di Alessia Mogevero di venerdì 3 novembre 2023

Porte in PVC: come scegliere il giusto modello per la tua abitazione o il tuo ufficio

porte come

Per molti anni il legno è stato considerato il materiale più adatto alla realizzazione delle porte interne ed esterne, in particolar modo delle prime. Ma da tempo, grazie anche a notevoli progressi tecnologici, si sono diffuse in commercio altre soluzioni sicuramente eleganti e raffinate con caratteristiche tecniche particolarmente interessanti. Una di queste soluzioni è il PVC (cloruro di polivinile).

Oggi, che si voglia acquistare una porta esterna, una porta scorrevole, un portoncino in PVC con vetro, una finestra e via discorrendo, si ha a disposizione una vastissima gamma di prodotti in PVC di vario stile e colore, adatte sia ad abitazioni domestiche che ad ambienti lavorativi come per esempio gli uffici.

Quali sono le caratteristiche di porte e finestre in PVC?

Cominciamo col premettere che all’interno di un’abitazione le porte hanno un ruolo fondamentale: garantiscono la suddivisione e la privacy dei vari spazi interni alla casa, hanno funzioni di sicurezza e sono anche un importantissimo elemento d’arredo che deve sposarsi perfettamente con lo stile e l’arredamento della casa.

Se, come abbiamo detto, in passato era il legno la scelta principale che veniva presa in considerazione, oggi si opta sempre più spesso per modelli in PVC, materiale che si distingue per le seguenti caratteristiche:

  • è piuttosto economico;
  • è molto resistente e quindi adatto sia agli interni che agli esterni (resiste a graffi, intemperie e alle varie sollecitazioni quotidiane);
  • è un materiale molto versatile disponibile in molti colori ed effetti (fra cui quello legno) e può adattarsi agli stili più diversi, da quello classico, a quello rustico a quello più moderno o minimal;
  • garantisce un ottimo isolamento termico e acustico.

La caratteristica dell’ottimo isolamento termico è molto importante nell’ottica dell’efficienza energetica. Porte e serramenti in PVC evitano dispersioni sia di fresco che di calore a seconda della stagione e ciò si concretizza in bollette energetiche meno pesanti e in una riduzione dell’impatto ambientale.

Quale modello scegliere per l’abitazione o per l’ufficio?

Come detto, il PVC è un materiale molto versatile che può adattarsi agli stili più vari. Ovviamente, per scegliere il modello più adatto è necessario fare riferimento allo stile dell’abitazione o dell’ufficio. Un conto è scegliere una porta per un ambiente classico o rustico e un altro è sceglierla per un ambiente minimal o moderno.

Oltre allo stile si deve anche tenere conto dei colori di pavimenti e pareti e ovviamente dei vari complementi d’arredo.

Per esempio, in un’abitazione dallo stile più tradizionale si può optare per tonalità piuttosto classiche come il legno naturale o il bianco crema. In una casa o in un ufficio dallo stile minimalista, si tende a optare per colori quali il bianco o altre tinte tenui come per esempio il grigio chiaro oppure, per contrasto, per un colore nero degli infissi.

Se invece dobbiamo scegliere porte e finestre in PVC per un ambiente shabby chic potremmo optare un marrone chiaro, ma anche un bianco o per un grigio chiaro.

Per quanto riguarda poi la tipologia di porta, si hanno a disposizione soluzioni in PVC sia tradizionali (ante battenti) che scorrevoli (in questo caso le ante scorrono e si sovrappongono l’un l’altra). Quest’ultimo è un tipo di porta che è l’ideale quando c’è la necessità di recuperare spazio.

Ovviamente poi il tutto deve essere mediato dal gusto personale, sia per quanto riguarda i colori che per quanto riguarda la tipologia di apertura.

Ultime Notizie