di Zazoom di mercoledì 23 agosto 2023

Stupro di Gruppo a Palermo: Dibattito Sociale e Derive Online

stupro gruppo

La dolorosa vicenda dello stupro di gruppo avvenuto a Palermo continua a scuotere il dibattito sociale, generando anche preoccupanti deviazioni in alcuni contesti. L'aspetto inquietante di questa situazione è l'ampia diffusione delle immagini dei giovani coinvolti nell'indagine attraverso i loro profili Facebook, raggiungendo migliaia di visualizzazioni. Questo ha scatenato non solo commenti pieni di odio su piattaforme come Facebook, Twitter, Instagram e TikTok, ma ha anche alimentato una curiosità morbosa.

In un contesto in cui le comunicazioni avvengono sempre più spesso online, è su Telegram che si è assistito alla formazione di tre gruppi: due aperti al pubblico e uno riservato. Inizialmente, il loro numero di iscritti si aggirava tra 12.000 e 14.000, ma tale cifra si è ora ridotta drasticamente. Lo scopo principale di questi gruppi era unico: rintracciare il video che testimonia lo spaventoso episodio di stupro di gruppo che ha coinvolto una giovane di 19 anni.

Domande come "Chi possiede il video di Palermo? Offro scambi" e "Qualcuno ha il video dello stupro di gruppo a Palermo riguardante i sette ragazzi?" erano all'ordine del giorno, a dimostrazione di quanto fosse diffusa la ricerca di questo materiale. È rimasto incerto se qualcuno sia riuscito ad ottenere il video prima dell'arresto dei sette ragazzi coinvolti. Tre di loro sono stati arrestati all'inizio di agosto, mentre gli altri quattro sono stati fermati il venerdì successivo.

Il problema si complica ulteriormente a causa della diffusione di notizie e profili falsi. Su TikTok e Instagram, sono emersi profili contraffatti dei ragazzi arrestati, incluso quello di un minore rilasciato e affidato a una comunità. Questi profili esaltano la libertà ritrovata e cercano persino interazioni sentimentali. Questo passaparola, tuttavia, infrange ogni regola etica, specialmente considerando la delicatezza del caso.

Diversi artisti e personalità, tra cui Ermal Meta, Frankie Hi Ntg, Nina Zilli e Fiorella Mannoia, hanno manifestato indignazione attraverso i social media, invitando i loro colleghi ad assumere posizioni pubbliche sulla vicenda. Anche gli accademici si sono espressi, cercando di comprendere gli aspetti sconcertanti dell'accaduto. La criminologa Roberta Bruzzone ha definito l'ordinanza di custodia cautelare "un vero e proprio film dell'orrore". Il sociologo Francesco Pira, docente all'Università di Messina, ha analizzato il ruolo dei social media nell'espansione del privato e dell'intimità nel contesto digitale, sottolineando il declino del buonsenso.

La professoressa Giovanna Corrao, esperta di letteratura italiana e filosofia a Palermo, ha colpito duro, rivolgendo le sue critiche alle famiglie coinvolte. Ha sottolineato la necessità di una riflessione profonda, evidenziando come la comunicazione digitale non possa sostituire il ruolo dei genitori nel guidare e controllare l'uso dei dispositivi da parte dei propri figli.

Altre News per: stuprogruppopalermodibattitosocialederiveonline

Advertising