GTA Online: ricompense triple nelle sfide del bunker di HalloweenDecreto dignità, per Google multa di 100mila euro da AgcomPumpkin Jack e Amnesia: Rebirth con RTX e DLSS su GeForce NOWR-TYPE FINAL 2 arriverà nel 2021II Premier Conte, la situazione si sta rivelando molto critica : ...LG annuncia l’arrivo in Italia di LG WingMXGP 2020 PRIMO GAMEPLAY TRAILERPES 2021 UPDATE PACK 2.0 È DISPONIBILEHUMANKIND: aperti i pre-order ed il pre-acquistoRiforma pensioni quota 102 : uscita fino a 44 mesiBando Condomini 2021 Lombardia Efficienza EnergeticaTempesta d'amore, anticipazioni spoiler dal 2 all'8 novembreBollettino Coronavirus mercoledì 21 ottobre : 15.199 nuovi casi e 127 ...Una idea regalo per la mamma: cosa fare?Alla scuola servono maggiori diritti e insegnanti di sostegno ...
di

Inneggiava alla sua morte : chi è lo studente denunciato per il post contro Willy Montero Duarte

Inneggiava alla sua morte : chi è lo studente denunciato per il post contro Willy Montero Duarte

"Godo che avete tolto di mezzo quello scimpanzé", nei guai un 23enne che inneggiava alla morte di Willy.

Il falso "Manlio Germano" ha un nome e un volto che, dopo l'omicidio di Willy Montero Duarte,  inneggiava alla morte del 21enne ucciso a Colleferro. Il giovane, 23enne residente a Treviso, ha pensato di cavarsela ed ha esultato sui social subito dopo la tragedia con frasi che avevano sconcertato l'opinione pubblica al punto da suscitare molteplici segnalazioni di proteste. Studente universitario, esperto di computer, aveva "manifestato" il suo odio e la sua intolleranza razziale definendo "eroi" gli assassini per "uccidere un nero", definendolo "scimpanzé".

Oltre ad aver creato un personaggio virtuale, a cui aveva dato il nome di Manlio Germano, il giovane era collegato ai social tramite provider stranieri, anche utilizzando l'anonimizzazione in grado di nascondere le tracce informatiche della navigazione, ed era convinto che sarebbe stato  impossibile trovarlo.

A seguito di un'attenta e meticolosa indagine, svolta attraverso le più moderne tecniche di analisi informatica e ricostruzione del traffico telematico, resa ancor più complessa dai collegamenti con fornitori esteri, la Polizia Postale di Roma e Latina con la collaborazione dei colleghi specialisti fiorentini è però riuscita a rintracciare l'autore dello spregevole messaggio, a trovarlo in un albergo del capoluogo toscano e a rimandarlo alla Procura presso il tribunale di Latina che coordina le complesse indagini informatiche.

zazoom