YABBA DABBA DINOSAURS LO SPIN-OFF DEI MITICI I FLINTSTONESKaspersky e KRAKATAU presentano una collezione di capi unici Il 3 dicembre l’SMS compie 28 anniFallout 76: Alba d’acciaio trailer Coronavirus, Cena di Natale : E' consigliato il tamponeHwang tornerà in SOULCALIBUR VIAPRILIA RS660 E' LA MOTO UFFICIALE DI MILAN GAMES WEEK-XAccount PSN bannati per la vendita della PlayStation Plus CollectionJUST DANCE 2021 CON LUNA PER CELEBRARE I NONNICome proteggere gli account di gioco dai cyberattacchiANNUNCIATO MONSTER ENERGY SUPERCROSS 4GTA Online: ricompense triple in Scia mortale e Re della collinaFrancia, polizia pesta un nero. Esplode la polemicaMETRO EXODUS ARRIVERA’ SULLE CONSOLE NEXT-GENTHE CREW 2: DLC GRATUITO DISPONIBILECombatti con Itsuka Kendo in MY HERO ONE’S JUSTICE 2 da oggiBlack Ops: Cold War consigli per la Campagna e l'onlinePoker: terminologia e modi di direSomalia: 32.000 bambini e le loro famiglie in fuga a causa del ...Black Friday sempre più atteso in Italia: crescono del 12% circa le ...LOL: Chi ride è fuori, il nuovo comedy show italiano Amazon OriginalFarming Simulator DLC gratuitoArrivano i Black Days di WikoGuendalina Tavassi i video intimi : Ecco come sono entrati nel ...Fedez a lezione di chitarra con ChitarraFacile
di

Stanley Fujitake: l'uomo dei dadi

Stanley Fujitake: l'uomo dei dadi

Il mondo del gioco d’azzardo per sua natura crea leggende o amplifica risultati o abilità dei giocatori. Ma ci sono delle volte in cui queste esagerazioni sono in realtà vere, anzi, verissime!

Ed è proprio questo il caso del giocatore di dadi di cui parleremo oggi in questo articolo.

Qui vogliamo riportare una storia veramente particolare, ovvero la storia di Stanley Fujitake, l’uomo che ha legato per sempre il suo nome al gioco dei dadi. 

La maratona al tavolo dei dadi

Il signor Fujitake in particolare riuscì a giocare ai dadi per ben tre ore di fila, riuscendo a guadagnarsi l’ambito soprannome di “Braccio d’oro”. Per chi non è avvezzo al gioco dei dadi, il “golden arm” viene assegnato solo a chi riesce a giocare per oltre un’ora di seguito senza mai perdere. Bene, in questo caso vi assicuriamo che è un'impresa non da poco riuscire a lanciare per oltre tre ore!

Ma andiamo a scoprire più nel dettaglio la storia del più famoso giocatore di dadi esistente.

È il 28 maggio 1989, quando un cittadino hawaiano di nome Stanley Fujitake entra al California Hotel and Casino di Las Vegas. Ancora non sapeva che sarebbe diventato una vera e propria celebrità. Quel giorno avrebbe scritto una pagina della storia del gioco d’azzardo.

Una volta entrato nessuno gli aveva rivolto particolare attenzione perché era una presenza abitudinaria del casinò, ma da lì a poco tutto sarebbe cambiato.

Stanley, infatti, quel giorno compì un’impresa storica lanciando i dadi per ben 3 ore e 6 minuti consecutivi senza mai perdere, segnando un record storico e mettendo a segno ben 118 lanci.

Grazie alla serie incredibile dei suoi lanci, la sua partita segnò anche un altro record, quello relativo alla somma vinta: Fujitake riuscì a portarsi a casa la bellezza di circa un milione di dollari. Mai nessuno era riuscito a compiere un’impresa del genere prima di allora. Solo dopo oltre vent’anni una signora è riuscita a battere tale record ed è tutt’ora imbattuta. Se volete capire meglio come funzionano questo tipo di giochi, potete dare un’occhiata al sito di wincasinobonus.com e ottenere un sacco di informazioni. 

Dal tavolo verde alla leggenda

 

Ovviamente da quel momento tutto è cambiato per lui. È diventato famoso in tutto il mondo dei casinò e non solo, grazie al numero di lanci eseguiti che gli hanno permesso di guadagnare il soprannome di “The Golden Arm”, ovvero il braccio d’oro.

Fu proprio il casinò dove fece il record che istituì questo appellativo e creò anche il The Golden Arm Club, ovvero un club speciale riservato ai giocatori talentuosi che sono in grado di giocare per più di un’ora ai tavoli di craps. Tale iniziativa, comunque, ebbe un successo incredibile ed ogni mese si presentava sempre un giocatore che riusciva a superare l’ora di gioco e quindi ad affollare ulteriormente il club.

Per questo motivo il casinò decise di alzare ulteriormente la difficoltà e creò anche il livello “Platino”, cioè un ulteriore muro dei record riservato solamente ai giocatori che riescono a raggiungere il titolo di braccio d’oro per almeno due volte, o di giocare per un minimo di novanta minuti.

Questa eccezionale storia ha poi dato il via a tutta una serie di iniziative speciali e bonus casino creati appositamente per incentivare il raggiungimento di tale soglia.

Stanley Fujitake non è più tra noi, ma ciò nonostante rimarrà per sempre nella storia del gioco dei dadi grazie al suo record che gli ha permesso di diventare il primo Golden Arm in assoluto.

zazoom