di Giuseppe Saieva di martedì 10 ottobre 2023

I finalisti dell'edizione 2023 di Red Bull Indie Forge

finalisti dell

RED BULL INDIE FORGE:

ANNUNCIATI I 5 VIDEOGIOCHI INDIE FINALISTI

Il progetto che grazie al supporto di Red Bull “mette le ali” agli sviluppatori indipendenti italiani è sempre più vicino al suo verdetto. L’edizione di quest’anno ha registrato un nuovo record di candidature, col 20% in più di adesioni rispetto allo scorso anno. I 5 titoli selezionati per accedere alla finale hanno dimostrato di essere lo specchio dell’espansione della produzione di videogiochi in Italia. Gli studi finalisti saranno ospiti sul canale Twitch RedBullIT per raccontare i propri titoli a partire dal 13 ottobre.

Red Bull Indie Forge, il progetto innovativo dedicato alla scoperta e al supporto degli sviluppatori italiani, ha chiuso le iscrizioni ed è pronto ad aprire il sipario sulla seconda fase, il momento più acceso della competizione che porterà alla proclamazione dei suoi vincitori. Le candidature inviate nel corso degli ultimi mesi, hanno ampiamente superato il già alto numero di adesioni dello scorso anno, confermando la crescente vivacità della produzione dei videogiochi in Italia e dimostrando la necessità di dedicare le giuste attenzioni a un settore in forte espansione. A impegnarsi in questo progetto al fianco di Red Bull, quest’anno saranno presenti nuovi partner del calibro di Acer e Digital Bros Game Academy e non mancano le riconferme di Multiplayer.it come media partner e di Big Rock, che rinnova anche per questa edizione il suo interesse nella causa.

Tra i tanti candidati che hanno aderito all’iniziativa, solo 5 progetti sono riusciti ad aggiudicarsi l’accesso alle finali. I giurati hanno selezionato prodotti molto diversi fra loro, alcuni dalla narrativa forte, altri dallo stile grafico accattivante e altri ancora dalle meccaniche innovative. Si comincia con Umbral Core, opera di A Few Rounds Games, un picchiaduro in 2.5 dimensioni con una direzione artistica dalle tinte dark-fantasy. Monster Chef, sviluppato da Studio Pizza, è un coloratissimo roguelike “cook and slash” con componenti gestionali e ingredienti mostruosi. Il tower defense TEOM: The Enemy of Mine, di Voxel Studio, offre un gameplay dalle infinite possibilità grazie ai livelli dinamici e interattivi e alla modalità roguelike. Glasshouse è un survival RPG classico, realizzato da FLAT28, ambientato in un mondo distopico in rovina dove sarà necessario sopravvivere per riuscire a svelare il mistero politico che attanaglia il feudo di Lundonstoch. Infine, While We Wait Here di Bad Vices Games è un videogioco gestionale che sovrappone alle rilassanti dinamiche di amministrazione di un diner uno scenario post-apocalittico che lascia spazio a un’atmosfera intima in attesa della fine del mondo.

La selezione dei finalisti è stata affidata a profili internazionali in grado di valutare meticolosamente le molte sfaccettature dello sviluppo dei videogiochi: Alessandro Fileni, professionista che nel suo passato ha curato il lancio di importanti titoli per aziende come CD Projekt Red e Private Division; Giovanna Villani, attualmente coordinatrice del team di Business Acquisition per lo scouting di progetti adatti ad ampliare il portfolio del publisher 505 Games; Vincenzo Lettera, responsabile editoriale di Multiplayer.it, attivo nel mondo dei videogiochi dal 2005; Marco Savini, fondatore di BigRock, la prima scuola di riferimento nel panorama della Computer Grafica in Italia; Lisa Gobbi, Senior Artist in Avalanche Studios Group proveniente da realtà di spessore come Ovosonico, Milestone e Codemasters; Rocco Scandizzo, Head of Business Development per EMEA nel team dedicato a Unreal Engine in Epic Games; Marco Minoli, CMO del gruppo Slitherine, impegnato nel settore da quando ha seguito il lancio del primo Tomb Raider; e, infine, William Breviario, Business Manager in Acer per le categorie di Notebook e Desktop Gaming.

La spiccata eterogeneità dei titoli giunti in finale, fortemente rappresentativa della diversità emersa dalle tante candidature, dimostra la direzione espansionistica del settore dello sviluppo dei videogiochi in Italia, sempre più propenso a esplorare nuovi generi e a sperimentare un’integrazione di elementi di carattere personale ad altri più iconici. Proprio per supportare questa crescita, Red Bull vuole offrire anche quest’anno il proprio supporto a quelle realtà che hanno il maggiore potenziale, “mettendo le ali” a quei progetti che, con il giusto aiuto, potranno ricevere l’attenzione che meritano.

Per tutti coloro che sono curiosi di scoprire nel dettaglio le caratteristiche dei videogiochi entrati in finale, i vincitori della durissima selezione saranno protagonisti delle prossime dirette sul canale Twitch RedBullIT, previste dal 13 ottobre al 12 novembre. Le trasmissioni continueranno, con la direzione di Marco Mottura, ogni giovedì per un totale di 5 appuntamenti, il 13 ottobre con FLAT28, il 19 ottobre con Voxel Studios, il 26 ottobre con Bad Vices Games, il 9 novembre con A Few Rounds Games e il 16 novembre con Studio Pizza. Per vedere i finalisti in azione e saperne di più sul loro gameplay, gli appassionati non potranno perdersi le dirette di Kurolily.

La creator, infatti, porterà i 5 titoli sul suo canale per mostrare alla sua affezionata community uno spaccato sulle dinamiche di gioco. Inoltre, l’ultima data da segnare sul calendario è il 14 dicembre, giorno in cui avrà luogo la finalissima e si scopriranno i vincitori: un appuntamento impossibile da perdere! Milan Games Week & Cartoomics 2023, infine, sarà il momento ideale per chi fosse interessato ad ammirare di persona i protagonisti di questa edizione di Red Bull Indie Forge, approfittando anche della possibilità di avere un confronto diretto con gli sviluppatori e di esprimere la propria preferenza per l’assegnazione del “premio del pubblico”. La manifestazione irrinunciabile per tutti gli appassionati di gaming e videogiochi, ospiterà infatti i 5 finalisti dal 24 al 26 novembre a Fieramilano (Rho), un’occasione più unica che rara di vivere l’atmosfera dello sviluppo di videogiochi in Italia dal vivo.