Giappone - tifone Lan provoca due mortiBaretta - bene si avvi negoziatoBorsa. Tokyo apre in rialzo - a +1 - 17%Trump: Merkel-Macron - avanti affari IranReferendum - affluenza Veneto del 57 - 2%Sondaggio:crisi catalana - affonda RajoyZaia: "Referendum diventerà endemico"Zaia: è Big Bang riforme istituzionaliReferendum - affluenza Veneto al 59 - 7%Calano Pm10: Torino revoca stop diesel
di

ExoMars: Trace Gas Orbiter pronto a fare scienza

ExoMars: Trace Gas Orbiter pronto a fare scienza
Il Trace Gas Orbiter (TGO) della missione ESA / Roscosmos ExoMars è pronto per le prime ...
ExoMars: Trace Gas Orbiter pronto a fare scienza

ExoMars: Trace Gas Orbiter pronto a fare scienza
Il Trace Gas Orbiter (TGO) della missione ESA / Roscosmos ExoMars è pronto per le prime osservazioni scientifiche. TGO è arrivato su Marte il 19 ottobre 2016, stesso giorno in cui la missione ha perso il lander Schiaparelli. E' stato inserito, come previsto, in un'orbita altamente ellittica di 4,2 giorni, tra i 230 ed i 310 chilometri sopra la superficie.

A partire dalla prossima settimana, TGO ci darà un assaggio di scienza con l'inizio della fase di calibrazione degli strumenti. Le attività complete, invece, inizieranno a marzo 2018, quando un anno di aerobraking porterà la sonda in un'orbita quasi circolare a circa 400 chilometri sopra la superficie del pianeta.

L'orbiter, 3,5 x 2 x 2 metri e fino a 17,5 metri da un estremo all'altro con i pannelli solari dispiegati, è dotata del seguente payload:

  • Colour and Stereo Surface Imaging System (CaSSIS), una fotocamera a colori con risoluzione di 4,5 m/pixel, per creare modelli accurati dell'elevazione del suolo marziano;
  • Fine Resolution Epithermal Neutron Detector (FREND), un rilevatore di neutroni, che permetterà di mappare la presenza di idrogeno sulla superficie e individuare potenziali depositi di acqua o idrati fino a un metro di profondità;
  • Nadir and Occultation for Mars Discovery (NOMAD) e Atmospheric Chemistry Suite (ACS), consistenti in una serie di spettrometri nella banda dell'infrarosso, del visibile, dell'ultravioletto, per la rilevazione e la mappatura della distribuzione di numerosi gas presenti in tracce nell'atmosfera del pianeta

Tra questi, FREND, è rimasto acceso per gran parte del viaggio rilevando dati di calibrazione.

Nel corso della missione scientifica primaria gli strumenti prepareranno un inventario completo dell'atmosfera, in particolare di tutti quei gas presenti in piccole quantità. Ovviamente di grande interesse è il metano, che sulla Terra è prodotto principalmente da attività biologica o processi geologici e per Marte ha sempre dato vita ad accesi dibattiti.

Durante la seconda orbita, sono previste osservazioni di Fobos ed ovviamente alcune riprese di Marte.
La suite CaSSIS è progettata per catturare immagini stereo, fotografando un'area prima in avanti e poi indietro per avare due diverse angolazioni.

Vista l'orbita ellittica, TGO passerà abbastanza veloce sulla superficie quando si troverà più vicino al pianeta. Tale fatto ed il cambiamento di quota renderanno la ricostruzione tridimensionale piuttosto impegnativa in questa fase.

Per ora, non sono stati selezionati target specifici ma durante il massimo avvicinamento nella prima orbita la sonda volerà sopra la regione Noctis Labyrinthus di cui tenterà una ripresa stereo.

"Siamo entusiasti. Potremo finalmente vedere gli strumenti lavorare nell'ambiente per cui sono stati progettati e ricevere i primi dati da Marte", ha commentato Håkan Svedhem, project scientist della missione.

Leggi esa su aliveuniverse.today
Altre notizie per : esa

Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti dei fatti più importanti dal mondo.
Scritto da aliveuniverseimages@ Letto 734 volte
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : Scienzaesaexomarstgomarte Di' la tua e commenta questo post!