di Angelo Caputo di martedì 27 dicembre 2022

Valutazione dei rischi: a che cosa serve?

valutazione rischi

Una delle colonne fondanti della sicurezza in un contesto aziendale è rappresentata dalla valutazione dei rischi. Immaginiamo di avere a che fare con un macchinario che resta in funzione a tutte le ore del giorno e della notte, il quale produce una determinata quantità di articoli. A mano a mano che il tempo passa, si potrebbe pensare di incrementare la quantità di articoli, così da aumentare le vendite e quindi i guadagni. Per raggiungere questo obiettivo si deve intervenire sul macchinario, per esempio modificando alcuni componenti. In questo modo, con tutta probabilità, si può ottenere un vantaggio significativo. Dopodiché si deve prestare attenzione alla manutenzione: è chiaro, infatti, che qualora il macchinario si dovesse guastare si andrebbe incontro a numerosi problemi. Ebbene, la valutazione dei rischi ha a che fare con questo esempio: scopriamo il perché.

Come un macchinario da mantenere

Per evitare i malfunzionamenti di un macchinario bisogna agire in modo da evitarli, e quindi identificare delle regole per cambiare i componenti. Ma tali regole possono essere stabilite unicamente se si ha una conoscenza approfondita del macchinario, e se si sa quali sono le componenti che più delle altre rischiano di essere oggetto di usura, poiché per loro ci sarà un rischio di rottura più elevato. A partire da queste considerazioni si può stilare un programma di manutenzione che riuscirà a garantire i risultati desiderati. Una valutazione dei rischi è proprio questo: studiare le componenti che rischiano di causare il guasto del macchinario. Lo scopo è impedire il verificarsi di un fermo macchina.

La sicurezza sul posto di lavoro

Ovviamente la valutazione dei rischi è un concetto che riguarda soprattutto la salute e la sicurezza dei lavoratori. Stiamo parlando di un’attività di analisi di ogni rischio potenziale: di conseguenza, rischi per la sicurezza e rischi per la salute che possono essere riscontrati nel contesto organizzativo nel quale i lavoratori sono impegnati. Lo scopo di una valutazione dei rischi di questo tipo consiste nel riuscire a identificare le giuste misure di protezione e di prevenzione, ma soprattutto stilare il cosiddetto piano di miglioramento, vale a dire il cronoprogramma degli accorgimenti che hanno lo scopo di assicurare, con il passare del tempo, il costante aumento dei livelli di sicurezza sul posto di lavoro.

Obiettivo sicurezza

La valutazione dei rischi è un’attività che può essere considerata come una presa di coscienza dell’impresa, e soprattutto del datore di lavoro, del contesto e della situazione attuali. L’obiettivo della valutazione è fra l’altro fornire un indirizzo e indicare una priorità rispetto alle diverse misure di protezione e di prevenzione. Alla base della sicurezza in azienda c’è fra l’altro un piano di miglioramento che può essere adottato nel corso del tempo. È un’attività così fondamentale che, per la legge, essa deve essere svolta dal datore di lavoro. Quest’ultimo, in ogni caso, ha la possibilità di avvalersi della collaborazione di diversi professionisti, come per esempio il responsabile del servizio di prevenzione e protezione o il medico competente. Ad ogni modo è comunque il datore di lavoro il responsabile della sicurezza sul posto di lavoro.

Tutti i fattori di rischio

In materia di valutazione dei rischi si fa riferimento allo studio di ogni potenziale fattore di rischio, come per esempio il rischio da stress lavoro correlato. Le attività che vengono svolte dal medico competente, a cominciare dalla sorveglianza sanitaria, integrano il quadro ma non devono essere considerate un surrogato di una valutazione dei rischi adeguata. Come si sarà capito, lo scopo principale della valutazione dei rischi consiste nel garantire, in azienda, la sicurezza di tutti i lavoratori. Si tratta di un processo piuttosto meticoloso ed elaborato, ma che non può essere evitato.

Una fotografia della situazione in azienda

Con l’aiuto della valutazione dei rischi si ha a disposizione uno strumento grazie a cui è possibile, fra l’altro, definire le migliori misure di protezione e di prevenzione. Al tempo stesso si ha l’opportunità di stilare un programma di misure finalizzate ad aumentare la sicurezza e la salute con il tempo. Ecco spiegato il motivo per il quale la valutazione non può essere fissa e immutabile, ma deve essere aggiornata periodicamente e rivista in base alle variazioni e ai cambiamenti che si verificano.

Altre Notizie: Ucraina - Zelensky: Con armi Usa possiamo vincere la guerra; Monza-Atalanta 1-2 - nerazzurri vincono con gol di De Keteleare e Touré; Europee - Pd con Schlein doppia capolista ma partito si spacca su simbolo;