Sono Gesù reincarnato! Sergei Torop, arrestato in Russia il leader ...Maneater: Ray-Tracing, 4K HDR 60 FPS per Xbox SX e PS5Fallen Legion Revenants a febbraio su ps4 e switchOttimo l'esordio di Enrico Brignano con la prima puntata di Un'ora ...L’importanza della sicurezza informatica per il mondo del gioco onlineXiaomi: in arrivo un nuovo Mi Store a SalernoCall of Duty: Modern Warfare |Nuovi Operatori nella Stagione 6Red Dead Online: Orsi Leggendari avvistati vicino ai fiumi!Jolanda De Rienzo di Sportitalia mostra un lato B da urloAl Grande Fratello Vip è passione tra Elisabetta Gregoraci e ...Ecco il cane più felice del mondo : Uni ha un sorriso contagiosoIl quiz matematico che spopola sul web: Ecco la risposta, riesci a ...Elisabetta Canalis nuda in piscina fa impazzire Instagram (FOTO)Microsoft apre ai pre-order di Xbox Series X Series SDuplice omicidio a Lecce : uccisi l'arbitro Daniele De Santis e una ...
di

Il governatore De Luca indagato per falso e truffa : Favorì quattro vigili urbani

Il governatore De Luca indagato per falso e truffa : Favorì quattro vigili urbani

Tutto è iniziato con questo incidente stradale nel settembre 2017, quando l'auto del presidente Vincenzo De Luca, andando nella direzione sbagliata in una strada di Salerno, ha investito uno scooter che trasportava una ragazza di 22 anni.

Ne seguì una polemica politica, sia sulla norma che consentiva alle forze dell'ordine e alle auto di servizio di percorrere questo tratto di strada nella direzione opposta di marcia, sia sul ruolo del suo conducente. Si trattava infatti di un ex vigile urbano alle dipendenze della Regione quando De Luca è subentrato come governatore.

Una missione su cui la Procura di Napoli ha ora aperto un caso. Secondo quanto riportato da Conchita Sannino su La Repubblica, il presidente della Campania Vincenzo De Luca è indagato per falso e truffa. La Procura ipotizza che abbia "favorito" il suo autista e altri tre ex vigili urbani integrandoli come addetti ai rapporti istituzionali della Regione, nonostante la mancanza di formazione e qualifiche necessarie, per accrescere le proprie competenze.

Il governatore, riferisce il quotidiano romano, è già stato interrogato dagli inquirenti e ha scelto di rispondere a tutte le domande per dare la sua versione dei fatti. L'obiettivo della difesa è dimostrare che non vi è stata violazione di legge, né che il denaro dei contribuenti è stato sprecato (il caso sarebbe stato denunciato anche alla Corte dei Conti). Gli ex carabinieri coinvolti sono Claudio Postiglione, alla guida dell'auto al momento dell'incidente, Gianfranco Baldi, Giuseppe Muro e Giuseppe Polverino. Al momento nessuno di loro è indagato.

Una questione complessa da inquadrare dal punto di vista giudiziario, visto il rapporto fiduciario e discrezionale che la legge garantisce al presidente e ai suoi collaboratori. Non è quindi escluso che la procura decida di procedere con l’archiviazione, ma sono in corso ulteriori accertamenti. Per il momento, secondo l'indagine condotta dalla procura Ida Frongillo e coordinata dal sostituto procuratore Vincenzo Piscitelli, sembra che i quattro autisti siano partiti da Salerno - comune in cui De Luca è stato sindaco per più di vent'anni - per arrivare a Napoli dopo le elezioni del 2015. Il presupposto è che il presidente li abbia promossi all'interno del suo staff per garantire loro un'indennità aggiuntiva di 4.600 euro lordi annui.

zazoom