Sono Gesù reincarnato! Sergei Torop, arrestato in Russia il leader ...Maneater: Ray-Tracing, 4K HDR 60 FPS per Xbox SX e PS5Fallen Legion Revenants a febbraio su ps4 e switchOttimo l'esordio di Enrico Brignano con la prima puntata di Un'ora ...L’importanza della sicurezza informatica per il mondo del gioco onlineXiaomi: in arrivo un nuovo Mi Store a SalernoCall of Duty: Modern Warfare |Nuovi Operatori nella Stagione 6Red Dead Online: Orsi Leggendari avvistati vicino ai fiumi!Jolanda De Rienzo di Sportitalia mostra un lato B da urloAl Grande Fratello Vip è passione tra Elisabetta Gregoraci e ...Ecco il cane più felice del mondo : Uni ha un sorriso contagiosoIl quiz matematico che spopola sul web: Ecco la risposta, riesci a ...Elisabetta Canalis nuda in piscina fa impazzire Instagram (FOTO)Microsoft apre ai pre-order di Xbox Series X Series SDuplice omicidio a Lecce : uccisi l'arbitro Daniele De Santis e una ...
di

Boss in Incognito, Max Giusti torna in Rai : torno dove ho iniziato!

Boss in Incognito, Max Giusti torna in Rai : torno dove ho iniziato!

In un'intervista a Fanpage.it Max Giusti, il nuovo conduttore di «Boss in Incognito», racconta la nuova edizione del docu-reality che torna a due anni di distanza su Rai2.

"Sensazioni positive perché torno dall'editore degli italiani, l'editore che mi ha regalato anni stupendi, tredici per la precisione. - spiega Max Giusti che torna in Rai dopo tanti anni - Ho avuto una bellissima storia d'amore con Nove e adesso torno dove ho iniziato".

Il docu-reality, che racconta il mondo del lavoro attraverso gli imprenditori che decidono di guardare la loro attività dal punto di vista dei dipendenti, vedrà il conduttore all'interno delle aziende, mascherato e con un nome di fantasia: "Sono figlio di un metalmeccanico e di una commessa e ho sempre lavorato in vita mia, ho fatto i lavori di fatica vera quindi mi sono trovato benissimo a contatto con questo mondo. - spiega Max Giusti - La vera difficoltà è stata quella di essere una persona travestita e camuffata e con un'altra identità, restando però nella vita vera - e aggiunge - È stato difficile, in tempo di Covid soprattutto, ascoltare le testimonianze di tanti lavoratori, già caricati delle loro difficoltà personali. È stata un'esperienza umana molto forte".

"Mi sento «uomo Rai» se penso di essere entrato dalla porta di servizio e di essermi tolto tante soddisfazioni. - racconta il conduttore - Io però mi ritengo uomo di tutti, non ho mai avuto schieramenti politici e mi sono sempre ritenuto un uomo libero che fa la televisione di tutti i colori e per tutte le età". E, infine, su cosa manca alla sua lunga carriera, rivela "Il Festival di Sanremo. Perché è il programma che ogni conduttore sogna di fare".

zazoom