Chi può coltivare la canapa e a cosa serve?Xiaomi: nuovi prodotti sul mercato globaleApri gli occhi! Dayane Mello avverte Belen Rodriguez sul nuovo ...Tanta cultura ma soprattutto divertimento per i bambini al “Campus ...Il 25° QuakeCon porta pace, amore, razzi, dirette globali, tornei, e ...Red Dead Online: bonus Cacciatori di taglieTamara Gorro si spoglia integralmente per festeggiare un milione e ...Sonia Bruganelli... La moglie di Paolo Bonolis si tuffa in mare con i ...COVID-19 : 9,4 milioni di persone vivono in condizioni di povertà ...Renato Pozzetto : A 80 anni ho nostalgia della vita, non del lavoro!Scuola, Didattica a distanza : Poteva andare molto peggioValeria Marini : il video ufficiale BOOMNuove imprese : finanziamenti a fondo perduto del 2020Annegato in piscina a soli 4 anni: era in agriturismo insieme alla ...Serena Mercuri muore a soli 32 anni stroncata da una malattia
di

Incinta, il medico le raccomanda attività fisica, i vigili urbani non la perdonano

Incinta, il medico le raccomanda attività fisica, i vigili urbani non la perdonano

La donna scrive una lettera al quotidiano Repubblica. Chi applica la legge non è "dotato della capacità di usare la ragione".

Lo abbiamo scritto qui: lunedì 4 maggio si riparte e le parole d'ordine devono essere buon senso e responsabilità. Ma nella vicenda di Torino almeno una delle due è stata vanificata, decidete voi quale. Una donna nell'ultima visita ginecologica, ha avuto le raccomandazioni dal suo il dottore che le ha detto di effettuare un po' di attività fisica, dati i troppi chili presi; lei cerca di camminare almeno 30 minuti al giorno. E’ incinta di sei mesi e mezzo è stata multata di 400 euro per aver portato il proprio figlio al parco.

L'episodio da quanto scritto dalla donna in una lettera pubblicata dal quotidiano Repubblica è accaduto il primo maggio verso le 11 di mattina a Torino, al Parco Michelotti. "Stamane mio figlio Filippo di 15 mesi si è svegliato presto e come di consueto, nel pieno delle sue energie. In tarda mattinata mi sono recata con lui al parco vicino casa mia per fargli prendere una boccata d'aria. Vado verso corso Gabetti – continua - percorro il viale adiacente al fiume Po e decido poi di fermarmi nei pressi della bocciofila,lateralmente in Corso Regina, perché quella è un'area in cui i bimbi hanno la possibilità di giocare senza incorrere in rischi o pericoli. Intorno a noi vedo altre persone intente a passeggiare con i passeggini o col proprio animale domestico. Ed ecco che due vigili urbani vengono verso di me e mi dicono che,nonostante io ne fossi completamente ignara, mi trovo in un parco a tutti gli effetti. Così decidono di farmi una bella multa di 400 euro, per aver violato il divieto d'accesso".

Di fronte alle rimostranze dei vigili urbani, la donna ha spiegato che il suo bambino non frequenta il nido da fine febbraio, per via dell'emergenza Coronavirus. E ha aggiunto che lei e suo marito lavorano da casa, occupandosi in contemporanea di Filippo e delle faccende domestiche. La neo mamma ha provato a raccontare ai vigili della sua necessità di muoversi, ma i vigili non si sono fatti intenerire e non hanno accettato le sue giustificazioni. Ha chiesto anche chiarimenti in merito: "Se mi fossi trovata lateralmente alla pista ciclabile, cioè poco più avanti rispetto alla mia posizione, anche quello sarebbe stato considerato come parco?". E loro le hanno detto che quello non era un parco, quindi la donna avrebbe potuto percorrerlo in tutta libertà. La protagonista ha raccontato che, anche se in questo momento quella multa rappresenta una spesa onerosa per la sua famiglia, non è questo a turbarla, bensì il fatto che esistano delle norme di restrizione così"insensate".

zazoom