Il MES è un debito, non è lo strumento adatto ad affrontare la crisi5 cose da sapere sulla cannabis lightUna Vita news, settimana 11 - 17 luglio: Antonito riceverà una ...Uccisa sulle strisce pedonali a 9 anni : Il pirata della strada si è ...Wiko View 4 Lite nelle varianti Deep Blue e Deep GoldMICHELLE HUNZIKER CON L’AMICO ROVAZZI SCIVOLA IN AQUAFANNASTRI 2020 : STASERA SERATA DEDICATA A ENNIO MORRICONEIMU 2020: quali comuni hanno prorogato la scadenza?Riso Bomba: l’ingrediente base per la paella ValencianaModa, il futuro passa dall’Ecomm Fashion: il 7 luglio 1.500 brand ...E' morto a 91 anni Ennio Morricone : Le più belle colonne sonore del ...Richieste di preventivi: trovare clienti online con un semplice clickTemptation Island, Flavio e Nunzia : E' la prima volta che siamo ...Coronavirus : positiva la fidanzata del figlio di Donald TrumpStrappata alla mamma rischia l’affidamento a un’altra famiglia : ...
di

Review Party ” Gli strani viaggi di Giulio Verne”

Review Party ” Gli strani viaggi di Giulio Verne”

Con la recensione di oggi ritorniamo a parlare di classici…e che classici! La nuova, bellissima edizione firmata Mondadori nella collana Oscar Draghi , che ringrazio per avermi concesso la lettura in super anteprima, fa venire voglia di leggere le strabilianti avventure di Verne,

considerato da molti il padre della fantascienza, già solo dalla copertina, che racchiude in una semplice illustrazione gli elementi caratteristici di ognuno dei romanzi contenuti nella raccolta.

Il libro, infatti, racchiude in sé ben sei celebri romanzi: Viaggio al centro della terra, Ventimila leghe sotto i mari, L’isola misteriosa, Michele Strogoff, Un inverno tra i ghiacci e L’espresso del futuro, scritto però da suo figlio Michel.

Prima di iniziare gli straordinari viaggi, abbiamo modo di leggere un interessante saggio su Verne, scritto da Jules Claretie che ci permettere di comprendere maggiormente la fervida immaginazione dell’autore.

L’edizione è inoltre riccamente illustrata con le tavole provenienti dalla collezione Hetzel, presenti già nelle prime edizioni delle opere, e da bellissime tavole d’apertura all’inizio di ogni romanzo; disegni che guidano il lettore quasi fossero una guida nei mondi fantastici di Verne.

Leggi su illabirintodeilibri
zazoom