E' Italiana la prima APP per trovare la moda sostenibileOppaidius Desert Island!, vola su KickstarterReddito di emergenza: Ecco i requisiti e domandaKoch Media rafforza la partnership con Paradox InteractiveeFootball PES 2020: L’Italia è Campione d’EuropaPriscilla Salerno fa a pezzi Rocco Siffredi e Malena a iGossip.itDeputato Fratelli d’Italia e lo scatto choc: donne musulmane ...In nome della diversità: Selvaggio primo singolo Regno unito e spedizioni: cosa cambia con la brexitMaria Elena Boschi nella bufera: la foto che ha fatto indignare i ...L'erba di grano è senza glutine?Calci e pugni in piazza, rissa senza mascherine: Sindaco chiude i ...Banane, perchè dovresti mangiarle prima dell'allenamento?Beautiful: Katherine Kelly Lang, interprete di Brooke parla di amore ...Napoli : Bimbo di 4 anni muore annegato in piscina di casa
di

La Nuroll S.p.A. ha licenziato l'operaio per insubordinazione e per aver cercato di assentarsi dal lavoro approfittando dell'emergenza in corso

La Nuroll S.p.A. ha licenziato l'operaio per insubordinazione e per aver cercato di assentarsi dal lavoro approfittando dell'emergenza in corso

Comunicato Stampa - “L'operaio della Nuroll S.p.A, non è stato licenziato perché la moglie lavora presso un carcere in cui ci sono stati casi di persone positive al COVID-19, ma perché lo stesso ha cercato di approfittare dell'emergenza in corso, per assentarsi dal lavoro. 

In sintesi: il 3.4.20 il suddetto operaio ha chiesto di potersi assentare dal lavoro per alcuni giorni sino all'esito del test cui avrebbe dovuto essere sottoposta la moglie, giustificando tale richiesta con il fatto che la moglie avrebbe dovuto essere sottoposta a tampone il successivo lunedì 6.4.20, perché esposta a rischio di contagio. Nel messaggio inviato al riguardo dall'operaio era, inoltre scritto, che "ci sono delle persone con cui lavora risultate positive, una di queste è in rianimazione”. 

Come da normative nazionale e da protocollo aziendale, la Nuroll S.p.A. ha subito posto in atto tutte le misure previste per una simile ipotesi (es. allontanamento del lavoratore con invito a rivolgersi al proprio medico, comunicazione all'apposito numero verde regionale, sanificazione straordinaria del sito). E', poi, emerso che quanto dichiarato dall'operaio per assentarsi dal lavoro non era vero, perché la moglie non doveva sottoporsi a tampone il lunedì successivo (né in altro giorno) e, come dichiarato dallo stesso nel corso dell'audizione disciplinare, la moglie non era stata a contatto con le persone contagiate del carcere di Secondigliano, tanto da aver continuato a recarsi al lavoro anche dopo la scoperta dei contagi. 

Quanto sopra risulta dalla lettera di contestazione, in cui sono riportati anche i messaggi Whatsapp inviati dall'operaio, e dalla lettera di licenziamento. 

La Nuroll S.p.A non ha mai considerato negativamente il fatto che la moglie dell'operaio lavorasse in un carcere al centro dell'emergenza e, al contrario, per tale ragione ha dato allo stesso mascherine e scudo in più perché le potesse dare alla moglie, che ne era priva, così come ha fornito mascherine in più a tutti i dipendenti perché potessero darle ai propri familiari." 

zazoom