Zazoom di 23 lug 2023

Tragico attacco a giornalisti russi in Ucraina: bombe a grappolo scatenano indignazione

tragico attacco

Una tragica vicenda ha scosso la regione meridionale di Zaporizhzhia, poiché la Russia ha accusato l'Ucraina di aver effettuato un attacco utilizzando le famigerate bombe a grappolo. Durante questo raid, un giornalista dell'agenzia russa Ria Novosti, Rostislav Zhuravlev, ha perso la vita, mentre altri tre reporter sono stati feriti. L'incidente ha suscitato indignazione e sconcerto in tutto il mondo.

Secondo quanto dichiarato dal ministero della Difesa di Mosca in una nota, l'attacco dell'esercito ucraino con munizioni a grappolo ha causato ferite di diversa gravità a quattro giornalisti. La vittima Rostislav Zhuravlev è stato colpito nei pressi del villaggio di Pyatikhatki, mentre si trovava a seguire la situazione nella regione di Zaporizhzhia.

La notizia del tragico evento è stata diffusa rapidamente dai media russi e ha scatenato un'ondata di indignazione sui social e tra la comunità giornalistica internazionale. Oltre a Zhuravlev, altri tre reporter sono stati colpiti durante lo stesso raid. Tra loro c'è Konstantin Mikhalchevsky, corrispondente fotografico di Ria Novosti, Roman Polskov di Izvestiya e il cameraman Dmitriy Shikov.

Le ferite riportate dai giornalisti sono gravi, con Polskov che ha riportato la rottura di una gamba e ferite da schegge in diverse parti del corpo, mentre il cameraman Shikov ha una frattura all'anca. Le autorità stanno fornendo tutte le cure mediche necessarie ai feriti.

La notizia ha suscitato ulteriori polemiche, poiché il giornale tedesco Deutsche Welle ha riportato che anche uno dei suoi fotografi, Eugene Shilko, è stato ferito in un attacco con bombe a grappolo nella zona di Kramatorsk, nel Donetsk, a circa 23 chilometri dalla linea del fronte. L'ufficiale ucraino sarebbe stato ucciso nell'attacco e diversi altri sarebbero rimasti gravemente feriti.

La situazione è diventata ancora più tesa con le accuse della Russia che attribuisce la responsabilità dell'attacco agli Stati Uniti, affermando che l'Ucraina avrebbe utilizzato munizioni a grappolo fornite dagli USA. Tuttavia, finora non sono state fornite prove specifiche a supporto di queste affermazioni.

La comunità internazionale guarda con preoccupazione alla situazione, e la portavoce del ministero degli Esteri russo ha definito l'attacco "un crimine odioso" e minacciato che i responsabili saranno puniti. Questo evento ha sollevato anche questioni sulle armi utilizzate nei conflitti e sulla necessità di garantire la sicurezza dei giornalisti che operano in zone di guerra.

La tragedia ha messo in luce ancora una volta l'importanza di proteggere i professionisti dei media e garantire la loro sicurezza mentre cercano di riportare informazioni accurate da aree pericolose. Le indagini su questo sconvolgente episodio proseguono, mentre il mondo rimane in attesa di ulteriori sviluppi e spera in una soluzione pacifica e duratura per il conflitto tra Russia e Ucraina.

Altre Notizie: Agrigento: uomo accoltella la moglie e due figli, si barrica in casa per ore; Studio Rivela Potenziale Effetto Protettivo del Covid-19 Contro il Cancro; Morbillo: Aumento Esponenziale dei Casi in Italia ad Aprile 2024;