Acquista GeForce RTX e avrai DEATH STRANDINGThronebreaker è su Apple StoreCatania, durante una lite butta dalla finestra e uccide il cane del ...Anticipazioni Daydreamer domani 10 luglio: Sanem conosce PolenTragedia mare: dopo un' immersione muore il 65enne Giovanni ZampardiHa defecato nel nostro letto : L’accusa di Johnny Depp all’ex Amber ...Consulenza sicurezza sul lavoro: in cosa consiste e perché è ...Xiaomi Mi TV 4S 65” arriva in ItaliaLG SOUNDBAR GX: AUDIO SUPERIOREOnu lascia allarme rifiuti elettronici : Necessaria maggior ...La musica italiana omaggia la Regina ElisabettaIl MES è un debito, non è lo strumento adatto ad affrontare la crisi5 cose da sapere sulla cannabis lightUna Vita news, settimana 11 - 17 luglio: Antonito riceverà una ...Uccisa sulle strisce pedonali a 9 anni : Il pirata della strada si è ...
di

Calci e pugni in piazza, rissa senza mascherine: Sindaco chiude i locali | VIDEO

Calci e pugni in piazza, rissa senza mascherine: Sindaco chiude i locali | VIDEO


Rissa tra giovani della movida perugina: al posto delle mascherine calci e pugni nel centro storico. Il Sindaco correi ai ripari.


Ora che non dicano che è colpa degli anziani se tornerà il coronavirus. Spesso si sono rimproverati i meno giovani perchè facevano la spesa due volte al giorno pur di uscire di casa qualche minuto.

Ma a rovinare tutto non sono la nostra storia, ma chi la storia dovrebbe scriverla: i giovani. I sindaci di mezza Italia si stanno affrettando a chiudere i locali dalle 21. Il perchè è chiaro: soprattutto i 'fighetti' della movida e dell'aperitivo ad ogni costo, se ne fregano sia delle mascherine che delle distanze di sicurezza.

La foto è già inequivocabile: giovani nel centro storico di Perugia, in piazza Dante, ammassati l'uno sopra l'altro, e la mascherina è un optional. Ma non è tutto.

Nel video qui sotto, oltre al mancato rispetto delle misure di distanziamento fisico, l’atmosfera della piazza improvvisamente si surriscalda e la situazione degenera, complici anche i fumi dell'alcool. Alcuni giovani finiscono col mettersi le mani addosso: urla dei presenti e chi documenta con fotocamera alla mano.

«Le situazioni alle quali abbiamo assistito non sono accettabili». A parlare è il sindaco di Perugia, Andrea Romizi che dopo le scene vergognose di movida ha disposto la chiusura di tutti i locali alle 21. «Sarebbe da irresponsabili – ha detto il sindaco – vanificare tutti gli sforzi fatti finora». Troppo tardi: se doveva succedere, ormai è successo.

Il sindaco di Perugia è corso subito ai ripari emanando un’ordinanza valida dal 23 maggio e per tutte le successive giornate, ogni venerdì, sabato e domenica, e nei giorni festivi e prefestivi fino al 7 giugno. Come se i giovani per sfogare la loro voglia di alcool e trasgressione non potessero scegliere il luned', martedì, mercoledì o giovedì sera.

Anche l’assessore alla Sicurezza Luca Merli ha manifestato preoccupazione: «Le disposizioni di distanziamento sociale non sono state rispettate, e si sono verificati episodi di assembramento preoccupanti, a causa dei quali, nostro malgrado, abbiamo dovuto emanare questa ordinanza».


zazoom