Ex ministra Trenta: mio marito rinuncia ad alloggioRaffaella Fico hot in palestra! Il lato B in primo piano e Mario ...Mi ha massacrata con calci e pugni per 7 anni! Heather Parisi, la ...Momento hot a Live non è la d'Urso, tra spogliarelliste, pornostar e ...Cina: scoppio in una miniera, 15 mortiRitirato un lotto di Acqua Vera per sospetta contaminazione battericaUnicef : muoiono 15mila bambini al giornoPomeriggio 5, Ivana Icardi attacca Gaetano Arena sul bacio con Ambra: ...La Celentano mi mette ansia! Amici, Talisa è lontana dal padre per ...Emma Marrone ed Elodie di nuovo amiche e complici Sexy Justine Mattera... Ecco perché mi mostro nuda su Instagram!Manovra, dal Pd circa 900 emendamentiVivere non ha senso! 19enne si suicida dopo un video chocIlaria Cucchi querela Matteo SalviniLe ultime ore di Freddie Mercury prima di morire
di

Dormite tranquilli, ci siamo noi! L’ultimo video degli agenti uccisi a Trieste

“Dormite sonni tranquilli, c’è la Volante 2”. E’ il messaggio che Matteo Demenego e Pierluigi ...
Dormite tranquilli, ci siamo noi! L’ultimo video degli agenti uccisi a Trieste

Dormite tranquilli, ci siamo noi! L’ultimo video degli agenti uccisi a Trieste

Matteo Demenego

Dormite sonni tranquilli, c’è la Volante 2”. E’ il messaggio che Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due agenti uccisi venerdì in questura a Trieste, avevano registrato con un video in una delle tante notti in servizio. “Buonasera… Dopo tanto tempo i Figli delle Stelle sono tornati, siamo qui. Voi dormite sonni tranquilli, c’è la Volante 2. E’ tutto a posto, come sempre si inizia… i Figli delle Stelle…”.

In quel ‘dormite sonni tranquilli’ c’è tutta la missione, la responsabilità, la dedizione al prossimo che erano alla base della scelta di Pierluigi e Matteo. Una finestra di qualche istante sull’orgoglio di indossare la divisa della Polizia di Stato per servire la gente, la storia di una grande amicizia. Proteggeteci anche da lassù, tra le stelle, si legge sulla pagina Facebook della Polizia.

Matteo Demenego

Intanto emergono nuovi dettagli sul caso. Augusto Stephan Meran che venerdì scorso ha impugnato due pistole e ha ucciso Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, 31 e 34 anni, ha mostrato “lucidità” nella “manovra aggressiva” con cui prima ha ucciso i due agenti della questura di Trieste, ne ha ferito alla mano un terzo e poi, sempre sparando ad altezza d’uomo, “come si evince dai filmati tratti dalla sicurezza interna della questura” ha tentato l’omicidio “di almeno altri 8 agenti”, tra cui tre addetti alla vigilanza degli uffici di via Tor Bandena, quattro agenti in forza alla Squadra mobile che erano nell’auto fuori è sono intervenuti per bloccarlo e di un altro poliziotto intervenuto dopo gli spari.

E’ quanto emerge nel decreto di fermo firmato dal pm Federica Riolino che, sostenendo la presenza di “gravi indizi” di colpevolezza, ha chiesto e ottenuto dal gip, la convalida della misura cautelare. Il 29enne si trovava in questura per il furto di uno scooter. Ha chiesto di andare in bagno e una volta uscito è riuscito a impossessarsi della pistola di Rotta e ad ucciderlo, poi ha ucciso anche Demenego e si è fatto largo nell’atrio della questura con le sue semiautomatiche tolte alle vittime – particolare dedotto dalle immagini delle telecamere – prima di essere ferito all’inguine e bloccato da uno degli agenti della Mobile che rientrava in via Tor Bandena.

Matteo Demenego

Il fratello dell’arrestato ha sempre fatto riferimento a un disturbo psichico, ma il 29enne non era in cura in nessun servizio di igiene mentale del capoluogo. Per la procura “orientano per una semplice scarsa lucidità solo i farmaci rinvenuti all’esito della perquisizione domiciliare”. Un elemento su cui, al momento, la difesa dell’indagato non si pronuncia, ma che avrà un ruolo centrale in sede processuale.
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Matteo Demenego
da Zazoom
zazoom
- 5 5 5
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : AttualitàMatteo DemenegoPierluigi Rottaultimovideo
Clicca qui e commenta questo post!