Ecco come avere una cucina professionale a casaKONAMI E UKUZA LANCIANO IL PLATFORM 2D SKELATTACKIl latte d'avena è senza glutine?Ho fame : Pensionata chiama i poliziotti che arrivano e le preparano ...Alberto Zangrillo : Il coronavirus non esiste piùA Striscia la notizia Eleonora sei normale di Igor NogarottoLa piccola Evelyn scomparsa durante una passeggiata : Salvata dal ...Zinco: proprietà e benefici per la salute Addio l'autocertificazione : Da Mercoledì 3 giugno via libera agli ...Migliaia Gilet Arancioni nelle piazze: Vogliamo un governo votato dal ...Belen Rodriguez dolcissima e al naturale nel scatto con il neonatoAll'ultimo cinguettio... Trump contro Twitter, chi vincerà?Lady Gaga in lacrime per l'uscita del nuovo albumGTA Online: tributo alla Weeny IssiRiapertura regioni, Zaia dice si ai lombardi: “nessuno può uscirne ...
di

Mi hanno rapita e stuprata più volte : La confessione choc di Duffy

hanno

Una storia atroce di quella del cantante gallese Duffy: una lettera aperta in cui raccontava i dettagli del suo stupro, che aveva menzionato a fine febbraio con un post su Instagram. Più tardi, Duffy, che ha 35 anni e il cui nome completo è Aimee Anne Duffy, ha detto che è stata rapita, drogata e violentata per diversi giorni, senza spiegare esattamente quando è successo, ma chiarendo che l'interruzione della sua carriera nel 2015 - è legato a questo.

Duffy ha detto che il rapimento che è iniziato è avvenuto il giorno del suo compleanno, senza specificare in che anno, è stata drogata mentre era in un ristorante. La drogarono per quattro settimane e poi la trasferirono in un "paese straniero", dove la rinchiusero in una stanza d'albergo e la violentarono. Duffy dice di aver pensato di scappare, ma ha rinunciato perché non aveva soldi e temeva che lo stupratore potesse localizzarla.

Aggiunge anche che lo stupratore le ha fatto capire che avrebbe voluto ucciderla. Successivamente, i due lasciarono il paese in cui si trovavano e Duffy tornò a casa sua. La prima persona a cui ha raccontato la storia è stata una psicologa, che l'ha aiutata a superare traumi e pensieri suicidi. Inizialmente non ha denunciato lo stupratore, ma dopo aver ricevuto minacce per rivelare informazioni private e dopo un tentativo da parte di tre uomini di entrare in casa sua, ha deciso di denunciare tutto.

“Condivido tutto questo perché viviamo in un mondo ferito e non mi vergogno più che qualcosa mi ferisca profondamente. Credo che se parli dal cuore, i cuori degli altri risponderanno. Per quanto oscura sia la mia storia, parlo dal profondo del mio cuore, per la mia vita e per le vite di altri che hanno sofferto lo stesso... Non mi vergogno più di dirti che ho trascorso quasi dieci anni completamente sola e fa ancora male a scriverlo. Dirlo a tutti è qualcosa che devo a me stessa, ma spiegare quanto sia stato difficile recuperare e parlarne è anche qualcosa che sento di dover fare per gli altri. Spero che ti aiuti a sentirti meno umiliato se ti senti solo. "

Visualizza questo post su Instagram

With love, duffywords.com

Un post condiviso da @ duffy in data:

zazoom