Pensioni d'oro - è scontro Renzi-Di MaioNatale - Coldiretti: 1 su 3 regala ciboConfcommercio:per regali spesa 166 euroRientro per salma Vittorio Emanuele IIISci - Sofia Goggia seconda in superGNatale e Capodanno - 15 - 3 mln in viaggioIgor - ora si cercano i fiancheggiatoriImu-Tasi - seconda rata costerà 10 mldStudenti in catene contro sfruttamentoCorteo pro-migranti - allarme infiltrati
di

Il Nono Pianeta potrebbe essere canaglia

Il Nono Pianeta potrebbe essere canaglia
Il Nono Pianeta potrebbe essere un ex pianeta canaglia, cioè potrebbe essersi formato altrove per ...
Il Nono Pianeta potrebbe essere canaglia

Il Nono Pianeta potrebbe essere canaglia
Il Nono Pianeta potrebbe essere un ex "pianeta canaglia", cioè potrebbe essersi formato altrove per essere catturato dal nostro Sole ad un certo punto della sua storia. Lo studio è stato presentato da James Vesper e Paul Mason, in collaborazione con la New Mexico State University al convegno dell'American Astronomical Science.

"E' molto probabile che il Nono Pianeta sia un pianeta canaglia, cioè un mondo vagabondo che naviga nello spazio senza essere legato ad una stella", ha detto Vesper, autore principale dello studio, conclusione a cui era giunto anche un altro gruppo di ricerca lo scorso anno.

Il team ha eseguito simulazioni computerizzate di 156 incontri tra il Sistema Solare ed un pianeta canaglia di varie dimensioni e con traiettorie diverse. Tali incontri non dovrebbero essere così rari: altri studi dimostrano, infatti, che i mondi di questo tipo sono più numerosi dei pianeti "normali" nella Via Lattea.
Il modello ha mostrato che nel 60 per cento dei casi, l'oggetto verrebbe di nuovo scagliato lontano; di questi, il 10 per cento delle volte, tirerebbe con sé uno dei pianeti nativi del Sistema Solare. Ma con un buon 40 per cento delle probabilità la "canaglia" finirebbe catturata nella nostra famiglia. E questo accade quando il processo avviene lentamente, ha spiegato Vesper.

L'esistenza di questo mondo ancora misterioso ai confini del Sistema Solare è stata teorizzata da alcuni gruppi di ricerca.
Le simulazioni di Vesper sono in accordo con le ipotesi condivise dai diversi ricercatori e cioè, difficilemente si tratterebbe di un pianeta più grande di Nettuno (la massa di Nettuno è di circa 17 volte quella della Terra).
Il Nono Pianeta sarebbe, perciò, 10 volte più massiccio della Terra ed orbiterebbe in media 20 volte più lontano dal Sole rispetto a Nettuno (la cui distanza media dal Sole è di circa 4,5 miliardi di chilometri); impiegherebbe quindi tra i 10.000 ed i 20.000 anni per compiere un'orbita completa attorno alla nostra stella. La sua esistenza spiegherebbe le strane orbite ellittiche di alcuni oggetti transnettuniani (TNO Trans Neptunian Object) che sembrano puntare nella stessa direzione dello spazio fisico con un'inclinazione quasi identica rispetto al piano geometrico su cui si muove il Sistema Solare.

Il Nono Pianeta iniziò a diventare popolare circa tre anni fa quando Carlos e Raul de la Fuente Marcos della Complutense University di Madrid avevano presentato ben due documenti, nel 2014 e nel 2015, teorizzando due super-Terre ai confini del Sistema Solare. Successivamente, due gruppi indipendenti, uno svedese e l'altro messicano, hanno acclamato di aver individuato due grandi oggetti oltre l'orbita di Nettuno (addirittura nella Nube di Oort!) e nel 2016, fu Mike Brown, del California Institute of Technology (Caltech), ad asserire che, dopo un anno e mezzo di simulazioni, i modelli computerizzati confermavano l'esistenza di un altro mondo nel Sistema Solare non ancora scoperto.

Brown aveva anche predetto che probabilmente il Nono Pianeta sarebbe stato confermato all'inizio del 2017... quindi non ci resta che aspettare che si avverino le previsioni!

Simulation of Rogue Planet Encounters with the Solar System: Is Planet 9 a Captured Rogue? [abstract]

Rogue, or free-floating, planets may be abundant in the Galaxy. Several have been observed in the solar neighborhood. They have been predicted to even outnumber stars by a large fraction, and may partially account for dark matter in the disk of the galaxy, as the result of circumbinary planet formation. We performed N-body simulations of rogue encounters with the solar system with a variety of impact parameters. We find that Jupiter mass and higher rogues leave a significant imprint on planetary system architecture. Rogue formation models are therefore constrained by observed planetary system structure. We speculate that if rogue planets are abundant as predicted, then, Planet 9 may be a captured rogue.

Altre notizie per : nono pianeta

Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti dei fatti più importanti dal mondo.
Scritto da aliveuniverseimages@ Letto 1029 volte
zazoom
- 5 5 5
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : Scienzanono pianetasistema solarepianeta extrasolareNew Mexico State University Di' la tua e commenta questo post!