di Zazoom di mercoledì 5 ottobre 2022

Imballaggi alimentari, sono rischiosi per la salute dei consumatori?

imballaggi alimentari

Il packaging alimentare si riferisce a tutti i materiali a diretto contatto con gli alimenti. Gli imballaggi per alimenti creati a fini di trasporto, protezione, conservazione e informazione dei prodotti e comprendono principalmente plastica, vetro, cartone, metallo e legno.

Perché si utilizzano gli imballaggi per alimenti?

Il packaging è un settore dinamico e in continua evoluzione. Sapersi adattare al cambiamento gestendo i possibili rischi e facendo un uso razionale delle risorse è essenziale per garantire la sostenibilità del settore. L'imballaggio svolge un ruolo di marketing oltre che pratico. Deve tutelare il prodotto, rappresentare il marchio, distinguersi dalla concorrenza e incoraggiare il consumatore ad acquistare.

Gli imballaggi alimentari professionali devono inoltre consentire il trasporto senza rischi per gli alimenti, anche in condizioni climatiche estreme o che variano durante il trasporto (gli alimenti possono essere particolarmente sensibili alle variazioni di temperatura o umidità).Dalle prime fasi della sua progettazione fino al suo arrivo sugli scaffali, l'imballaggio passa attraverso una moltitudine di fasi e deve rispettare rigorose specifiche per ciascuna di esse.

Nel settore alimentare, il packaging deve soddisfare in particolare diverse esigenze essenziali quali:

  • Limitare il rischio di contaminazione
  • Conservare le qualità nutritive e organolettiche del prodotto
  • Facilitare il trasporto, l'uso e l'informazione

Gli imballaggi alimentari sono un pericolo per la nostra salute?

L'imballaggio alimentare è una risposta ai problemi di stoccaggio e trasporto, ma ogni soluzione ha i suoi difetti. Il packaging può rappresentare un pericolo per la salute del consumatore? Come apprendiamo in questo articolo pubblicato dal sito sistemieconsulenze.it, la risposta è sì, quando è errato l'utilizzo degli imballaggi MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti).

Quando questo accade, possiamo avere rischi per la salute dovuti a:

  • Assorbimento, dei composti dall'alimento da parte del confezionamento che porta poi ad un degrado degli alimenti (qualità nutrizionale e organolettica), ma anche degli imballaggi.
  • Permeazione, che spesso avviene dopo l'assorbimento. Infatti, quando la confezione viene alterata, è più probabile che le sostanze volatili vengano a contatto con gli alimenti e quindi contaminino gli alimenti.
  • Migrazione costituita dal trasferimento di costituenti del materiale utilizzato all'interno dell'alimento (additivi, monomeri, composti di nuova formazione, ecc.). Alcuni di questi componenti possono purtroppo essere dannosi per la salute.

Non tutti i materiali sono uguali in termini di rischio. Tuttavia, ognuno di essi ha i suoi difetti e contaminanti, fatta eccezione per il vetro che sembra essere molto poco soggetto a contaminazione.Per essere estremamente rigorosi, bisognerebbe tener conto anche del contatto del cibo con tutto ciò che lo tocca. Ad esempio i contenitori degli stabilimenti dove vengono prodotti, ma anche gli utensili che entrano in contatto con gli alimenti durante la preparazione.

Bisfenolo A, ftalati, idrocarburi, alluminio, microplastiche, ecc. Tutte queste sostanze, alcune delle quali a noi più familiari di altre, rischiano di migrare nei nostri alimenti. Per scoprire se la contaminazione è problematica o meno, le autorità sanitarie tengono conto della soglia di tossicità, della capacità del composto di migrare negli alimenti, nonché del tasso di esposizione relativo al presunto consumo degli alimenti. Il bisfenolo A per esempio è un comprovato distruttore endocrino che ha un impatto sulla fertilità maschile e femminile, sull'obesità, interrompe i segnali ormonali chiave, ecc. Attualmente, la dose giornaliera accettabile (DGA) per il bisfenolo A è 0,05 mg/kg/giorno.

Alcuni studi rilevano effetti sulla permeabilità intestinale di alcune sostanze, altri ancora sul rischio di cancro. Tuttavia, è difficile concludere chiaramente su un effetto reale per questo tipo di rischio.Anche l'effetto cocktail è un problema che preoccupa molto gli scienziati. Quello che viene chiamato effetto cocktail sono le possibili interazioni tra diverse molecole. Più sostanze vengono aggiunte, più complessi saranno gli effetti del cocktail da analizzare ed è praticamente impossibile testare tutte le possibili combinazioni e replicarle negli studi.Infine, spesso omesso dalle discussioni, c'è anche un impatto negativo sulla salute legato al rilascio di imballaggi alimentari nell'ambiente. Questo fenomeno porta all'inquinamento di varie risorse naturali come acqua, suolo, aria, ecc.

Gli inquinanti degli imballaggi alimentari vengono quindi assorbiti nell'ambiente naturale da pesci, animali o persino frutta e verdura e alla fine finiscono nella nostra catena alimentare.

Altre Notizie: GTA Online - Festeggia il 4/20: premi per viaggi sballati, rifornimento snack e altro ancora; RAZER KISHI ULTRA - CONTROLLER PER IPHONE 15, ANDROID E IPAD MINI; Made in Italy - rafforzato impegno Amazon-Istituzioni per crescita e protezione nel mondo;