di

Come muoversi meglio su Marte (seconda parte)

Come muoversi meglio su Marte (seconda parte) Dopo avere analizzato le problematiche nel muoversi sulla superficie del pianeta rosso, ecco ...
Come muoversi meglio su Marte (seconda parte)

Come muoversi meglio su Marte (seconda parte)
Come muoversi meglio su Marte (seconda parte) : Dopo avere analizzato le problematiche nel muoversi sulla superficie del pianeta rosso, ecco qualche idea che potrebbe risolvere alcuni aspetti.  Nel precedente articolo abbiamo passato in rassegna i rover marziani atterrati con successo su Marte, tutti di costruzione americana. A questo punto, prendendo spunto dalle problematiche che sono emerse finora e passando per una rapida carrellata su un paio di rover in via di realizzazione (uno europeo e l'altro cinese), cercherò di proporre qualche idea per andare oltre quelle difficoltà.

ExoMars

 Il progetto di rover europeo, da lanciare nel 2020, è stato rivisto e modificato più volte anche a causa del cambiamento di partnership (inizialmente doveva essere una collaborazione con la NASA, ora invece è con la Russia). La versione attuale prevede un rover principalmente alimentato da pannelli solari (ma c'è anche un generaore al plutonio) somigliante ai MER ma dotato di un sistema più complesso di sospensioni. Mentre nei rover americani le due ruote centrali sono fisse e sono accoppiate a quelle posteriori tramite un disegno denominato "rocker-bogie", qui le sei ruote sono tutte sterzanti e formano tre coppie indipendenti (una coppia è formata da ruote appartenenti a due lati opposti, si veda l'immagine sottostante). Questo dovrebbe conferire al rover maggiori possibilità di movimento (si parla della capacità di "quasi camminare" sulla superficie, ma non è proprio così!).

 In ogni caso, il sistema di navigazione di ExoMars sarà molto simile a quello adottato sui rover americani e si basa su una coppia di fotocamere stereoscopiche (NAVcam) poste in posizione elevata per stabilire in anticipo il percorso e su un software autonomo in grado di garantire una percorrenza di 100m/Sol.

 

Rover Cinese

 Anche la Cina sta lavorando a diversi possibili rover da inviare su Marte intorno al 2020 (si veda questo articolo di Elisabetta). Uno di questi è stato presentato in una esposizione a Shangai e, pur essendo un prototipo abbastanza approssimativo, presenta svariati aspetti innovativi che lo rendono molto interessante.

 Tanto per cominciare, la parte inferiore è chiaramente ispirata a ExoMars perchè anche qui le ruote sono accoppiate e non in modalità "rocker-bogie". I pannelli solari sono invece costituiti da una serie di petali che si aprono a formare un "fiore" circolare (simili a quelli degli americani MPL, Phoenix, InSight e Max-C) e, soprattutto, sono orientabili. Infine, la Mastcam che sostiene le 4 fotocamere ad alta definizione è decisamente alta, circa 3 metri. Vediamo cosa questo significa nel prossimo paragrafo.

Strategie vincenti

 Le caratteristiche dei due rover esaminati, in particolare quello cinese, ci fanno capire come sia possibile aggirare alcuni dei limiti di mobilità sperimentati dai rover americani.

 In effetti, per quanto riguarda i pannelli solari, la mancanza di sufficiente insolazione durante i mesi invernali ha costretto i due MER a fare delle lunghe soste che potremmo chiamare "letarghi", durante le quali il rover deve rimanere immobile su un pendio opportunamente orientato che garantisca un irraggiamento sufficiente a mantenere un minimo di supporto vitale. Pannelli orientabili permetterebbero invece al rover di potersi spostare, seppure in maniera limitata, anche in questi periodi più critici; inoltre, la possibilità di inclinare i pannelli solari e magari di farli anche vibrare permetterebbe di ripulirli periodicamente dalla polvere eliminando un altro grosso problema che da sempre limita le attività dei MER, misurato tramite il famoso "dust factor" (per osservarne l'andamento si consulti la pagina delle statistiche di Opportunity); in caso contrario, bisogna sperare che qualche provvidenziale "dust devil" (mulinello d'aria) passi nelle vicinanze e soffi via la polvere, ed in effetti è proprio grazie a questi aiuti inaspettati che la missione dei MER è andata molto oltre ogni aspettativa, ma di certo non si può far conto su simili colpi di fortuna in fase di progettazione!

 Parlando di approvigionamento energetico, ovviamente la soluzione ideale sarebbe quella adottata per Curiosity, ovvero un generatore a radioisotopi che, sfruttando il calore prodotto dalla radioattività del Plutonio, fornisce una sorgente energetica praticamente costante per decenni, senza dipendere dai capricci delle stagioni e della polvere; tuttavia questa soluzione, oltre a comportare dei rischi ambientali (minimi) in fase di lancio, implica un sensibile aumento di ingombro e di peso e infatti è stata adottata in un rover decisamente più grande dei MER. In questi articoli ci concentreremo invece su missioni di taglia media, come appunto MER e Exomars, e questo perchè i costi dipendono fortemente dalla massa e dalla complessità, come mostrato nella tabella riportata nella prima parte.

 C'è poi il discorso della navigazione. I "drive" dei rover vengono generalmente pianificati in largo anticipo da Terra esaminando attentamente le immagini satellitari e, soprattutto, le riprese fatte dalle camere stereoscopiche di navigazione; come spiegato nel primo articolo, i rover usano comunque le immagni riprese dalle Navcam durante lo spostamento ma lo fanno in maniera autonoma e, in genere, solo per stabilire il percorso dettagliato da seguire per un breve tratto, dopo di che devono nuovamente fermarsi a indagare il terreno. Naturalmente, l'accuratezza del percorso pianificato (e quindi anche le probabilità che venga effettivamente compiuto con successo) dipendono molto dalla capacità del rover di "vedere lontano", sia in termini di visibilità vera e propria (assenza di ostacoli lungo la linea di vista), sia in termini di potere risolutivo. In questo senso, l'idea che sta alla base del rover cinese è ottima perchè l'altezza da terra delle fotocamere e la loro risoluzione sono nettamente superiori a quelle dei rover precedenti; in effetti, sia le NavCam dei MER che quelle di Curiosity hanno una altezza da terra di circa 2 metri e una risoluzione di 1024x1024 pixel su un campo largo 45°; questo significa che, a una distanza di 100m, un pixel dell'immagine corrisponde a 8cm, un pò troppi per capire che tipo di terreno c'è realmente. Nel caso di Curiosity, a dire il vero, si è cercato di rimediare installando anche due "Mastcam" dotate di ottica teleobiettivo e risoluzione migliore. Inoltre, di capacità di percepire la profondità della scena tramite parallasse è nettamente migliorata nelle NavCam di Curiosity, dove la baseline è di ben 42cm. Rimane tuttavia il problema di un raggio d'azione limitato e un campo visivo che a volte è parzialmente nascosto da ostacoli (colline, grosse rocce o avvallamenti del terreno).

Il ragno marziano

 Eccoci arrivati al mio personale progettino. Ovviamente si tratta solo di una idea di massima, non sviluppata in profondità e un pò provocatoria, poichè mettere in discussione alcuni caposaldi o paradigmi dell'esplorazione marziana del passato ma anche del futuro prossimo.

 Come si intuisce dal nome e dalle immagini pubblicate in apertura e qui sopra, l'innovazione più evidente è, naturalmente, l'eliminazione delle ruote in favore delle zampe. Potrebbe sembrare un passo indietro, dato che la storia tecnologica dell'umanità è iniziata proprio con l'invenzione della ruota; eppure, per muoversi su un terreno selvaggio e accidentato non c'è nulla di meglio di una o più paia di zampe, come ci insegna la natura! In effetti, con delle zampe è possibile muoversi su terreni decisamente più accidentati, cedevoli o scoscesi; le esperienze negative di Spirit (che ha terminato la sua missione perchè è rimasto "insabbiato") e Curiosity (che rischia di fare la stessa fine perchè le ruote si stanno danneggiando rapidamente a causa delle asperità del terreno) parlano chiaro!

 Con le zampe, l'unica accortezza (come ben sappiamo noi bipedi) è quella di posarle nei posti giusti, evitando zone cedevoli come sassi instabili o buche. In questo senso, un grande aiuto viene da un numero elevato di punti di appoggio, in modo da garantire sempre una stabilità anche in caso di cedimento di una zampa. Per questo sono necessarie almeno quattro zampe, ma sono meglio 6 perchè altrimenti il baricentro rischia di cadere sul bordo del "triangolo d'appoggio" se una zampa cede. Nel modello qui presentato le zampe sono addirittura 8, il che lo rende più simile ad un ragno che ad un insetto. Il motivo di questa scelta è dettato, oltre che dalla maggiore stabilità, dalla necessità di avere una buona ridondanza, ovvero mantenere la capacità di muoversi anche nel caso che una o due zampe non funzionino; lo scotto da pagare è una maggiore complessità.

 L'altra innovazione riguarda il piccolo drone volante, un quad-coptero che svolge un ruolo fondamentale nella navigazione del rover. In pratica, prima di ogni spostamento, il drone fa una ricognizione del percorso previsto per il rover (un percorso di massima, basato principalmente sulle immagini satellitari). Dovendo limitare al massimo il peso (l'atmosfera di Marte è molto più rarefatta di quella terrestre), l'ottica del drone non può essere troppo sofisticata ma, volando a qualche decina di metri di altezza, il drone dovrebbe essere in grado di ricavare mappe tridimensionali del terreno con dettaglio dell'ordine del centimetro, sufficiente a per pianificare il tragitto del rover con una precisione tale da non richiedere soste e deviazioni.

 Un vantaggio collaterale del drone è quello di poter ripulire dalla polvere i pannelli solari del rover volando poco sopra di essi, sfruttando lo spostamento d'aria prodotto dalle pale. Il drone dovrebbe potersi posare sul rover per ricaricare le batterie ed eventualmente scaricare le mappe (entrambe le operazioni potrebbero sfruttare la tecnologia wireless). Tuttavia, volendo evitare il rischio di danneggiare il rover, si potrebbe anche rendere il drone del tutto autonomo, con pannelli solari e capacità di posarsi sul suolo, ma questo implica un ulteriore aggravio di peso.

 Con questi e altri stratagemmi, il rover dovrebbe essere in grado di percorrere tipicamente 1 km al giorno, con una velocità "di crociera" di circa 3 cm/s. Si tratta di una percorrenza non certo elevata per gli standard terrestri ma è un ordine di grandezza superiore a quanto si è fatto finora!

Leggi nasa su aliveuniverse.today

Altre notizie per : nasa ↺

Live Video Breaking News

Segui gli aggiornamenti dei fatti più importanti dal mondo.

Scritto da aliveuniverseimages@ Letto 624 volte
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : Scienzanasamartemars exploration roverexomars

Di' la tua e commenta questo post!