Come scegliere il caffè in grani: guida all'acquistoYABBA DABBA DINOSAURS LO SPIN-OFF DEI MITICI I FLINTSTONESKaspersky e KRAKATAU presentano una collezione di capi unici Il 3 dicembre l’SMS compie 28 anniFallout 76: Alba d’acciaio trailer Coronavirus, Cena di Natale : E' consigliato il tamponeHwang tornerà in SOULCALIBUR VIAPRILIA RS660 E' LA MOTO UFFICIALE DI MILAN GAMES WEEK-XAccount PSN bannati per la vendita della PlayStation Plus CollectionJUST DANCE 2021 CON LUNA PER CELEBRARE I NONNICome proteggere gli account di gioco dai cyberattacchiANNUNCIATO MONSTER ENERGY SUPERCROSS 4GTA Online: ricompense triple in Scia mortale e Re della collinaFrancia, polizia pesta un nero. Esplode la polemicaMETRO EXODUS ARRIVERA’ SULLE CONSOLE NEXT-GENTHE CREW 2: DLC GRATUITO DISPONIBILECombatti con Itsuka Kendo in MY HERO ONE’S JUSTICE 2 da oggiBlack Ops: Cold War consigli per la Campagna e l'onlinePoker: terminologia e modi di direSomalia: 32.000 bambini e le loro famiglie in fuga a causa del ...Black Friday sempre più atteso in Italia: crescono del 12% circa le ...LOL: Chi ride è fuori, il nuovo comedy show italiano Amazon OriginalFarming Simulator DLC gratuitoArrivano i Black Days di WikoGuendalina Tavassi i video intimi : Ecco come sono entrati nel ...
di

Gli Orologi del Diavolo, la storia vera di Gianfranco Franciosi: Ma che eroe, è solo un truffatore

Gli Orologi del Diavolo, la storia vera di Gianfranco Franciosi: Ma che eroe, è solo un truffatore

Fanpage è andata ad Ameglia (La Spezia), nel paese dell'”onesto meccanico di barche” a cui è ispirata la fiction “Gli Orologi del Diavolo” di quattro puntate in onda su Rai Uno con Beppe Fiorello e abbiamo scoperto che “Giannino” non è chi dice di essere. 

Dai documenti che Fanpage ha potuto visionare, Gianfranco Franciosi detto Giannino, nato a Berna nel 1979, è un pregiudicato ben prima di iniziare a collaborare con le autorità: appropriazione indebita e truffa nel 2001, armi e munizioni nel 2005. Tutti reati precedenti ai fatti raccontati nella fiction (che iniziano nel 2007). 

"Mi ha minacciato con una pistola grossa così – racconta a Fanpage.it un ex socio, Roberto Perasso, 66 anni, imprenditore genovese – . E poi l'ho denunciato per appropriazione indebita nel 2019 per un affare di vendita di gozzi elettrici: tra una cosa e l'altra Franciosi mi deve 60/65mila euro. E come me ce ne sono tanti. E aspettiamo giustizia". Secondo chi lo conosce da quando era bambino, Franciosi dietro di sé ha lasciato una lunga scia di fregature, debiti, promesse non mantenute, abusi, minacce: "Trafficava con le barche, sul fiume, e non era manco tanto bravo come meccanico: raccontava che lavorava per grandi aziende coma la Riva o la Ferretti, ma non era vero niente".

"Costruiva e riparava imbarcazioni senza rispettare nessuna regola amministrativa o ambientale – dice il sindaco di Ameglia, Andrea De Ranieri – Nell'ultima inchiesta che c'è stata sul fiume, è emerso che costruiva queste imbarcazioni in vetroresina in modo completamente abusivo, su un terreno a destinazione agricola, in quello che doveva essere un vecchio circolo Arci, in barba a qualsiasi norma o regola. Abbiamo trovato di tutto interrato nel terreno: pezzi di imbarcazioni, batterie esauste, taniche con olio motore: un danno ambientale incredibile".

"Non so come faccia ad andare avanti in questo castello di menzogne –  dice chi lo conosce – . La cosa che ci fa più male è che un personaggio del genere sia stato eretto in questi anni come un monumento alla lotta alla mafia. Un truffatore bello e buono. Non fate passare quella fiction".

zazoom