Viviana Parisi è stata ammazzata : Adesso si teme per il piccolo ...I cinque deputati col bonus partita Iva da 600 euroTrovato il corpo di Viviana Parisi : Nessuna traccia del piccolo ...Crash Bandicoot 4: It’s About Time svelato allo State of PlayFerrari Hublot Esports Series, al via le iscrizioniGTA Online – aggiornamento in arrivoPuglia, corso Operatore della Ristorazione con indennità di frequenza ...Un abuso di potere : Paolo Becchi contro Giuseppe ConteRocco Casalino e quel bacio a Gabriele Rossi...Vittorio Feltri a Parenzo e Telese : Complimenti, leccate benissimo ...Lo stipendio del vicesindaco di Ferrara pignorato dall'Agenzia delle ...Evacuata Val Ferret : Allerta ghiacciaio, per esperti rischio di ...Street Fighter V: Champion Edition – Nuovi personaggiVideo Beirut : Mamma e tre bimbi travolti dall'esplosioneLibano: Oltre 100.000 bambini senza casa a Beirut
di

Solo come un uomo: Renato Gambuli ci racconta come si sente un animale abbandonato

Solo come un uomo: Renato Gambuli ci racconta come si sente un animale abbandonato

E' esplosa l'estate e, come tutti gli anni, ci ritroviamo a fare i conti non solo con la voglia di mare, sole e vacanza, ma anche con la nota negativa che caratterizza questa stagione, cioè l'aumento dell'abbandono degli animali, cani soprattutto. E ogni anno, in questo periodo, iniziano giustamente le campagne contro questo fenomeno.

Questo brano di Renato Gambuli è la sua personale campagna contro l'abbandono: una lettera messa in musica che un cucciolo scrive all'uomo che lo ha lasciato in autostrada. “Tradito dal suo migliore amico”, ha corso fino a non avere più la forza di abbaiare.

Immagini potenti, evocate da un brano volto a evidenziare la voce e le parole, che vanno a scuotere coscienza e cuore dell'ascoltatore con l'aiuto di piano e tastiere, suonati dallo stesso Renato, compositore di musica e testo. Alla chitarra Mario Sellitto, che ha curato l'arrangiamento insieme all'autore, mentre alla batteria troviamo Guido Cusano e al basso Corrado Elia. 

Ascolta "Solo come un uomo" su Spotify 

Molto toccante anche il videoclip con cui il regista Umberto Lariccia, in collaborazione con Elio Gambuli e con i disegni di Lauranicole Lariccia, ha voluto omaggiare il brano completando la storia sotto l'aspetto visivo. 

Artista dalla carriera prolifica e dal profilo artistico ricco e variegato, Renato Gambuli nasce a Napoli nel 1961. Ha conseguito il diploma in pianoforte al Conservatorio di Napoli nell'84 per poi avviare un'intensa attività di piano-bar in Italia e all'estero.

Il suo primo singolo “Silenzi infiniti” è del 1989 a cui segue una discografia di quattro album (“Verité”, album strumentale, 1995; “Anima Lumière”, brani new age sia strumentali che cantati, 2005; “Sognando”, pop latino, 2011; “Pianeggiando”, musiche per pianoforte, 2018) oltre a composizioni per spettacoli teatrali e musiche per trasmissioni televisive e documentari.

Ha girato il mondo in tournée insieme ad artisti come  Margarita Cantero, Charles Dumont, Son Caribe, Johnny Sheridan, J.C. Borrelly, Vivien Vallay e Lidia Martinico. Ha anche pubblicato delle raccolte di poesie, edite in Italia da Firenze libri. 

Ha aperto la sua scuola di musica nel 2002 e il suo studio di produzione Elison Music nel 2019.

Ha scritto un centinaio fra testi musicali e composizioni per diversi contesti, cantando oltre all'amore, la pace, la fratellanza e l'ecologia e dimostrando di essere un autore impegnato anche socialmente. Parla correttamente quattro lingue e attualmente vive e lavora a Parigi.

In questo momento sta lavorando all'album di prossima uscita, che speriamo di poter ascoltare presto.

zazoom