Guilty Gear Strive arriverà a giugnoI Qualifier italiani del Red Bull Campus Clutch iniziano il 9 marzoDOOM 3 VR Edition su PlayStation VR a marzoDalla Cina con furore: tutto quello che devi sapere per risparmiare ...Tiscali Mail Dà Problemi al LoginDiodato stecca al festival di Sanremo social scatenatiCrash Bandicoot: On the Run arriva su iOS e Android il 25 marzoGUADAGNI DOPPI NELLA VERSIONE ESTREMA DI CACCIA ALL’UOMONoemi Sanremo: Abiti Dieta e MaritoFiglia Di Testo Completo Cazone Loredana Bertè Sanremo 2021Uomini e Donne: Cataldo Coccoli chi è il nuovo corteggiatore di GemmaSanremo: Orietta Berti chi è e perchè è stata inseguita dalla ...Serena Cappello chi è la moglie di Mario DraghiDpcm Draghi, tutto quello che c è da sapereSanremo: Irama non canta stasera. Sostituito da Noemi causa covidApex Legends arriva su Nintendo Switch il 9 marzoCold Iron ha annunciato Aliens: Fireteam505 Games annuncia Open Country per PCCos’è il diritto d’autore?Ashes of Creation: nuovo videoBethesda News: Il video “DEATHLOOP: una spiegazione”Pomelli o Maniglie: una guida per aiutarvi nella sceltaChi è il Gen. Figliuolo, nuovo Commissario per l'Emergenza CovidCoronavirus: la Commissione europea presenterà il suo progetto di ...Vaccini Covid: a Napoli gli effetti collaterali svuotano le scuole
di

Confronto: I migliori browser web 2020

Confronto: I migliori browser web 2020

Qual è il miglior browser per il tuo profilo? Che si tratti di controllare le email, leggere le notizie, guardare video in streaming o semplicemente fare una ricerca online, il browser è oggi l'applicazione più utilizzata sui nostri dispositivi. Inizialmente guidato da Netscape nel 1994, il mercato dei browser web è stato successivamente dominato da Microsoft e Internet Explorer. Ma negli ultimi dieci anni, Google ha guidato la danza con Chrome adottato da quasi i due terzi degli utenti di Internet.

Ma la corsa non ha fine. Nonostante una situazione di quasi monopolio, la concorrenza, pur essendo quasi interamente razionalizzata attorno a Chromium, sta aumentando il numero di innovazioni e di lavori volti all'ottimizzazione delle prestazioni. Mozilla, Microsoft, Opera Software ma anche Brave o Vivaldi non sono pronti a gettare la spugna.

Come scegliere il miglior browser? A seconda del tuo profilo e delle funzionalità che stai cercando. Sulla base dei test effettuati, questo confronto analizza le prestazioni dei 6 migliori browser:

1. Chrome il più gradito

Quando Google è entrato nel mercato dei browser nel settembre 2008, la società ha immediatamente cambiato il gioco introducendo un motore di rendering basato su Webkit e un motore di runtime JavaScript ad alte prestazioni. Ma piuttosto che affermarsi con una soluzione proprietaria, Google ha giocato la carta della finezza e ha subito conquistato i sostenitori di Firefox offrendo il suo progetto Chromium open source. Velocità, innovazione e apertura erano quindi diventati i concetti chiave per la ricetta per il successo. Google ha successivamente perfezionato il proprio lavoro offrendo il proprio motore di rendering Blink.

Con Chrome, Google ha anche introdotto un ciclo di aggiornamento veloce e regolare. Il browser riceve una nuova versione stabile principale ogni 6 settimane e una versione stabile minore ogni due o tre settimane. Mozilla sceglierà quindi di modellare il proprio ritmo di sviluppo su questo modello.

Ergonomia

Google Chrome è senza dubbio un browser di consenso. Con il 66,12% della quota di mercato secondo gli ultimi dati del mese di ottobre, Google deve soddisfare gli usi e le esigenze del maggior numero di persone. Troviamo quindi una classica navigazione a schede. La sua gestione è rapida e la sua interfaccia è semplice, in particolare perché l'editor è stato il primo a offrire un solo controllo - la omnibox - mescolando la barra degli indirizzi e il motore di ricerca.

L'interfaccia di Chrome è pronta per i pixel, proprio per soddisfare sia i principianti che i navigatori esperti. Le schede, ad esempio, non sono né troppo grandi per essere fastidiose, né troppo piccole per essere gestite in modo improprio. La scheda attiva viene immediatamente evidenziata e le varie opzioni sono raggruppate in un unico menu.

L'ergonomia è inoltre facilitata da un modulo di sincronizzazione direttamente collegato al proprio account Google. Il browser supporta più profili utente, il che rende molto più semplice condividere lo stesso computer all'interno di una famiglia. Ma soprattutto, se come il 75% degli utenti hai uno smartphone Android, potrai trovare i tuoi preferiti, le tue schede aperte, le tue password o anche la tua cronologia di navigazione da un dispositivo all'altro.

Caratteristiche

Tuttavia, semplice non significa semplicistico. Il browser ha un ecosistema molto ampio di estensioni che colmano alcune lacune o rispondono a usi avanzati o anche professionali. Troviamo anche parametri nascosti accessibili agli utenti più esperti.

All'interno del Chrome Web Store troviamo decine di estensioni. È anche la piattaforma preferita dagli sviluppatori. Tieni presente che Google ha anche recentemente rafforzato la sicurezza di questa directory di download. Il Chrome Web Store include anche un'intera serie di temi, alcuni dei quali progettati da Google. Diversi strumenti online ti consentono anche di progettare la tua interfaccia in pochi clic per avere una versione di Chrome che rifletta la tua immagine.

Tra gli ultimi lavori di Google su Chrome, segnaliamo una migliore gestione del consumo energetico per la riproduzione di video o per le schede in background. Negli anni Chrome è infatti diventato più pesante, consumando sempre più RAM e riducendo allo stesso tempo l'autonomia dei laptop. Tuttavia, Google continua a lavorare sulla velocità di caricamento delle pagine e ha annunciato aumenti delle prestazioni del 10% su Windows e Mac per Chrome 85. Chrome 87 da parte sua offre il più alto guadagno di prestazioni degli ultimi cinque anni .

Chrome offre anche una più completa gestione delle schede con la possibilità di classificarle in gruppi tematici. L'utente può anche inviare una pagina tramite un clic destro a un altro dispositivo con Chrome e connesso allo stesso account Google.

Sicurezza

Chrome non fa eccezione alla sua popolarità. Poiché è ampiamente adottato in tutto il mondo, il browser è quindi uno degli obiettivi preferiti dagli hacker malintenzionati.

Oltre ad una modalità di navigazione privata che non conserva né la cronologia di navigazione né i cookie al termine della sessione, Chrome analizza la sicurezza delle pagine visitate, in particolare assicurando una connessione HTTPS. Il team ha anche rafforzato la sicurezza in termini di gestione dei cookie, ma anche sul gestore delle password. Quest'ultimo è in grado di determinare se uno di essi è elencato in un database compromesso e ti invita a modificarlo.

Google ha un programma di ricerca di bug con cui premia i ricercatori che hanno identificato difetti più o meno pericolosi. Il browser viene esaminato anche in alcuni concorsi di tipo Pwn2own. Grazie al suo rapido ritmo di sviluppo, Google è in grado di colmare una scappatoia che viene scoperta prima di essere sfruttata. Più precisamente, una patch viene distribuita all'interno di Chromium e anche altri browser ne trarranno vantaggio.

Tuttavia, Chrome presenta un problema fondamentale: è pubblicato da Google, una società la cui stragrande maggioranza dei ricavi è basata sulla pubblicità, circa 37 miliardi di dollari solo nel terzo trimestre del 2020. E questa pubblicità è sempre più mirata raccogliendo informazioni, in particolare relative alla tua navigazione in Internet.

Conclusioni

Per quanto notevole possa essere la compatibilità con le ultime tecnologie Web, abbiamo comunque evitato il browser Google per la sua pesantezza e il suo consumo eccessivo di risorse materiali. È chiaro che il lavoro degli ingegneri sta dando i suoi frutti e Google Chrome è tornato da tempo un piacevolissimo browser.

Tuttavia, non possiamo fare a meno di segnalare la mancanza di trasparenza dell'azienda sui dati personali raccolti durante le sessioni di navigazione. Questo è il prezzo da pagare per un'esperienza davvero perfetta tra il tuo computer e il tuo smartphone.

2. Mozilla Firefox: l'alternativa a Chrome

Lanciato nel 2002 con il nome in codice Phoenix, Firefox è il risultato del lavoro sul browser Mozilla all-in-one controllato da Netscape e che incorpora un numero crescente di funzionalità (client di posta, editor HTML, modulo IRC, ecc.) . Il team di sviluppo avrà un solo obiettivo: rendere Firefox un browser semplice e veloce.

Rapidamente, la comunità open source innestata attorno a Firefox dovrà affrontare la concorrenza di Microsoft e Internet Explorer. Ma a forza di innovazioni e in vista dell'accesso a Internet che si è moltiplicato in tutto il mondo in quel momento, Firefox ha finito per guadagnare quasi il 30% della quota di mercato verso la fine degli anni 2000.

L'arrivo di Chrome nel 2008 è un punto di svolta per Firefox e, secondo Statcounter, il suo tasso di adozione è sceso al di sotto del 4%. Tuttavia, il browser presenta diversi vantaggi significativi, soprattutto dalla pubblicazione della versione Quantum nel novembre 2017. Per quest'ultimo, Mozilla ha completamente rivisto la sua applicazione.

Ergonomia

Poiché è progettato e sviluppato da un'intera comunità di sviluppatori, Firefox ha la capacità di adattarsi a vari usi. Quindi presenta un'interfaccia personalizzabile senza sovraccaricarla.

Per molto tempo Firefox è assomigliato a Google Chrome. Tuttavia, la fondazione ha rivisto l'interfaccia del browser per renderla più minimalista: niente più schede arrotondate. Inoltre, l'utente ha alcune opzioni per ottenere un'interfaccia più compatta. In questa configurazione, l'aspetto di Firefox è quindi più vicino a Safari su macOS.

Firefox ha sempre lasciato la scelta di unire il motore di ricerca e la barra degli indirizzi. Se non sei un fan della Omnibox di Chrome, potrai configurare una casella di ricerca dedicata.

È possibile aprire un account Firefox gratuitamente e attivare un modulo di sincronizzazione. Da una macchina all'altra sarà possibile trovare i tuoi preferiti, la tua cronologia, le tue schede aperte, le tue combinazioni username e password, ma anche le tue carte di credito salvate o addirittura le estensioni installate.

In termini di ergonomia, il punto debole di Firefox è la sua incapacità di gestire in modo semplice ed efficiente più profili utente. Se condividi lo stesso computer con una singola sessione su Windows, macOS o Linux, digita "about: profiles" nella barra degli indirizzi di Firefox e crea un nuovo utente. Dovrai scegliere manualmente una cartella sul computer per memorizzare i dati relativi a questo nuovo profilo. A meno che non si installi un'estensione, Firefox non offre il passaggio rapido da un profilo all'altro. Nel complesso, l'esperienza rimane quindi caotica.

Caratteristiche

Fin dalla sua nascita, Firefox ha lanciato una piccola rivoluzione nel settore dei browser: è stato il primo ad aver introdotto il supporto per i famosi add-on, queste estensioni opzionali che ne arricchiscono le funzionalità. Li troviamo per tutti gli usi e se c'è stato un tempo in cui hanno finito per appesantire il browser, il passaggio a WebExtensions ha cambiato la situazione.

Con Firefox, Mozilla rappresenta un'eccezione poiché sviluppa i propri renderer Gecko e il runtime JavaScript di SpiderMonkey. Resta il fatto che Mozilla implementa regolarmente gli ultimi standard Web e continua a lavorare sulle prestazioni complessive dell'applicazione. In Firefox 83 (novembre 2020), un aggiornamento a SpiderMonkey comporta un aumento delle prestazioni del 15% sul caricamento della pagina e del 12% sulla reattività della pagina.

Inoltre, Mozilla ha recentemente introdotto il supporto pinch-to-zoom per i computer con touchpad multi-touch. Firefox beneficia anche di un miglioramento relativo alla modalità Picture-in-Picture per la riproduzione di video in miniatura nella parte inferiore di una pagina web.

Sicurezza

La sicurezza e la privacy sono diventate il credo di Mozilla nel corso degli anni. È davvero importante notare che Firefox è pubblicato non da un'azienda ma da una fondazione e si basa su un modello non solo open source ma anche software libero. Il suo codice viene quindi rivisto regolarmente dagli sviluppatori.

Firefox include strumenti per bloccare i tracker di annunci online. Esistono anche moduli per rilevare i minatori di criptovaluta. Mozilla pubblica anche servizi di sicurezza disponibili per tutti e implementati all'interno di Firefox. Questo è ad esempio il caso di Firefox Monitor, che consente di determinare se un indirizzo e-mail è stato trovato in un database compromesso.

Recentemente, Mozilla ha anche sostituito parte del motore JavaScript al fine di fornire un miglioramento della sicurezza e della manutenzione del motore. Inoltre, una modalità Solo HTTPS consente di forzare il caricamento di una pagina Web in modo sicuro.

Mozilla non raccoglie dati da Firefox per scopi pubblicitari. L'utente può scegliere quali informazioni inviare per migliorare l'ergonomia e le prestazioni dell'applicazione.

Colusioni

Dopo più di 6 milioni di righe di codice, Firefox Quantum ha permesso alla Mozilla Foundation di ripristinare l'immagine di Firefox. E questa è una buona cosa dal momento che il browser offre una vera alternativa con le proprie tecnologie interne.

Ma tutti questi sforzi hanno un prezzo e Mozilla sta pagando un prezzo pesante. Minata dalla concorrenza nel mercato dei browser, la fondazione ha recentemente compiuto un'ondata di licenziamenti e vuole ristrutturare il proprio modello di business fino ad allora quasi interamente basato sulle commissioni dei motori di ricerca.

Per rimanere competitivi e raddoppiare le innovazioni, è quindi possibile che alcune funzionalità passino alla modalità premium. La fondazione l'ha già provato. E questa potrebbe non essere una cattiva notizia. Se c'è un browser che vorremmo vedere competere con Google Chrome più di tutti, e soprattutto in termini di privacy, è Firefox.

3. Brave: privacy e maggiore sicurezza

Dal suo annuncio nel gennaio 2016, Brave ha suscitato interesse. Va detto che il suo fondatore Brendan Eich è stato il co-fondatore, direttore tecnico e CEO di Firefox. Ma soprattutto è stato semplicemente lui a inventare il linguaggio JavaScript, la tecnologia al centro del Web moderno.

Basato su Chromium, Brave mostra immediatamente le sue ambizioni sul suo sito: "Naviga 3 volte più velocemente che con Chrome". Brave sta anche moltiplicando le funzionalità di sicurezza e privacy. In breve, Brave intende essere l'ultima alternativa al browser di Google.

Ergonomia

Poiché è basato su Chromium, Brave mostra un'ergonomia abbastanza simile a quella di Google Chrome. Ci sono alcune regolazioni visive come la personalizzazione della sezione delle preferenze o le schede ad angolo retto. Tuttavia, Brave copre generalmente le basi come la gestione multiutente o un singolo menu posizionato a destra della barra degli indirizzi.

Il browser incorpora anche un motore di sincronizzazione che consente di trasferire dati classici come preferiti, schede aperte, cronologia di navigazione, password ma anche estensioni, applicazioni e persino parametri. Nota che a differenza di altri browser, il vantaggio qui è che non è necessario creare un account utente. Basterà leggere un codice QR o copiare e incollare un codice composto da una serie di parole.

La pagina della nuova scheda è personalizzabile con uno sfondo. Possiamo anche aggiungere una visualizzazione delle statistiche sul numero di tracker bloccati o sui siti più visitati. Ma in questa pagina, Brave mette in evidenza in particolare il suo cripto-wallet.

Performance

Brave stupisce prima di tutto per la sua velocità. Mettendo da parte i benchmark abbastanza rivelatori, in uso, il caricamento delle pagine è davvero più veloce della concorrenza. In passato, dieci schede aperte erano sufficienti per influire sulle prestazioni complessive dell'applicazione. Ora tutto è stabile e la navigazione è davvero piacevole.

Caratteristiche

Brave si distingue per un sistema di premi chiamato BAT (o Basic Attention Token). L'obiettivo di questo programma è premiare gli utenti che accettano di visualizzare annunci pubblicitari preselezionati da Brave. Questi annunci sono basati sugli interessi degli utenti di Internet ma non richiedono alcun trasferimento di informazioni personali.

Per partecipare a Brave Rewards, sarà necessario aprire un crypto wallet fornito dal partner Uphold. Gli utenti Internet interessati vengono quindi pagati in token crittografici. Non si tratta di fare soldi, ma piuttosto di darli ai creatori di contenuti. Questo dispositivo almeno originale mira quindi a trovare un compromesso che soddisfi gli utenti di Internet, gli editori e gli inserzionisti.

Per il resto, Brave ha passato gli ultimi anni a mettersi al passo con la concorrenza in termini di funzionalità ma anche implementando di default i servizi di punta. Il browser include un blocco degli annunci, ad esempio, quindi non è necessario installare un'estensione dedicata.

Il team ha anche finalizzato l'integrazione di Jitsi per la funzione Brave Together. Jitsi offre una tecnologia di messaggistica istantanea, VoIP e videoconferenza multipiattaforma open source. È già possibile effettuarli dal sito. Brave Together è crittografato al 100% e, oltre al video, consente la condivisione dello schermo.

A proposito, Brave supporta le estensioni disponibili nel Chrome Web Store.

Sicurezza

Brave definisce gli standard di sicurezza. Oltre ad aver integrato nativamente un ad blocker, il team ha anche implementato l'estensione HTTPS Everywhere per forzare le connessioni crittografate. C'è anche il blocco degli script per evitare possibili attacchi di scripting.

Direttamente da un'icona posta a destra della barra degli indirizzi, l'utente può controllare in modo più preciso ciascuno degli elementi offerti da Brave per la pagina in lettura. Questo per prevenire, ad esempio, un malfunzionamento dovuto al blocco di pubblicità o script. L'idea è piuttosto ben congegnata poiché di solito è necessario destreggiarsi tra estensioni diverse per determinare la natura di un problema.

Brave viene fornito con un'opzione di navigazione privata un po' speciale poiché è basata su Tor. In concreto, come la modalità di navigazione in incognito di Chrome, tutti i dati personali o la cronologia di navigazione verranno automaticamente eliminati al termine della sessione. Ma soprattutto, il traffico viene reso anonimo poiché passa attraverso una catena che collega tre diversi computer. Usando questa opzione, Tor nasconde sia l'indirizzo IP degli utenti che dei siti che visitano al proprio fornitore di servizi.

Conclusioni

Più che un browser, Brave sta cercando di ripensare il nostro utilizzo del Web e la monetizzazione dei contenuti

Tuttavia, l'editore sta spingendo un po' troppo il suo programma BAT per i miei gusti. Certo, il dispositivo è originale ma in definitiva è destinato solo a una manciata di utenti informati e apprezziamo la possibilità di poterlo finalmente disattivare completamente. E quando lo fa, ottieni un browser minimalista super veloce.

Apprezziamo anche i vari strumenti di sicurezza incorporati per impostazione predefinita, e in particolare l'integrazione di Tor. L'implementazione è efficiente e facile da imparare. Brave rimane il punto di riferimento per la sicurezza. Quest'anno, gli sforzi concentrati sulle prestazioni e sulla stabilità lo hanno riportato sul podio. Questo è il mio preferito di questa selezione.

4. Edge: il ritorno di Microsoft

Non senza difficoltà, Microsoft è finalmente tornata nella corsa frenetica dei browser. Dopo aver imposto Internet Explorer al maggior numero di utenti attraverso Windows, la concorrenza, le critiche degli sviluppatori Web e l'emergere di standard Web hanno finalmente avuto la meglio sul browser. Così nel 2015, approfittando del lancio di Windows 10, Microsoft ha introdotto un nuovo browser più leggero, veloce e moderno e soprattutto capace di funzionare sui dispositivi mobili.

Tuttavia, gli obiettivi di Microsoft per affrontare il suo concorrente perenne Google si sono rivelati difficili da raggiungere. Va detto che gli sviluppatori avevano ormai preso l'abitudine di ottimizzare i propri siti per Google Chrome. Quindi, quando l'azienda di Redmond ha annunciato che avrebbe sostituito il motore EdgeHTML con Blink, quello di Chromium, si è sentito che stava inghiottendo il suo orgoglio. Ma questa decisione è stata calcolata perfettamente e Microsoft è riuscita a progettare un browser veramente competitivo. È importante sottolineare che due dei più grandi nomi della tecnologia stanno ora lavorando mano nella mano per l'implementazione di una moderna piattaforma web. In effetti, migliorando Edge, Microsoft aiuta anche lo sviluppo di Chromium.

Ergonomia

Come Google, per Microsoft, Edge è un modo per attirare nuovi utenti nel suo ecosistema di servizi. L'azienda quindi cerca di offrire una transizione graduale da Chrome e questo si traduce prima di tutto in un'interfaccia che non stona. Chiunque abbia familiarità con Chrome avrà un'esperienza molto simile. Microsoft, ad esempio, raggruppa tutte le opzioni in un unico menu a destra della barra degli indirizzi.

Man mano che il browser si evolve, ritengo che Microsoft stia cercando di distinguersi pur rimanendo molto consensuale e soddisfacendo le esigenze del maggior numero di persone. Quando si apre una nuova scheda, troviamo il motore di ricerca Bing configurato di default in una pagina che è comunque possibile personalizzare visualizzando un'immagine, un elenco di siti consultati di frequente oltre che notizie.

Se disponi di più dispositivi e desideri un'esperienza senza interruzioni, Edge offre un'opzione di sincronizzazione dei dati. Questa volta, per trarne vantaggio, avrai bisogno di un account Microsoft. Edge, che è diventato un componente completo di Windows 10, si colloca quindi al centro dell'ecosistema Microsoft. In breve, se sei già un fan dei servizi e dei prodotti dell'azienda, Edge sarà un collegamento che ti semplificherà la vita.

Caratteristiche

Optando per Chromium, Microsoft ha scelto di basare il proprio lavoro su una soluzione chiavi in ??mano particolarmente efficiente. Ciò consente all'azienda di impegnarsi per rendere Edge più unico e soprattutto per distinguerlo dalle altre versioni anch'esse basate su Chromium.

Per Edge, Microsoft non ha scelto di abilitare i gruppi di schede. L'azienda evidenzia la sua funzionalità chiamata Collezioni. Il principio non è poi così diverso: l'obiettivo resta quello di creare set tematici di pagine web. Queste raccolte sono organizzate all'interno di un pannello laterale posizionato a destra. Ricerca, novità, shopping, lista di idee ... gli utilizzi sono numerosi. Recentemente Microsoft ha integrato un confronto dei prezzi basato su Bing Shopping direttamente all'interno delle Collezioni.

Con lo strumento Web Capture, Microsoft offre di acquisire screenshot personalizzati che possono essere annotati senza dover installare un'estensione dedicata. È possibile accedere a questa funzione facendo clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi pagina o tramite una scorciatoia da tastiera.

Se Google Chrome ha un lettore audio, è relativamente semplice poiché si interfaccia con quello del sistema operativo. Quello offerto in Microsoft Edge è molto più efficiente. La funzione Leggi ad alta voce ti consente di selezionare una voce, scegliere la velocità della dizione e offre controlli di lettura accessibili in primo piano per ottenere facilmente una versione audio dei tuoi articoli.

Anche altre funzionalità di Google Chrome sono state migliorate all'interno di Edge. Questo è il caso della traduzione, ad esempio. Mentre Chrome offre la traduzione di un'intera pagina al volo, con Edge è possibile selezionare solo un paragrafo.

Aggiungiamo infine che il browser di Microsoft sfrutta l'ecosistema di Google Chrome e, direttamente dal Chrome Web Store, è possibile installare qualsiasi estensione.

Sicurezza

In termini di sicurezza, Edge si posiziona a metà strada tra Google Chrome e Brave. Da un lato, c'è una modalità di navigazione privata chiamata InPrivate che è simile a Incognito. Tuttavia, Microsoft offre anche uno strumento anti-tracciamento.

Attraverso i parametri ci sono tre modalità: base, media e rigorosa. È possibile determinare questo livello per ciascuna delle pagine visitate da un'icona a sinistra dell'URL. Si noti inoltre che è possibile passare automaticamente al livello stretto quando è attivata la modalità InPrivate.

Edge sfrutta anche la tecnologia Microsoft Defender SmartScreen per identificare pagine Web potenzialmente pericolose o file scaricati. Microsoft ha quindi ritenuto SmartScreen più pertinente del dispositivo navigazione sicura di Google. Inoltre, Microsoft offre il suo meccanismo di difesa gratuitamente ad altri browser Chromium tramite un'estensione chiamata Microsoft Defender Browser Protection.

Tuttavia, mancano ancora alcune opzioni, ad esempio lo strumento utilizzato per determinare se una delle password utilizzate è stata trovata in un database compromesso. Microsoft spiega che sarà presto disponibile.

Si noti anche che con il motore di ricerca Bing installato di default, Microsoft registra tutte le informazioni inserite nella barra di ricerca per affinare i suggerimenti. Tuttavia, è possibile configurare un altro motore nei parametri.

Conclusioni

Il minimo che possiamo dire è che con Edge, Microsoft ha fatto molta strada e intende far dimenticare gli errori del passato (sì, stiamo parlando di Internet Explorer 6!). Il browser è decisamente moderno e Microsoft sta decisamente seppellendo il problema della compatibilità e del rendering delle pagine web.

Apprezziamo particolarmente gli sforzi di Microsoft per offrire un equilibrio tra un'ergonomia familiare e caratteristiche originali per distinguere il browser dalla concorrenza. Ovviamente, l'azienda intende dimostrare che può ancora innovare e implementare cose nuove molto rapidamente.

Tuttavia, ci dispiace che Edge sia così strettamente articolato attorno all'ecosistema Microsoft, al punto da forzare la presenza di un menu che elenca i suoi servizi all'apertura di ogni nuova scheda. Tuttavia, è un gioco leale poiché Google non si impedisce di promuovere i suoi servizi anche all'interno di Chrome.

5. Opera: una ricetta innovativa

Nel 2013, dopo anni di sforzi per garantire la compatibilità delle pagine web sul suo motore di rendering, Opera Software ha finalmente gettato la spugna adottando il progetto Chromium. Però, essendo Opera storicamente rivolto agli utenti avanzati, questa migrazione non è sempre stata vista positivamente. Ancora oggi, il browser non è personalizzabile come una volta.

Tuttavia, l'editore norvegese Opera Software è stato estremamente creativo nell'implementare tutta una serie di funzionalità.

Ergonomia

In superficie, Opera è relativamente minimalista. L'editor ha apportato alcune modifiche grafiche per semplificare un po' l'interfaccia predefinita di Chromium, ma è abbastanza facile da navigare.

L'editor si è preso la briga di arricchire il menu delle opzioni con accesso diretto ad alcuni parametri come l'attivazione della modalità oscura, la personalizzazione della home page, la famosa Speed ??Dial o le funzionalità di sicurezza.

A prima vista, Opera riproduce un equilibrio piuttosto sottile tra un'interfaccia minimalista sobria e funzionale, nascondendo tuttavia una moltitudine di funzionalità che esamineremo.

Per quanto riguarda la sincronizzazione, ricorda che Opera offre diversi browser su dispositivi mobili. Prima c'è Opera, poi Opera Mini e anche Opera Touch. Opera può sincronizzare i tuoi preferiti leggendo un codice QR o accedendo a un account utente. Solo quest'ultima opzione è offerta su Opera Mini. Infine, Opera Touch non ha (ancora?) implementato un dispositivo di sincronizzazione.

Come altri browser basati su Chromium, Opera può ospitare estensioni dal Chrome Web Store. Tuttavia, il processo non è così semplice poiché per impostazione predefinita il browser ne blocca l'esecuzione. È quindi necessario attivare manualmente l'estensione all'interno dei parametri.

Caratteristiche

Chrome o Firefox si offrono di inviare pagine web ad altri dispositivi e Opera fa lo stesso con la funzione My Flow. Due dispositivi possono ancora essere collegati scansionando un codice QR e il dispositivo è probabilmente il più efficiente di tutti. My Flow assume la forma di un flusso di contenuti e raccoglie ciascuna delle pagine trasferite. Opera evidenzia anche i media con la possibilità di riprodurre un video da YouTube direttamente in My Flow piuttosto che dover aprire la pagina in una scheda. È anche possibile proteggere l'accesso a questo flusso.

Opera include una formidabile barra laterale che può essere visualizzata in modalità condensata sulla sinistra del browser. All'interno di quest'ultima è possibile innestare servizi web che si apriranno in un riquadro in modalità di visualizzazione mobile, come Twitter. Opera ti consente anche di aggiungere applicazioni di messaggistica come WhatsApp, Instagram o Messenger. Sono disponibili collegamenti alle impostazioni del browser, download, estensioni o preferiti. Qui è anche possibile consultare Il mio Flow. Opera ha recentemente aggiunto un lettore multimediale. In concreto, è possibile riprodurre brani da Spotify, Apple Music o YouTube Music in questa sezione e assumere il controllo della loro riproduzione.

Il browser incorpora anche nativamente un cryptowallet basato sulle interfacce di programmazione di Ethereum. È possibile collegarlo a uno smartphone Android ed effettuare pagamenti direttamente dal browser del cellulare. C'è anche la possibilità di ricevere denaro condividendo, tramite un codice QR, l'indirizzo del tuo portafoglio virtuale.

Se stai usando un laptop, Opera ha implementato la sua famosa tecnologia di compressione delle pagine in un'opzione chiamata Risparmio batteria. Quest'ultimo è in grado di determinare se il dispositivo è collegato alla rete o meno.

A proposito, proprio come Edge, Opera ha uno strumento di acquisizione. Quest'ultimo è comunque più avanzato con diversi strumenti di annotazione, sfocatura o possibilità di catturare una foto dalla webcam e integrarla per apportare modifiche. Infine, nota l'integrazione delle gesture del mouse per eseguire determinate azioni come aprire / chiudere una scheda, ricaricare la pagina, aprire il collegamento in una nuova scheda ...

Sicurezza

Dal punto di vista della sicurezza, Opera si distingue offrendo una VPN gratuita e illimitata. Una volta attivata, viene visualizzata un'icona a sinistra della barra degli indirizzi che consente di attivare o disattivare questo servizio. Nota anche che è possibile scegliere una posizione virtuale (Europa, America o Asia) e vedere la quantità di traffico trasferita. L'aggiunta di questa funzione ti consente di proteggere la tua connessione, nascondere il tuo indirizzo IP e aggirare il blocco geografico di alcuni servizi. Opera Software specifica che non salva registri, cronologia di navigazione o indirizzi IP dei suoi utenti. Resta tuttavia in grado di farlo per rispondere, se necessario, alle richieste delle autorità.

Anche un blocco degli annunci fa parte del gioco ed è accessibile direttamente dalla barra dei menu. Per ogni sito è possibile disattivarlo in caso di problemi. Non è necessario installare un'estensione dedicata. Infine, Opera blocca anche i tracker pubblicitari e restituisce un elenco di quelli presenti nella pagina in lettura.

Per questi ultimi due strumenti, Opera offre di gestire un elenco personalizzato, ad esempio per rifiutare i tracker pubblicitari ma consentire comunque agli editori di siti web di ottenere statistiche sulle visite in Analytics.

Infine, è disponibile anche una modalità di navigazione privata, così come il meccanismo di protezione della Navigazione sicura di Google.

Conclusioni

In molti modi Opera è l'ultima alternativa a Google Chrome. È veloce, stabile e sempre più compatibile con gli standard Web. Tuttavia, alcuni bug di visualizzazione quando si passa da una scheda all'altra finiscono per influenzare la qualità della sua gestione.

Negli anni Opera si è reinventata su Chromium proponendo un browser semplice da usare, ma particolarmente ricco di funzionalità. Ci piacciono particolarmente la barra laterale e My Flow. Per quanto riguarda la VPN gratuita e illimitata, se il suo finanziamento rimane un po' opaco, può essere utile in un contesto di utilizzo attento e occasionale.

Il neo? L'azienda fa di tutto per imporre la sua pagina iniziale su ogni nuova scheda senza alcuna opzione per disabilitarla. Esistono diverse estensioni nel Chrome Web Store che possono potenzialmente sostituirlo. Tuttavia, una volta installati, semplicemente non funzionano.

6. Vivaldi: riservatezza e personalizzazione

Jon Stephenson von Tetzchner, fondatore ed ex CEO di Opera Software, non ha apprezzato molto il suo passaggio del browser a Chromium. Così ha deciso di lanciare il suo browser Vivaldi basato su Chromium! Ma l'uomo ha un obiettivo in mente: offrire un browser che sia almeno altrettanto ricco e flessibile di prima.

Si rivolge quindi agli appassionati di Opera 12 ancora basato sul motore di rendering Presto e sul motore runtime JavaScript Carakan.

Ergonomia

A prima vista, è come se Vivaldi lo stesse gridando forte e chiaro: questo browser è fatto per gli utenti di Internet con usi avanzati. E l'azienda non lo nasconde. In effetti, è così ansiosa di evidenziare la ricchezza del suo browser e tutte le sue caratteristiche che non ha lo spazio per presentarle in modo tradizionale.

Per impostazione predefinita è presente una barra laterale, ma anche una barra di stato ricca di opzioni per assumere il controllo della pagina web. Lungi dall'essere un'interfaccia pulita, Vivaldi ha persino deciso di dissociare il motore di ricerca dalla barra degli indirizzi per impostazione predefinita.

Vivaldi potrà dunque, sin dall'inizio, confondere più di uno. A differenza di altri browser basati su Chromium, non troviamo le opzioni centralizzate in un unico menu. In termini di ergonomia, abbiamo visto di meglio e Vivaldi richiede un po' di apprendimento.

A proposito, Vivaldi avrà impiegato un po' di tempo, ma il browser ora può ospitare estensioni all'interno del Chrome Web Store. Buone notizie.

Caratteristiche

Opera 12 si è distinta per i suoi Web Panel e Opera Software ha ripreso l'idea nel suo browser attuale. Da parte sua, Vivaldi fa lo stesso rimanendo un po' più fedele alla versione storica. Posizionata a sinistra con la possibilità di spostarla a destra, questa barra laterale presenta innanzitutto gli accessi classici: cronologia, download, preferiti e tab list. Vivaldi ha comunque preso l'idea di un blocco note. È quindi possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su un testo selezionato per creare una nota. Vivaldi permette inoltre di creare al volo un nuovo pannello semplicemente inserendo l'indirizzo web di un sito o servizio online. Piuttosto pratico per visualizzare Twitter o i suoi vari messenger. Si noti, tuttavia, che a differenza di Opera non esiste un lettore multimediale.

Una caratteristica particolarmente ben congegnata è la suddivisione in schede, ovvero la possibilità di adattare due pagine web una accanto all'altra o una sopra l'altra all'interno di una singola scheda. Parlando di schede, Vivaldi riprende la flessibilità storica di Opera consentendo loro di essere posizionate nella parte inferiore dello schermo, ma anche di impilarle a destra o a sinistra. Edge dovrebbe anche introdurre una funzionalità simile in futuro.

Vivaldi si distingue anche per le azioni rapide, una funzionalità che ricorda l'app Alfred su macOS. Premendo il tasto F2, viene visualizzato un motore di ricerca che consente di inserire una query sul motore di ricerca configurato (Bing per impostazione predefinita) o di eseguire un'azione.

Nella barra di stato Vivaldi permette anche di nascondere le immagini, fare uno screenshot annotato o ingrandire una pagina

Ma c'è da dire: a volte si ha l'impressione che diverse funzionalità siano state rese visibili semplicemente per aggiungere pulsanti. Questo è ad esempio il caso di Fai una pausa, un pulsante che visualizza semplicemente uno schermo nero per ... semplicemente fare una pausa. Mi chiedo anche l'utilità di applicare un filtro seppia o bianco e nero su una pagina, oltre ad attivare gli effetti morfici tramite CSS. E se il tuo computer non è in grado di leggere l'ora (?), Troverai un orologio in basso a destra. Ebbene, su questo punto la sveglia e il conto alla rovescia possono essere utili.

In ogni caso, i fan della vecchia versione di Opera potranno presto beneficiare di un client di posta elettronica integrato direttamente nel browser. Al momento, quest'ultimo è offerto in una versione sperimentale.

Sicurezza

Vivaldi ha sviluppato un servizio di sincronizzazione che richiede la creazione di un account e un indirizzo email “vivaldi.net” e due password. Il primo viene utilizzato per connettersi al servizio di sincronizzazione e il secondo viene utilizzato per crittografare tutti i dati sincronizzati.

All'interno della sezione “Privacy” delle impostazioni, Vivaldi propone di disconnettere completamente i servizi di Google. È il caso, ad esempio, del completamento automatico del modulo o del suo servizio DNS, che aiuta a risolvere gli errori di navigazione. È anche possibile, ma fortemente sconsigliato, disattivare la protezione da phishing e malware di Google fornita da Eset.

Vivaldi offre anche tre livelli di protezione per bloccare pubblicità o tracker con la possibilità di inserire eccezioni e gestire sorgenti (di default quelle di EasyPrivacy e DuckDuckGo). Per ogni pagina è possibile affinare il blocco e leggere i tracker tramite un pulsante a sinistra della barra degli indirizzi.

Vivaldi ha una modalità di navigazione privata e dalla prima schermata iniziale, offre di configurare facilmente il motore di ricerca DuckDuckGo invece di Bing. L'azienda specifica di non conservare alcun dato personale.

Conclusioni

Vivaldi è pieno di funzionalità e si rivolge risolutamente agli utenti di Internet esperti che non hanno paura di giocare con le impostazioni e sono alla ricerca di opzioni di personalizzazione avanzate. È semplicemente il migliore sul campo. Una scommessa vincente, quindi, per il co-fondatore di Opera!

Tuttavia, ci dispiace che l'interfaccia sia troppo sovraccarica. La piena funzionalità non dovrebbe tradursi in una mancanza di ergonomia. Se Vivaldi avesse già optato per un menu centralizzato, avrebbe reso possibile la rimozione di questa status bar risalente ad un'altra epoca.

Apprezziamo anche gli sforzi della società per controllare la privacy.

Vedi anche : confrontomiglioribrowser2020browser

zazoom