 aprile 2021

Mazzette ai boss : arrestati giudice e avvocato!

Mazzette

Circa 1 milione e 200mila euro in contanti sono stati recuperati dai carabinieri durante le perquisizioni disposte nell'ambito dell'operazione che, questa mattina, ha portato all'arresto del giudice Giuseppe De Benedictis, magistrato dell'Ufficio GIP di Bari e dell'avvocato Giancarlo Chiariello. I due sono accusati di corruzione.

Il denaro, ha detto in una nota l'esercito barese, era nascosto nell'abitazione del figlio dell'avvocato Chiariello, anch'egli indagato, diviso in tre zaini nascosti all'interno di un divano e di un armadio. Sono in corso indagini per verificare l'origine del denaro. Per la Dda di Lecce il giudice e l'avvocato avevano da tempo stipulato un patto di corruzione in base al quale in cambio di somme di denaro contante - consegnate a domicilio e allo studio legale, o addirittura all'ingresso di un bar situato nei pressi del nuovo Palazzo di Giustizia a Bari-

I beneficiari, per lo più appartenenti a famiglie mafiose o legati alla criminalità organizzata a Bari, Foggia e Gargano, potendo contare sul comprovato patto corruttivo tra giudice e avvocato (circostanza che da tempo è nota in ambito criminale denunciati da collaboratori di giustizia), in cambio del pagamento di somme di denaro, hanno potuto ottenere disposizioni per la concessione degli arresti domiciliari, pur essendo sottoposti a misure cautelari in carcere per reati, anche associativi di estrema gravità, che ha permesso loro di rientrare nel circuito criminale, con indubbio vantaggio proprio, del difensore e delle stesse organizzazioni criminali.

Altre News per: mazzettebossarrestatigiudiceavvocato