La città del Molise delle cipolleStrettoie montaneSi fanno prima di costruireAPRILIA RS660 E' LA MOTO UFFICIALE DI MILAN GAMES WEEK-XAccount PSN bannati per la vendita della PlayStation Plus CollectionJUST DANCE 2021 CON LUNA PER CELEBRARE I NONNICome proteggere gli account di gioco dai cyberattacchiANNUNCIATO MONSTER ENERGY SUPERCROSS 4GTA Online: ricompense triple in Scia mortale e Re della collinaFrancia, polizia pesta un nero. Esplode la polemicaMETRO EXODUS ARRIVERA’ SULLE CONSOLE NEXT-GENTHE CREW 2: DLC GRATUITO DISPONIBILECombatti con Itsuka Kendo in MY HERO ONE’S JUSTICE 2 da oggiBlack Ops: Cold War consigli per la Campagna e l'onlinePoker: terminologia e modi di dire
di

Carnivore diet: definizione, benefici e rischi

Carnivore diet: definizione, benefici e rischi

La carnivore diet  è caratterizzata dal consumo esclusivo di alimenti a base animale come la carne, il pesce, le uova e il latte a basso contenuto di lattosio. Inoltre, le persone che seguono questa dieta possono consumare il miele, il sale, il pepe e i condimenti con zero carboidrati.

Altri cibi come le verdure, la frutta, i cereali, i latticini ad alto contenuto di lattosio, gli zuccheri e gli oli vegetali sono completamente esclusi dalla carnivore diet.

Diete simili prevalentemente a base di carne come la dieta chetogenica e la dieta Paleolitica limitano i carboidrati anche se non vengono esclusi completamente.

I dietisti spesso indicano la carnivore diet come una dieta a basso contenuto di carboidrati o una dieta ad alto contenuto di grassi (LCHF). A volte viene classificata anche come una dieta a base di alimenti di origine animale  (ASF).

La carnivore diet  è basata  su una controversa teoria, secondo la quale la dieta dei nostri antenati, molto tempo fa, era ricca di alimenti animali e la funzionalità dell’organismo umano è maggiore se l’alimentazione è molto ricca di proteine e di grassi.

Uno tra i principali sostenitori della carnivore diet è Shawn Baker, un’ex chirurgo ortopedico. Nel suo sito web ha aggiunto alcune storie che riguardano le persone che  seguono con successo la dieta carnivora.

Secondo Baker, la carnivore diet apporta numerosi benefici come la perdita di peso, la riduzione del dolore e una migliore salute in generale.

Tuttavia, non ci sono evidenze scientifiche per sostenere queste affermazioni.

La carnivore diet apporta benefici alla salute?

I sostenitori della carnivore diet affermano che la dieta aiuta ad ottimizzare le funzioni naturali del corpo e apporta numerosi benefici alla salute.

In particolare viene enfatizzata una migliore perdita di peso e degli effetti positivi sulla depressione, sull’ azione anti-età del cibo, sul diabete, sui disturbi della pelle, sul dolore, sui problemi digestivi e sull’artrite.

Molte delle persone che decidono di provare la dieta carnivora, hanno come principale scopo la perdita di peso.

Secondo, l’articolo pubblicato sull’European Journal of nutrition, le diete a basso contenuto di carboidrati hanno la capacità di instaurare nell’organismo uno stato di chetosi (bruciare i grassi) e in questo modo è possibile perdere peso.

Tuttavia, la perdita di peso indotta dalla carnivore diet potrebbe essere simile all’effetto di altre diete perchè come le altre esclude alcuni tipi di alimenti non salutari.

La dieta carnivora eliminando i carboidrati, evita alle persone di consumare cibi dannosi come le torte, i pasticcini, i biscotti e le patatine fritte.

Qualunque programma dietetico sano sconsiglia cibi ad alta densità calorica e con basso valore nutritivo.

Escluderli serve ad incoraggiare la perdita di peso e il miglioramento della salute in generale indipendentemente se la persona decide di seguire una dieta a base di cibi animali o meno.

Rischi ed effetti collaterali

La natura restrittiva della carnivore diet elimina interi gruppi alimentari dal regime dietetico abituale delle persone, in questo modo vengono escluse molte vitamine, minerali e altri nutrienti presenti negli alimenti eliminati.

La verdura, la frutta e i cereali contengono fibre e sono per questo molto importanti per la salute digestiva. Diverse ricerche hanno dimostrato come la dieta ricca di fibre protegge anche dal cancro al colon e dall’adenoma colonrettale.

Secondo alcune ricerche, la carne e i prodotti processati derivati sono associati ad un’incremento del rischio di malattie delle arterie coronarie e del diabete, inoltre l’incremento del rischio può dipende dal tipo di carne che si consuma.

Per esempio, alcune carni ricche in grassi saturi possono aumentare i livelli di colesterolo nel sangue. Gli studi scientifici hanno scoperto che mangiare molti grassi saturi per un periodo di tempo prolungato può incrementare il rischio di malattie coronariche.

Nelle persone con malattia cronica renale (CKD), seguire una dieta ad alto contenuto di proteine può essere particolarmente dannoso.

Diversi studi suggeriscono che il limitato apporto di proteine nelle persone con CKD favorisce il rallentamento della progressione della malattia e ritarda l’esigenza della terapia dialitica.

Limitare la varietà degli alimenti consumati nella dieta può essere, inoltre, particolarmente pericoloso in gravidanza e durante la lattazione, poichè le esigenze nutrizionali non potrebbero essere soddisfatte da una dieta ASF (animal source foods).

Gli effetti collaterali delle diete ASF e LCHF (basso tenore di carboidrati, alto tenore di grassi, low carb high fat) includono la costipazione, il mal di testa, la flatulenza e l’alitosi.

Come poter seguire la carnivore diet

La carnivore diet consente di variare la scelta degli alimenti. La regola fondamentale della dieta è mangiare solo cibi da fonti animali.

La dieta ad ampio spettro permette di mangiare una sola tipologia di carne o includerne diverse e consumare certi latticini. La persona che segue la carnivore diet sceglierà i cibi da includere e quelli da evitare.

Alimenti da poter includere nella dieta

Le persone che seguono la carnivore diet possono consumare:

  • Carne, come l’agnello, il manzo, il pollo, il tacchino, il maiale e le interiora
  • Pesce e frutti di mare, come il salmone, lo sgombro, il tonno, le sardine, le aringhe, i granchi e  le ostriche
  • Altri prodotti animali, come le uova, le ossa per il brodo, il midollo osseo e lo strutto
  • Prodotti caseari a basso contenuto di lattosio, come il burro, la panna, i formaggi a pasta dura e il Parmigiano
  • Acqua

Alcune persone consumano anche il sale, il pepe e altri condimenti che non contengono carboidrati.

Il miele non è consentito nella versione molto restrittiva della carnivore diet, ma viene incluso da alcuni fautori della dieta, in quanto è un prodotto animale, nonostante abbia un’alto contenuto di glucosio.

Cibi da evitare.

Qualunque cibo che non è ottenuto da una fonte animale viene escluso dalla carnivore diet.

Sono esclusi:

  • Frutta, come le banane, i frutti di bosco, gli agrumi, le mele e l’avocado
  • Verdure, come le patate, le carote, i broccoli, gli spinaci e i peperoni
  • Cereali, come il riso, il frumento, il pane, la quinoa, i cereali o la pasta
  • Frutta a guscio e semi, come le mandorle, le noci Pecan, le noci, i semi di zucca e i semi di sesamo
  • Prodotti caseari ad alto contenuto di lattosio, come i formaggi morbidi, il latte e lo yogurt
  • Legumi, come i fagioli, le lenticchie, le arachidi e i semi di soia
  • Alcolici, come il vino, la birra o i liquori
  • Oli di origine vegetale, come l’olio d’oliva, l’olio di girasole, l’olio di cocco e l’olio di canola
  • Zuccheri, come lo zucchero integrale, lo zucchero da tavola, lo sciroppo d’acero e lo sciroppo di agave
  • Bevande diverse dall’acqua, come la soda, il tè, il caffè e i succhi di frutta

Esempio di menù

Un’esempio di un menù di cinque giorni per le persone che vogliono provare la carnivore diet. 

Giorno 1

  • Colazione:  Uova bollite e pancetta.
  • Pranzo: Petto di pollo o frittata con Parmigiano.
  • Cena:  Tortino con hamburger di manzo, fette di carne di tacchino e panna acida.
  • Snacks: Carne essiccata o sardine.

Giorno 2

  • Colazione:  Uova strapazzate con burro.
  • Pranzo:  Hamburger di agnello con formaggio.
  • Cena:  Salsiccia, uova e formaggio in casseruola.
  • Snacks: Gamberi o strisce di bacon grigliate con Parmigiano.

Giorno 3

  • Colazione: Frittata di pollo.
  • Pranzo: Taglio grasso di costata di manzo e uova strapazzate.
  • Cena: Pesce con panna acida o fegato di manzo.
  • Snacks: Una piccola quantità di cheddar a pasta dura o brodo di carne.

Giorno 4

  • Colazione: Salmone affumicato o uova sode a fette.
  • Pranzo: Costolette di maiale al miele o con panna.
  • Cena: Polpette di manzo o frittata al formaggio.
  • Snacks: Tacchino essiccato o midollo osseo.

Giorno 5

  • Colazione: Salsicce di tacchino con uova.
  • Pranzo: Granchio cotto nello strutto o capesante.
  • Cena: Fegato di pollo o Filet mignon.
  • Snacks: Ali di pollo o brodo di carne.

Conclusioni

La carnivore diet è un regime alimentare abbastanza conosciuto, anche se è una dieta molto restrittiva e i benefici per la salute non sono dimostrati scientificamente.

E’ possibile ottenere alcuni effetti molto velocemente come la perdita di peso ma alcune persone possono avere problemi nel seguirla per un lungo periodo.

Escludendo interamente dei gruppi alimentari, la carnivore diet potrebbe causare malnutrizione.

I sostenitori delle diete ad alto contenuto proteico come la dieta Paleolitica o la dieta chetogenica, affermano che la carnivore diet apporta gli stessi benefici.

La dieta paleolitica e la dieta chetogenica hanno meno restrizioni e diversi potenziali benefici per la salute che sono stati sostenuti da diversi studi scientifici.

zazoom