Joe Biden contro Donald Trump : Bernie Sanders si è ritirato dalle ...Il dolore di Tiberio Timperi : Ho perso un amico per il coronavirusCoronavirus, è morto il cantante americano John Prine : Aveva ...Coronavirus : Più controlli su strade in weekend PasquaGf Vip: cosa è successo tra Antonella e Patrick?Papa Francesco avverte : Populismi come nel 1933 con HitlerFurgone cade giù : A Massa-Carrara crolla il ponte che collega Santo ...Finale GFVip 2020, al vincitore un premio di 100 mila euroPozzuoli, accoltella a morte il fratello e chiama la poliziaMeteo Pasqua, arrivano temperature quasi estiveCoronavirus: morto il mezzofondista Donato Sabia, è stato 2 volte ...Dayane Mello ferma in Turchia: Sono intrappolata qui, non posso ...Bethesda: I 5 migliori segreti di DOOMCoronavirus : La virologa Ilaria Capua non indossa la mascherinaJack Dorsey : Il fondatore di Twitter dona 1 miliardo per la ricerca ...
di

Luigi Di Maio verso le dimissioni: Adesso i grillini si sgretolano

Luigi Di Maio verso le dimissioni: Adesso i grillini si sgretolano

Luigi Di Maio verso le dimissioni: Adesso i grillini si sgretolano

Luigi Di Maio

Le griglie si stanno sfaldando. Il partito sta scomparendo e c'è anche una fusione fredda con il Partito Democratico. Dopo la certa sconfitta in Calabria ed Emilia Romagna, la situazione è destinata a precipitare anche con la crisi del governo. Dipenderà anche dalla proporzione della sconfitta del Partito Democratico. Oggi è certo che gli stati generali di marzo per i grillini porranno fine alla gestione "monocromatica e collegiale". Luigi Di Maio ha cercato di smentire la notizia del Fatto che rinuncia alle dimissioni prima di quelle regionali in Emilia Romagna. "L'allenatore che non vince i cambiamenti" è la battuta che più di un ministro Grillino usa per commentare la "seconda fase".

L'interessato non ha intenzione di lasciarlo sconfitto e umiliato. Il ministro è convinto che dietro alle voci giornalistiche che gli danno le dimissioni da leader politico vi sia il primo ministro Giuseppe Conte. Di Maio ritiene che la mossa di Palazzo Chigi sia nata per rimuovere un alibi per coloro che in queste ore potrebbero lasciare il movimento per andare a formare un nuovo gruppo parlamentare, quello di Fioramonti, l'ennesimo elemento destinato a destabilizzare la maggioranza se dovesse prendere una quota. Ci sono molti problemi sul tavolo dalle nuove uscite all'orizzonte verso Lorenzo Fioramonti e il suo gruppo Eco, alla questione dei rimborsi che porteranno a nuove espulsioni e quindi alle sconfitte annunciate con risultati inferiori al 10% a quelli regionali in Emilia Romagna e Calabria. La sconfitta di Stefano Bonaccini in Emilia Romagna segnerebbe inevitabilmente la caduta del Conte 2.

A questo punto il leader politico può essere incline a fare un passo laterale per una gestione collegiale del partito. Se Di Maio non è più un leader politico, non può nemmeno essere il capo della delegazione a Palazzo Chigi. Stefano Patuanelli, proprietario del Mise, ha un volto moderato e stimato tra i parlamentari per questo ruolo.

zazoom