Tragedia a Martinsicuro, 18enne morto nel sonno: trovato da sua madreCodogno, il pronto soccorso riapre e arriva il primo paziente ...GIORGIA MELONI : IL DL RILANCIO NON RILANCIA NULLAGeorge Floyd: omicidio volontario, cosa rischia ChauvinLa sardina Jasmine Cristallo: Italiani il popolo più ignorante ...Feltri torna in tv dopo le offese ai meridionali e attacca Conte e la ...Mi manca tanto papà Le parole della piccola figlia di George FloydTutti positivi al Coronavirus : Famiglia italiana rientra a Roma ...Matteo Salvini in Campania il 5 giugno sul luogo dov'è morto Pasquale ...Uccise il figlio di un anno : 20 anni a Niccolò PatriarchiEpidemiologo contro Italia e Spagna: Altro che Cina, il contagio è ...Ecco come avere una cucina professionale a casaKONAMI E UKUZA LANCIANO IL PLATFORM 2D SKELATTACKIl latte d'avena è senza glutine?Ho fame : Pensionata chiama i poliziotti che arrivano e le preparano ...
di

Coronavirus, siamo ancora nel picco : aumentano decessi e contagi

Coronavirus

La cifra per l'aumento dei pazienti con coronavirus in Italia rimane stabile. Alla conferenza stampa alle 18:00, il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, ha pubblicato i dati aggiornati al 3 aprile. Il totale positivo è stato di 85.388, rispetto a ieri, sono aumentate di 2.339 unità. Del numero totale di coronavirus positivi, 4068 sono in terapia intensiva, 28.741 ricoverati in ospedale con sintomi e 52.572 in isolamento domestico con sintomi assenti o lievi. Anche il numero delle vittime è stabile, il che non diminuisce. Nelle ultime 24 ore, 766 persone sono morte per un totale di 14681. I dati sulla guarigione che raggiunge il 19758 sono sempre stabili. Da ieri 19 1480 persone sono guarite da coronavirus.

Fermi anche il 1 maggio - “A casa anche il 1 maggio? Ci credo davvero. "Angelo Borrelli, capo della Protezione civile, parla così ai microfoni di Radio Anch'io." Gli esperti analizzano quali sono le curve di evoluzione dell'epidemia, ma sono i fatti che contano, i dati che derivano dalle regioni: aderisco a loro e ci dicono che il numero di nuovi ricoverati e quelli che entrano in terapia diminuiscono intensamente, il numero di cure guarite aumenta e il numero di positivi aumenta in modo modesto e quello del defunto diminuisce in modo significativo rispetto a gli ultimi giorni. Siamo in una situazione stazionaria, i medici negli ospedali possono respirare ", aggiunge.

"Le infezioni rimangono perché sono il risultato di comportamenti passati, due settimane fa", afferma. Data la situazione, le misure restrittive sono destinate a rimanere in vigore. “Purtroppo sì, dobbiamo restare a casa ancora per molte settimane, penso anche il 1 ° maggio. Dovremmo essere molto severi e penso che il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali cambierà, dovremo mantenere le distanze ", afferma.

"L'accesso agli ospedali e alle cure intensive non sta crescendo. I numeri parlano da soli, anche il numero di positivi che si trovano a casa sta crescendo, in terapia intensiva si arriva a prendere una strada che parte da un ricovero con sintomi e questi numeri diminuiscono E questo significa che stai affrontando una malattia. Non sono a conoscenza di situazioni in cui gli ospedali non possono garantire il ricovero in terapia intensiva ", afferma.

Il vaccino: potrebbe essere una delle migliori notizie degli ultimi 50 anni: la scienza fa passi da gigante nella lotta contro il coronavirus. E il vaccino potrebbe essere disponibile prima del previsto. Lo hanno annunciato oggi i ricercatori della School of Medicine dell'Università di Pittsburgh coordinati dall'italiano Andrea Gambotto e Louis Falo. Infatti, i primi test nei topi di un cerotto vaccinale (che rilascia il principio attivo nella pelle) contro Covid 19, potenzialmente semplice ed economico da produrre su larga scala: i topi vaccinati producono anticorpi specifici contro il virus.

I risultati di questi test iniziali sono stati pubblicati su EBioMedicine, una rivista pubblicata da Lancet. Questo è il primo studio pubblicato dopo la revisione da parte di scienziati di altri istituti e descrive un possibile vaccino COVID-19. "La possibilità che questo vaccino protegga dal virus Sars Cov 2 è alta, dice, ora stiamo testando la capacità di neutralizzare il virus nelle cellule umane in provette usando anticorpi isolati da topi vaccinati".

Gli esperti che vi stanno lavorando stanno inviando il vaccino alla Food Drug Administration (FDA) e, se ricevono l'autorizzazione, inizieranno la prima sperimentazione con i pazienti il ??più presto possibile tra un paio di mesi: "Riteniamo che i test con Le scimmie non sono necessari altri vaccini, specifica Gambotto, sono entrati in studi clinici senza test sugli animali. La nostra visione è quella di includerlo insieme al vaccino contro l'influenza stagionale. "

zazoom