Xiaomi: nuovi prodotti sul mercato globaleApri gli occhi! Dayane Mello avverte Belen Rodriguez sul nuovo ...Tanta cultura ma soprattutto divertimento per i bambini al “Campus ...Il 25° QuakeCon porta pace, amore, razzi, dirette globali, tornei, e ...Red Dead Online: bonus Cacciatori di taglieTamara Gorro si spoglia integralmente per festeggiare un milione e ...Sonia Bruganelli... La moglie di Paolo Bonolis si tuffa in mare con i ...COVID-19 : 9,4 milioni di persone vivono in condizioni di povertà ...Renato Pozzetto : A 80 anni ho nostalgia della vita, non del lavoro!Scuola, Didattica a distanza : Poteva andare molto peggioValeria Marini : il video ufficiale BOOMNuove imprese : finanziamenti a fondo perduto del 2020Annegato in piscina a soli 4 anni: era in agriturismo insieme alla ...Serena Mercuri muore a soli 32 anni stroncata da una malattiaE' morto Benjamin Keough : era il nipote di Elvis Presley
di

Coronavirus, il covid-19 è nelle secrezioni oculari dei pazienti positivi al virus

Coronavirus

Importante conferma sul virus SARS-CoV-2. Covid-19 è anche attivo nelle secrezioni oculari di pazienti infetti dal virus. Ciò è stato confermato da una ricerca pubblicata dalla rivista Annals of Internal Medicine, creata da ricercatori dell'Istituto Nazionale di Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" di Roma. I ricercatori hanno iniziato con un campione oculare prelevato tre giorni dopo il ricovero in ospedale da un paziente con coronavirus, ricoverato all'ospedale Spallanzani a fine gennaio e affetto da congiuntivite bilaterale. I ricercatori di Spallanzani hanno isolato con successo covid-19, dimostrando che oltre al sistema respiratorio, è anche in grado di replicarsi nella congiuntive.

È una scoperta che ha importanti implicazioni anche in termini di salute pubblica, tanto che il risultato è stato comunicato all'Organizzazione mondiale della sanità in accordo con l'editore della rivista prima della pubblicazione. "Questa ricerca mostra che gli occhi non sono solo uno dei punti di ingresso del virus nel corpo, ma anche una potenziale fonte di contagio". Questo è il commento di Concetta Castilletti, capo dell'Unità Operativa Virus Emergenti del Laboratorio di Virologia Spallanzani. "Segue la necessità di un uso appropriato di dispositivi di protezione in situazioni, come gli esami degli occhi, che sono stati considerati relativamente sicuri rispetto ai rischi di contagio posti da questo virus."

Inoltre, la ricerca di Spallanzani ha dimostrato che i tamponi oculari possono essere positivi quando i campioni del tratto respiratorio non mostrano più tracce del virus. In effetti, i campioni respiratori del paziente, tre settimane dopo l'ammissione, erano negativi, mentre il campione dell'occhio era ancora debolmente positivo fino a 27 giorni dopo l'ammissione. Saranno necessari ulteriori studi per verificare per quanto tempo il virus continua a essere attivo e potenzialmente infettivo nelle lacrime. L'analisi molecolare rileva solo la presenza di RNA virale nel campione e solo l'isolamento del virus in una coltura cellulare può dimostrare la sua capacità infettiva.

“La scoperta dei nostri ricercatori - conclude Marta Branca, CEO di Spallanzani - è un altro piccolo pezzo che si inserisce nel complicato puzzle di questo virus. La nostra soddisfazione è quella di contribuire, con questa ricerca, alla sensibilizzazione sui meccanismi di contagio e quindi alla sensibilizzazione e alla protezione degli operatori chiamati a farsi carico della gestione clinica dei pazienti ".

zazoom