di Zazoom di sabato 17 febbraio 2024

Il Castello delle Cerimonie confiscato per abusivismo edilizio

castello delle

Il ristorante La Sonrisa, meglio conosciuto come "Il Castello delle Cerimonie" per la sua popolarità acquisita grazie al programma televisivo di Real Time, è stato confiscato a seguito di una sentenza della Suprema Corte di Cassazione per una serie di abusi edilizi. Questi abusi risalgono al 1979 e si estendono su un'area di 40.000 metri quadrati. La vicenda giudiziaria ha avuto inizio nel 2011, quando furono contestati i suddetti abusi. Nel 2016, Rita Greco, moglie del defunto Don Antonio Polese, e Agostino Polese, fratello di Don Antonio, furono condannati a un anno di reclusione con pena sospesa dal Tribunale di Torre Annunziata. La sentenza di primo grado è stata poi parzialmente riformata dalla Corte d'Appello di Napoli e ora è divenuta definitiva con il pronunciamento della Cassazione.

Confisca per Abusivismo Edilizio al "Castello delle Cerimonie

Con la confisca, terreni e immobili passano di proprietà al Comune di Sant'Antonio Abate. La situazione attuale solleva interrogativi sul futuro del ristorante e del reality show "Il Castello delle Cerimonie". Vi è preoccupazione per l'occupazione, dato che la struttura garantisce lavoro a molte persone, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi. La sindaca di Sant'Antonio Abate, Ilaria Abagnale, ha espresso sorpresa per il verdetto, sottolineando l'importanza della struttura per l'economia locale e la volontà di rispettare la sentenza, garantendo trasparenza e legalità.

Il programma "Il Castello delle Cerimonie", in onda dal 2014, ha prodotto 141 puntate in 12 edizioni. Dopo la morte di Don Antonio Polese, il titolo è stato modificato da "Il Boss delle Cerimonie" a "Il Castello delle Cerimonie".