E' Italiana la prima APP per trovare la moda sostenibileOppaidius Desert Island!, vola su KickstarterReddito di emergenza: Ecco i requisiti e domandaKoch Media rafforza la partnership con Paradox InteractiveeFootball PES 2020: L’Italia è Campione d’EuropaPriscilla Salerno fa a pezzi Rocco Siffredi e Malena a iGossip.itDeputato Fratelli d’Italia e lo scatto choc: donne musulmane ...In nome della diversità: Selvaggio primo singolo Regno unito e spedizioni: cosa cambia con la brexitMaria Elena Boschi nella bufera: la foto che ha fatto indignare i ...L'erba di grano è senza glutine?Calci e pugni in piazza, rissa senza mascherine: Sindaco chiude i ...Banane, perchè dovresti mangiarle prima dell'allenamento?Beautiful: Katherine Kelly Lang, interprete di Brooke parla di amore ...Napoli : Bimbo di 4 anni muore annegato in piscina di casa
di

Libri bruciati davanti a centro sociale: è da stupidi e fascisti

Libri bruciati davanti a centro sociale: è da stupidi e fascisti

Si sono adoperati durante tutta l'emergenza coronavirus affinchè non mancassero le prime necessità ai più bisognosi. E hanno cercato di portare la cultura nelle case di bambini e ragazzi tramite la consegna di libri. Non può essere un caso che siano stati i libri ad essere bruciati davanti all'ingresso del Tpo di via Casarini.


Una pila di libri bruciati. «Questo è quello che abbiamo trovato questa mattina di fronte al cancello del Tpo» - denuncia su Facebook il centro sociale - «Fare solidarietà, costruire mutuo soccorso nella crisi non piace a tutti - è scritto -. Leggiamo questo gesto come un tentativo di intimidazione.

Un attacco contro la storia del Tpo in quartiere e in città e soprattutto un vile gesto rivolto contro l’azione di solidarietà che a 360 gradi ha riguardato il Tpo da quando è partita l’emergenza Covid-19. Mentre noi stiamo portando i libri nelle case dei bambini e dei ragazzi del quartiere - continua il post - a qualcuno è venuto in mente di venire a bruciare libri davanti al Tpo.

Forse a qualcuno non piace che nessuno rimanga indietro, forse qualcuno preferirebbe un prima gli italiani, oppure a qualcuno non piace che nella crisi ci si dia una mano a vicenda. Questo ancora non lo sappiamo con certezza ma sta di fatto che i libri li hanno sempre bruciati gli stupidi e i fascisti».

zazoom