Sono Gesù reincarnato! Sergei Torop, arrestato in Russia il leader ...Maneater: Ray-Tracing, 4K HDR 60 FPS per Xbox SX e PS5Fallen Legion Revenants a febbraio su ps4 e switchOttimo l'esordio di Enrico Brignano con la prima puntata di Un'ora ...L’importanza della sicurezza informatica per il mondo del gioco onlineXiaomi: in arrivo un nuovo Mi Store a SalernoCall of Duty: Modern Warfare |Nuovi Operatori nella Stagione 6Red Dead Online: Orsi Leggendari avvistati vicino ai fiumi!Jolanda De Rienzo di Sportitalia mostra un lato B da urloAl Grande Fratello Vip è passione tra Elisabetta Gregoraci e ...Ecco il cane più felice del mondo : Uni ha un sorriso contagiosoIl quiz matematico che spopola sul web: Ecco la risposta, riesci a ...Elisabetta Canalis nuda in piscina fa impazzire Instagram (FOTO)Microsoft apre ai pre-order di Xbox Series X Series SDuplice omicidio a Lecce : uccisi l'arbitro Daniele De Santis e una ...
di

Il virologo Massimo Galli : non si sa se ci libereremo del virus così in fretta

Il virologo Massimo Galli : non si sa se ci libereremo del virus così in fretta

Il professore e virologo Massimo Galli ha dubbi sulla durata del Coronavirus e non sono affatto convinto che il virus ci libererà entro 6 mesi. Ci vuole sempre prudenza e i giusti interventi, ha detto il responsabile del reparto di malattie infettive dell'ospedale Sacco. Galli non vuole affatto frenare l'ottimismo, ma vuole anche essere concreto e razionale, sottolineando l'importanza dei giusti interventi per contrastare la diffusione del virus.

È un virus nuovo, una realtà nuova. Trovarsi di fronte a una seconda ondata della stessa portata della prima è difficile, però abbiamo evidenti problemi. Basta guardare i numeri e basta guardare cosa sta succedendo nei nostri ospedali, anche se non in modo paragonabile a quello che succedeva a marzo. Prima di chiamarci fuori, dobbiamo usare tutte le cautele” ha spiegato Massimo Galli, che ha poi parlato della riapertura delle scuole. “Mi auguro che tutto finisca per essere controllato e gestito in maniera da non avere un vero aumento di focolai che poi possono diventare incontrollabili. Il momento critico è rappresentato da tempistica e tempestività dei test”.

Il virologo è favorevole alla riduzione della quarantena, ma ha sottolineato che servono tempi ragionevoli anche per i test. “Più di un terzo delle persone che si infettano con Sars-CoV-2 rimane asintomatico. Quindi perché continuare con un’indicazione dell’Oms, più politica che scientifica, che a suo tempo ha detto 14 giorni di quarantena? Questo poi è stato detto per i numerosissimi Paesi nel mondo che non sono in grado di fare i test. Spero che l’Italia non debba messa essere nel novero dei Paesi che non sono in grado di fare i test”.

zazoom