Francesca Tajè, nuova star social: ecco chi è la sexy tifosa della ...Pomeriggio 5... ecco tutte le fobie dei VipEleonora Giorgi... al cinema non mi vogliono piùIn California è venuta al mondo Duo! La gatta nata con due testeLe auto connesse con 5G sono realtà – lo dimostra 5GAAViolenta il figlio di amici e lo minaccia per anni! Arrestato un ...Mi sono permessa... Naike Rivelli mostra il lato b perfetto di ...Uomini e Donne, Giulia Quattrociocche sceglie Daniele Schiavon Striscia la Notizia smaschera Taylor Mega! 4 vodka e un drink prima ...Venezia, peggiora la previsione : marea a 160 cm Morto fulminato dagli auricolari del telefono! Il talentuoso chef ...Donald Trump chiede a Corte segreto su redditiTutto molto mini! Le sexy curve di Elisabetta Gregoraci trionfanoStefano Cucchi, è arrivata la sentenza! La decisione dei giudiciMelita Toniolo sul divano, in intimo! Quella posa manda in tilt i ...
di

La “Croce Bianca” di Massa entra in…classe con conferenze di prevenzione tenute da studiosi e professori universitari

L’ Istituto di Pubblica Assistenza “ Croce Bianca” di Massa presieduto da Nino Mignani dopo la ...
La “Croce Bianca” di Massa entra in…classe con conferenze di prevenzione tenute da studiosi e professori universitari

La “Croce Bianca” di Massa entra in…classe con conferenze di prevenzione tenute da studiosi e professori universitari

Croce Bianca

L’ Istituto di Pubblica Assistenza “ Croce Bianca” di Massa presieduto da Nino Mignanidopo la giornata di prevenzione nelle zona montana riuscitissima ora entra in… classe e con specialisti di spessore organizza, per ora, due conferenze su patologieattualmente molto scottanti.I due incontri in collaborazione con il Rotary Club Marinadi Massa Riviera Apuana Centenario. La prima si terrà mercoledì 6 Novembre inizioore 10.30 nell’aula magna Liceo Classico “Pellegrino - Rossi” ed ha per titolo: “Costruisci il tuo calendario alimentare personale” relatore il Prof. Ferruccio BoninoOrdinario di Gastroenterologia, ricercatore Senior Associato - Istituto di Biostrutture eBioimmagini del Consiglio Nazionale delle Ricerche Fondazione Italiana Fegato,AREA Science Park, Campus Basovizza, Trieste. Bonino, come  è noto, è unricercatore scienziato di fama internazionale per gli studi sui virus epatici maggiori: B eC; la seconda,invece, martedì 19 novembre dalle ore 9,30 nella sala riunioni delliceo scientifico e Sportivo statale “Enrico Fermi”su: “Il diabete pandemia del secolo?” 

Ne parliamo con gli specialisti che ne indicano anche la cura e la prevenzione”relatori: diabetologo: Prof. Dott.Ottavio Giampietro –Università di Pisa; Prof. Dott.Ferdinando Franzoni - Università di Pisa: Medicina dello sport – Cardiologia; Dott. EzioSzoreney - Nefrologo, Tossicologo, Internista; Dott.ssa Arianna Ciardiello-Nutrizionista - Specialista in Chimica e Tecnologie Alimentari. La ”Croce Bianca” hain cantiere sempre per novembre un grande evento e due per il mese di dicembre tuttidi grande importanza sociale per la collettività ma, per ora, il presidente Mignani, nonsi sbilancia. Perché queste iniziative? Mignani precisa di “non volersi sostituirsi anessuno, anzi! L’idea è venuta anche dalla conferenza stampa,prima,poi, dalle visite  a Km zero che si sono tenute di recente a Pariana, un percorso virtuoso percontribuire alla salute dei nostri cittadini, la prevenzione la si fa costruendo scegliendodi prendersi cura di se stessi, consumando cibi, fra le altre cose, che favoriscono ilnostro benessere. 

Non a caso abbiamo scelto due Scuole prestigiose della nostracittà, il Liceo Classico “P.Rossi” e il Liceo scientifico e sportivo “E.Fermi” dove farincontrare gli specialisti che fanno da molti anni la prevenzione gratuita nella nostraProvincia con le nuove generazioni. Dunque fra il 6 e il 19 Novembre cinque specialistisaranno in quelle scuole di Massa a informare, dibattere con i ragazzi per far capirecome la corretta alimentazione, possa essere una risorsa e non divenire un problema.La “Croce Bianca!, con questa ulteriore iniziativa, lavora per sostenere lo sforzo di tuttiquelli che vogliono cambiare il modo di fare sanità, riducendo i costi insopportabilidelle strutture ospedaliere, dove l’informazione e la prevenzione territoriale possonodivenire gli strumenti efficaci di intervenire di nei processi in atto. Felici di esserci; conl’occasione desidero ringraziare la Dirigenza del Liceo Classico, del Liceo Scientificoe sportivo “Fermi”, gli amici del Rotary di Marina di Massa, la Scuola “San Filippo Neri”dove stiamo organizzare importanti iniziative. Un sentito forte ringraziamento a queiprofessionisti che stanno mettendo a disposizione le loro conoscenze per fare starmeglio i nostri cittadini e che sono molto vicini al nostro Istituto , grazie di cuore!” Ma il“razionale” della sua relazione al “classico” che si preannuncia interessante esoprattutto di grande attualità è illustrato dallo stesso professor Ferruccio Bonino.“L’omologazione dei gusti e consumi alimentari, favorita dalla progressiva perdita delpatrimonio e cultura dell’alimentare territoriale – dice Bonino- è una delle principalicause dell’epidemia di sovrappeso e fegato grasso (steatosi) che colpisceindiscriminatamente bambini, giovani e adulti. n Italia il 30% della popolazionegenerale ha il fegato grasso; la prevalenza già in età infantile è di almeno il 10 % esale in parallelo alla decadi di età . In un giovane asintomatico il “fegato grasso”costituisce l’indice più precoce del rischio di sviluppo in età adulta delle patologie chesono oggi le principali cause di morte: diabete e altri dismetabolismi e malattiecardiovascolari, epato-digestive, neuro-degenerative e neoplastiche. 

Si ritiene cheun’azione concreta di comunicazione, educazione e formazione dei giovani mirata afar recuperare i valori della storia alimentare familiare e territoriale possa arginare lasuddetta epidemia. Il nostro gruppo ha sviluppato e validato recentemente uninnovativo metodo non invasivo di misura del grasso intra-epatico che utilizzaimmagini registrate con i comuni ecografi . Tale misura, molto riproducibile permette divalutare nel singolo soggetto se il cambiamento dello stile di vita, attività fisica el’abitudine alimentare determinano una riduzione dell’indice quantitativo di steatosiepatica.” Per lo studioso dunque “alimentarsi significa, innanzitutto, prendersi cura disé, scegliendo, preparando e consumando cibi che favoriscono il proprio benesserepsico-fisico. L’equilibrio che è alla base dello stato di salute individuale è condizionatodallo stile di vita e alimentare. Il cibo può generare salute, energia, vitalità ma al tempostesso può essere vettore d’intossicazione, malattia, alterazioni funzionali e disturbimentali. Alimentarsi significa entrare in contatto con il mondo, conoscere il territorio ela ricca varietà dei cibi anche attraverso la loro stagionalità e la loro distribuzionegeografica. L’alimentazione è anche il risultato di scelte operate dalla comunitàall’interno dell’insieme costituito dai prodotti nutritivi a sua disposizione nell’ambientenaturale. 

L’industria alimentare e le multinazionali che controllano il mercato mondialehanno creato, sulla base di un universalismo di massa, un modello unico di consumo,appiattendo, o perfino eliminando, la ricchezza delle varietà alimentari.L’omologazione di gusti e consumi alimentari, inoltre, è stata favorita dalla progressivaperdita del patrimonio alimentare tradizionale nel quale nel corso dei secoli si sonosedimentate le ricette familiari. Le ricette sono espressione della complicità millenariatra cucina, cultura e territorio e le varianti familiari un tempo ritagliavano su ciascuno dinoi un’alimentazione personalizzata per la salute individuale. L’alimentazionepersonalizzata è la via da percorre per superare l’omologazione alimentare- È inutilese non dannoso ricorrere alla cultura massimalistica delle prescrizioni/proscrizioni deicibi per proporre a tutti gli stessi regimi alimentari .I problemi principali della salutealimentare di oggi sono:la perdita progressiva delle specificità personalidell’alimentazione;lo scarso utilizzo dei cibi locali o filiera corta;l’abbandono dellericette familiari che nel corso delle generazioni hanno personalizzato la cucinaterritoriale o regionale per modalità di preparazione, cottura e conservazione deglialimenti. 

Ciò espone ogni persona a sostanze alimentari ignote al proprio organismonella propria millenaria storia alimentare personale e familiare; l’uso diffuso esistematico di fertilizzanti, pesticidi e conservanti e l’alterazione e\o perdita dellacomplessità genetica e delle varietà biologiche concorrono all’aumento di incidenza egravità delle intolleranze e allergie alimentari e della steatosi epatica (aumento delgrasso nel fegato superiore al 5% del peso dell’organo) che è un indice molto precocedi danno alla salute e rischio per patologie cardiovascolari, degenerative, epato-digestive, metaboliche, e neoplastiche.” Per il professor Bonino “L’obiettivo èl’elaborazione di un programma applicativo che permetta a ogni singola persona dicrearsi un calendario alimentare personale nel quale confluiscono, da una parte, lesue abitudini alimentari e stile di vita.”

Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Croce Bianca
da Zazoom
zazoom
- 5 5 5
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : SaluteCroce BiancaMassaclasseconferenze
Clicca qui e commenta questo post!