Red Dead Online: Halloween Pass, Dead of Night e Pantere LeggendarieStagione 6 di Warzone e Modern Warfare | The Haunting of VerdanskTerraria mobile riceve l’ aggiornamento 1.4Destiny 2: Oltre la Luce – Trailer della storiaLe Iene aggrediti e immobilizzati dai CasamonicaRTX ON: molti giochi con Ray Tracing e DLSS quest’annoBALAN WONDERWORLD OPENING MOVIEGinevra Lamborghini su musica, famiglia, pregiudizio ed Elettra: Non ...Ivan Granatino e Clementino in radio dal 23 ottobre con il singolo ...Il TV arrotolabile di LG è disponibile in Corea del SudLuis Angel Salazar : muore in Messico il wrestler Principe AereoQuanto è importante un codice di condotta nella progettazione di slot ...DIRT 5: nuovo gameplay su Xbox Series XOPPO espande il suo ecosistema IoTWiko anticipa il Black Friday con super sconti
di

Che cos'è la vitamina B10 (PABA), e perchè è importante assumerla?

Che cos'è la vitamina B10 (PABA), e perchè è importante assumerla?

L'acido para-aminobenzoico (PABA), conosciuto anche come vitamina B10 è un composto organico presente in alcuni cibi e prodotti chimici industriali dalle creme solari ai cosmetici per coprire i capelli grigi, applicazioni topiche per migliorare i problemi della pelle e altri usi.

Qual'è la funzione dell'acido para-aminobenzoico e quali sono i possibili benefici o svantaggi sulla salute?

Che cos'è la vitamina B10?

La vitamina B10 (o vitamina Bx) è il nome alternativo del composto organico acido para-aminobenzoico, una sostanza bianca cristallina. E' considerata parte del complesso della vitamina B sebbene non sia una vitamina e tanto meno un nutriente essenziale.

Gli alimenti molto ricchi di acido para-aminobenzoico sono il lievito di birra,le frattaglie, i funghi, il cibo integrale e gli spinaci. Il nostro corpo inoltre è in grado di sintetizzare questa sostanza attraverso l'azione di alcuni tipi di batteri intestinali.

Una delle principali funzioni dell' acido para-aminobenzoico è la capacità di favorire la produzione di folati (vitamina B9), inoltre apporta benefici alla pelle e ai capelli tanto che viene assunto come integratore. La produzione industriale è orientata alla vendita di pillole, polveri, estratti e applicazioni topiche.

Possibili benefici

Nonostante le numerose proprietà benefiche dell'acido para-aminobenzoico, esistono solo alcuni studi sull'efficacia dei supplementi.

Protezione solare. L'acido para-aminobenzoico, può assorbire le radiazioni ultraviolette (UV), specialmente le radiazioni UVB che sono state associate agli eritemi solari e al danneggiamento del DNA.

Negli anni '40, l'acido para-aminobenzoico era il principale composto chimico impiegato nella produzione di creme solari ma oggi non viene più usato a questo scopo perchè è stato associato a reazioni allergiche cutanee. Dal 2019, la Food and Drug Administration (FDA) ha indicato l'acido para-aminobenzoico non sicuro e di scarsa efficacia per la protezione solare.

L'acido para-aminobenzoico, è un composto chimico presente generalmente in alcune lozioni o altri prodotti commerciali come le creme idratanti, spesso in combinazione con l'aloe vera, ma raramente è impiegato negli shampoo, nei balsami e nei lucidalabbra.

Disturbi della pelle.Oltre alla protezione verso i raggi UV,l'acido para-aminobenzoico ha la capacità di migliorare alcuni problemi cutanei come l'indurimento della pelle, l'accumulo di tessuto e l'alterazione della colorazione sebbene il meccanismo d'azione non sia molto chiaro.

L'attività dell'acido para-aminobenzoico, è stata testata nel trattamento della malattia di Peyronie, caratterizzata da un'accumulo di materiale fibroso a livello dell'organo riproduttivo maschile. Uno studio ha dimostrato che l'assunzione di un supplemento di potassio e acido para-aminobenzoico, ha significativamente ridotto la placca fibrosa in persone affette dalla malattia di Peyronie dopo circa 12 mesi. Tuttavia sono necessarie ulteriori ricerche per accertare l'inefficacia o meno dell'acido para-aminobenzoico in questa malattia.

Un'altro possibile impiego dell'acido para-aminobenzoico, mostrato da diversi studi, è il trattamento della sclerodermia, una malattia autoimmune che causa l'indurimento della pelle e la formazione di depositi fibrosi.

Uno studio retrospettivo condotto su 467 persone con sclerodermia ha scoperto che il 90% dei partecipanti che aveva ricevuto un supplemento a base di potassio e di acido para-aminobenzoico, ha osservato un miglioramento nella morbidezza della la pelle rispetto al 20% del gruppo di controllo. Altre ricerche suggeriscono che l'acido para-aminobenzoico non ha effetti sull'indurimento della pelle associato alla sclerodermia per questo sono necessarie ulteriori ricerche.

Inoltre, il PABA è spesso utilizzato nel trattamento della vitiligine una condizione caratterizzata dalla depigmentazione della pelle e formazione di placche bianche, ma attualmente esistono dei limiti scientifici sull'efficacia dei supplementi orali.

Cura dei capelli.La prima applicazione pratica dell'integratore orale a base di acido para-aminobenzoico, è stata laripigmentazione dei capelli grigi prematuri. Ancora oggi è usato a questo scopo e molti persone possono testimoniare l'effettiva efficacia anche se manca una vera e propria ricerca a tal proposito.

Diversi studi condotti tra il 1940 e il 1950 hanno scoperto che assumere ogni giorno una quantità da 200 mg a 24 grammi di acido para-aminobenzoico, favoriva la ripigmentazione e aiutava i capelli grigi a tornare alla colorazione originale.

Alcune ricerche hanno concluso che l'acido para-aminobenzoico, non dovrebbe essere usato per la ripigmentazione dei capelli a causa dei suoi effetti collaterali sconosciuti.

Sicurezza e precauzioni

Alcune persone possono avere reazioni allergiche alle creme solari a base di PABA, mostrando rossore e eruzioni cutanee pruriginose. Per questo motivo, l'acido para-aminobenzoico non viene più aggiunto alle creme solari negli Stati Uniti e raramente si può trovare nella composizione dei cosmetici.

Esiste un'alta sensibilità ai supplementi orali di acido para-aminobenzoico, non sempre dimostrato dagli studi scientifici. Assumere un'integratore ad alto dosaggio non è considerato sicuro per possibili effetti sul fegato e sui reni, per esempio sono stati registrati alcuni casi di lesioni epatiche, durante il trattamento della malattia di Peyronie.

L'acido para-aminobenzoico può accumularsi nei reni, anche se non è stabilito un dosaggio scientifico che supporti questa affermazione, inoltre, può interagire con i composti sulfamidici presenti in alcuni farmaci come gli antibiotici con decremento della loro attività farmacologica, per questo non dovrebbero essere assunti contemporaneamente.

La sicurezza dei supplementi orali nei i bambini, in gravidanza e durante l'allattamento non è conosciuta. In genere, vengono sconsigliati ma si ritengono potenzialmente sicuri i prodotti per l'usotopico. Sono da evitare i cosmetici contenenti PABA se dopo l'applicazioneviene riscontrato rash cutaneo e irritazione della pelle.

Dosaggio

Solo alcune ricerche supportano i benefici ottenuti dai supplementi orali contenenti l'acido para-aminobenzoico, tanto che non esiste un dosaggio standardizzato e raccomandato. In genere è consigliata la quantità di 500 mg anche se in commercio i supplementi hanno un dosaggio variabile da 100 mg a 1 grammo.

Conclusioni

Spesso conosciuto come vitamina B10, l'acido para-aminobenzoico (PABA) è un composto organico presente in numerosi cibi e integratori. In passato rientrava tra gli ingredienti delle creme solari poichè è grado di bloccare i raggi UVB.

Esistono ancora poche ricerche sui supplementi orali, in particolare sull'azione di ripigmentazione dei capelli grigie sugli effetti positivi in presenza di accumulo di tessuto e ispessimento sulla pelle.

L'applicazione topica o mediante supplementi è considerata generalmente sicura, tuttavia gli effetti dell'acido para-aminobenzoico non sono del tutto conosciuti. Un'elevato dosaggio potrebbe causare effetti collaterali pericolosi. 

zazoom