Maratona di Londra,-LA DIRETTA STREAMING- ecco i protagonisti di ...NVDIA STUDIO DIGEST di SettembreLa Cassazione conferma ergastolo a Leonardo CazzanigaPresidente Joe Biden firma legge contro shutdownLe bici elettriche Bezior X500 e M1 sono in offerta a un prezzo mai ...FIFA 23 viene lanciato oggi in tutto il mondoWRC GENERATIONS: APERTI I PREORDINIF1: Sospetti Red Bull, clamoroso violato il budget cap? PAW Patrol: Gran premio è ora disponibile per console e PCGTA Online: i Salti col paracadute Junk EnergyGTA Online: per gli abbonati a GTA+ vantaggi da brividoSWORD ART ONLINE ALICIZATION LYCORIS DISPONIBILE PER NINTENDO SWITCHThe Elder Scrolls Online - Evento Eredità dei bretoni e Firesong DLCTrust GXT 391 Thian RecensioneIlary Blasi sexy su Instagram ... reggiseno e mascherinaPathfinder: Wrath of the Righteous disponibile su ConsoleThe Callisto Protocol: Black Iron Prison TrailerWorld of Warcraft Dragonflight arriverà il 29 novembreDiablo Immortal - primo aggiornamento maggiore disponibileGOAT SIMULATOR 3 OUTFIT ARRIVA SU FORTNITEPGA TOUR 2K23 - rivelati gli aggiornamenti del “Course Designer”L’Update Primal Ravage di Kingdom Rush Vengeance è ora disponibileEvento Paura del Buio di Apex LegendsLogitech G CLOUD con supporto GeForce NOWMEDION ERAZER: il mondo del gaming ha un nuovo player
di Zazoom di giovedì 5 novembre 2020

Covid e riduzione oraria: nessun recupero dovuto

Covid

La pandemia da Covid-19 ha rappresentato l?ultimo flagello che si ? abbattuto sulla scuola pubblica statale. Dal marzo scorso, l?attivit? didattica di tutte le scuole d?Italia ha subito trasformazioni radicali con conseguenze sempre pi? negative tanto sull?organizzazione del lavoro del personale scolastico, quanto sui processi di crescita e formazione degli studenti.

Dopo poco pi? di un mese dalla loro riapertura, le scuole oggi sono costrette a richiudere. Fatta eccezione per l?infanzia, la primaria e, a seconda della Regione, i primi anni della secondaria di secondo grado, la Didattica a Distanza torna a essere lo strumento col quale tentare di far rimanere in vita la relazione tra la scuola e gli studenti. Purtroppo ? una storia che abbiamo gi? visto e ha una conclusione fallimentare.

Da pi? parti ci arrivano comunicazioni di Dirigenti Scolastici che intenderebbero far recuperare il tempo scuola per cos? dire perduto a causa della riduzione oraria delle lezioni in unit? di 50 minuti. La nuova organizzazione dell?attivit? didattica imposta dai DPCM, infatti, rende necessari precisi tempi di riposo per studenti e docenti, costretti a lunghe esposizioni al videoterminale, in postazioni spesso inadeguate ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza. Inoltre, va rilevato come la didattica a distanza comporti tempi di attenzione e assimilazione del lavoro radicalmente differenti rispetto a quelli della didattica in presenza. Una pausa di dieci minuti tra una lezione e l?altra ? pertanto del tutto funzionale al lavoro svolto. Anche nel caso della didattica in presenza devono essere previsti tempi pi? lunghi per la pulizia, l?igienizzazione, la sanificazione periodica a carico dei collaboratori scolastici, oltre che programmare i tempi necessari all?igienizzazione delle postazioni dei docenti. Tutte queste incombenze, ? bene ricordarlo, non sono previste da alcun contratto, tanto meno dal CCNI sulla Didattica Digitale Integrata che ad oggi rimane semplicemente una bozza firmata da sole due delle organizzazioni rappresentative del comparto.

A noi sembra del tutto evidente come la nuova organizzazione del lavoro didattico non sia una libera e autonoma scelta del Collegio docenti, ma un?imposizione dettata da una causa di forza maggiore: la pandemia.?Non ? legittimo chiedere ai lavoratori il recupero dei minuti perduti. Lo affermano l?art. 28 comma 8 del?CCNL 29.11.2007 e la circolare 243/79:?la riduzione oraria delle lezioni per cause di forza maggiore determinate da motivi estranei alla didattica non configura alcun obbligo per i docenti. A meno che i dirigenti scolastici non vogliano sostenere che una pandemia non sia una causa di forza maggiore, ci sembra che il quadro sia inequivocabile e, per questo, abbiamo preparato una diffida da utilizzare in tutti quegli Istituti in cui l?arbitrio dirigenziale ha preso il posto del diritto sancito dalle norme.

Invitiamo a contattarci alla mail?scuola@usb.it?in caso di imposizione del recupero per intervenire e porre fine ad abusi e illegittimit? nelle nostre scuole.

Altre News per: covidriduzioneorarianessunrecuperodovuto