La città del Molise delle cipolleStrettoie montaneSi fanno prima di costruireAPRILIA RS660 E' LA MOTO UFFICIALE DI MILAN GAMES WEEK-XAccount PSN bannati per la vendita della PlayStation Plus CollectionJUST DANCE 2021 CON LUNA PER CELEBRARE I NONNICome proteggere gli account di gioco dai cyberattacchiANNUNCIATO MONSTER ENERGY SUPERCROSS 4GTA Online: ricompense triple in Scia mortale e Re della collinaFrancia, polizia pesta un nero. Esplode la polemicaMETRO EXODUS ARRIVERA’ SULLE CONSOLE NEXT-GENTHE CREW 2: DLC GRATUITO DISPONIBILECombatti con Itsuka Kendo in MY HERO ONE’S JUSTICE 2 da oggiBlack Ops: Cold War consigli per la Campagna e l'onlinePoker: terminologia e modi di dire
di

Decreto dignità, per Google multa di 100mila euro da Agcom

Decreto dignità, per Google multa di 100mila euro da Agcom

Il Consiglio Agcom ha disposto oggi una sanzione amministrativa pecuniaria da 100mila euro - secondo quanto apprende Agipronews da fonti dell’Authority - nei confronti di Google Ireland Limited per la violazione della normativa sul divieto di pubblicità relativa a giochi o scommesse introdotta con il Decreto dignità. Nella nota dell’autorità diffusa oggi emerge che Agcom «ha rilevato che Google Ireland, titolare del servizio Google Ads», ha consentito «attraverso il servizio di posizionamento pubblicitario online, la diffusione, dietro pagamento, di link che indirizzano verso determinati siti (landing page), in violazione delle norme di contrasto al disturbo da gioco». In particolare, Google ha diffuso l’annuncio a pagamento del sito «sublime-casino.com».

L’Autorità ha ritenuto che, in questo caso specifico, che l’attività di Google non può essere qualificabile come servizio di hosting, «atteso che l’elemento caratterizzante la prestazione non consiste “nell’ospitare” il messaggio pubblicitario, ma piuttosto nel permetterne la diffusione attraverso diversi siti internet destinatari del messaggio». L’attività di memorizzazione, secondo Agcom, è «del tutto ancillare e tecnicamente necessaria per la prestazione del servizio principale che è invece finalizzato alla promozione diretta di scommesse e giochi a pagamento, attività espressamente vietata dall’ordinamento nazionale». Per tali ragioni, in base al Regolamento Ue che ritiene sanzionabili anche i fornitori di servizi di indicizzazione stabiliti all’estero che offrono servizi destinati al pubblico italiano, l’Autorità ha proceduto con la sanzione.

zazoom