Death Stranding Director's Cut uscirà su PC a marzoThe Elder Scrolls Online presenta High IsleUMG Twitch e Amazon esteso l'accordo di collaborazioneGTA ONLINE - Nuovo veicolo, ricompense doppie e altroNHL 22 - prime squadre femminili disponibiliTAIKO NO TATSUJIN: THE DRUM MASTER disponibile XboxStar Wars: The Old Republic Nuovo Trailer Apex Legends Ribellione - lotta per la sopravvivenza di Mad MaggieHP OMEN Citadel Gaming Chair - Sedia Gaming - RecensioneRUGBY 22 E' ORA DISPONIBILE SU CONSOLE E PCYU-GI-OH! MASTER DUEL debutta su mobileVaccino Covid : ciclo completo a 87,27% over 12Montecitorio : iniziato il quarto scrutinio presidente RepubblicaOggi Giorno memoria per le vittime dell'OlocaustoCoree : da Pyongyang nuovo lancio missileXiaomi annuncia la serie Redmi Note 11 IDEE OUT OF THE BOX PER SAN VALENTINOOverwatch - è arrivato il Capodanno Lunare 2022Windows 11: al via gli aggiornamenti della fase finaleLEGO Ideas Sonic The Hedgehog Green Hill Zone RecensioneHUAWEI WATCH GT RUNNER: LA CORSA DIVENTA PROFESSIONALE Come scegliere un servizio di hosting professionaleHUAWEI P50 Pro: LA FOTOGRAFIA ENTRA IN UNA NUOVA ERA Pierpaolo Sileri ai no-vax : Gli renderemo la vita difficile, sono ...New Tales - nasce un nuovo sviluppatore ed editore
di Paola Cammarota di domenica 14 novembre 2021

Verrà adottata in Italia! La vicenda della bimba nata da utero in affitto e poi abbandonata

Verrà adottata in Italia! La vicenda della bimba nata da utero in affitto e poi abbandonata

Il lieto fine potrebbe arrivare per la terribile storia della bambina di un anno e quattro mesi nata da madre surrogata e abbandonata dai genitori in Ucraina. Il Tribunale per i Minorenni di Torino ha aperto il processo di adozione della bambina lasciata da mamma e papà nel Paese dell'Est Europa, dove sono andati a prenderla utilizzando l'utero in affitto. È quanto si apprende negli ambienti giudiziari torinesi. La piccola è stata affidata a una famiglia che si prenderà cura di lei fino a quando non sarà data in adozione.

Una tuta da cowboy, una valigia con i suoi giocattoli preferiti e una busta con tante foto: quelle dei suoi primi 15 mesi di vita raccolte dalla tata che si è presa cura di lei fino a ieri. Così ha viaggiato la piccola nata in Ucraina con tecniche di maternità surrogata e abbandonata da genitori italiani, riportata in Italia per essere affidata a una famiglia italiana. Ad occuparsi del caso è stato il Servizio di cooperazione internazionale di polizia (Scip), con il rientro del minore ieri a Malpensa da Kiev.

I genitori italiani erano andati in Ucraina nell'agosto 2020, in una delle tranche concesse dal Covid per i viaggi aerei, per esaudire il loro desiderio di avere un figlio attraverso una madre surrogata. Al riconoscimento del bambino, la coppia è tornata in Italia affidando il neonato ad una tata locale. Compiuto il primo anno di vita del bambino, non avendo più notizie dai genitori e non ricevendo il compenso pattuito anche per il mantenimento del bambino, la tata si è recata al consolato italiano per denunciare l'accaduto.

La vicenda è rimbalzata in Pubblico Ministero e Procura per i Minorenni, che hanno confermato l'intenzione dei genitori di non voler recuperare il minore. Allo Scip è stato così affidato il rimpatrio della bambina, in stretto contatto con il consolato italiano a Kiev chiamato a rilasciare i documenti necessari per il viaggio. I carabinieri hanno chiesto la collaborazione della Croce Rossa Italiana, che comprendeva nell'équipe operativa un pediatra e un'infermiera della Croce Rossa. “Ha dormito tra le mie braccia per due ore e mezza, cioè tutto il viaggio. Lei è bellissima. Come aveva presentato la missione, avevano paura di trovare un bambino mal mantenuto, mal nutrito e deprivato emotivamente, ma non era così: il bambino è allegro e interagisce positivamente con gli adulti.

La tata, invece, una donna di mezza età che si è presa cura di lei da quando è nata, «era disperata. Stava piangendo e anche suo figlio biologico di 17 anni. Ci ha dato le foto della ragazza e ha chiesto di darla ai futuri genitori, così che quando sarà più grande possa vederle. Il pediatra racconta all'ANSA che la tata “per motivi economici, non avendo più sussidi, aveva problemi a continuare ad accudire il bambino, ma soprattutto non sapeva più giustificare la presenza del bambino nella sua vita: era preoccupata per la ripercussioni legali e per questo ha deciso di rivolgersi alle autorità”.

Carolina Casini per la Croce Rossa è stata in Mozambico, Kenya, Tunisia, Gaza, Israele, Mediterraneo «e il presidente Rocca ha pensato a me per questa missione, visto che sono pediatra. Ho accettato subito. La bambina si è lasciata coccolare, si è fidata di noi e la sua tata, per quanto 'mercenaria in un certo senso, è stata fortunata nella sua sfortunata vita. Adesso sarà accudita come dovrebbero essere tutti i bambini del mondo, da due genitori e non perché pagano qualcuno. Chi abbandona il frutto della procreazione assistita è perseguitato dalla legge allo stesso modo di chi lo fa con i propri figli naturali”. Quando Carolina è scesa dall'aereo ha proceduto a “togliersi i vestiti pesanti che indossava la bambina perché quando l'abbiamo portata in Ucraina c'era meno due gradi. È davvero una ragazza bellissima, allegra e vivace ed è stato bellissimo poterla abbracciare anche se era solo per un viaggio.

Altre News per: verràadottataitaliavicendadellabimbanata