Qual’è la differenza tra grano intero e frumento integraleThe Outer Worlds e Peril on Gorgon disponibili su SteamCadence of Hyrule – Crypt of the NecroDancer Featuring The Legend of ...Transformers: Battlegrounds disponibile per console e pcMarta Flavi e Maurizio Costanzo : Il tradimento con la De Filippi? ...GTA Online: ricompense triple nelle sfide del bunker di HalloweenDecreto dignità, per Google multa di 100mila euro da AgcomPumpkin Jack e Amnesia: Rebirth con RTX e DLSS su GeForce NOWR-TYPE FINAL 2 arriverà nel 2021II Premier Conte, la situazione si sta rivelando molto critica : ...LG annuncia l’arrivo in Italia di LG WingMXGP 2020 PRIMO GAMEPLAY TRAILERPES 2021 UPDATE PACK 2.0 È DISPONIBILEHUMANKIND: aperti i pre-order ed il pre-acquistoRiforma pensioni quota 102 : uscita fino a 44 mesi
di

Benedetto Cavalieri: la pasta d’eccellenza non è solo a Gragnano

Benedetto Cavalieri: la pasta d’eccellenza non è solo a Gragnano

Pasta Cavalieri

Quando si pensa alla migliore pasta artigianale in Italia, la prima che viene in mente è quella di Gragnano e non c’è affermazione più vera di questa. Se è vero che l’Italia è la patria della pasta, tuttavia, bisogna ammettere che ce ne sono anche tante altre varietà di pari eccellenza, come lo è quella di Benedetto Cavalieri. Oggi ne conosceremo i tratti distintivi che la rendono una pasta d’eccellenza e quali sono le ragioni per cui è da considerarsi un alimento di prima qualità.

La storia della Pasta Cavalieri

La famiglia Cavalieri opera incessantemente dal 1800,quando era completamente dedita alla coltivazione di grano duro, in Puglia. Il grano duro è una varietà che cresce in terreni assolati e gialli oro con il quale si ottengono farine o semole grossolane e ambrate. Questo grano è tenace e asciutto ed è l’ingrediente principale di numerosi prodotti artigianali della tradizione culinaria italiana come la pasta Cavalieri ed il pane di Altamura. Dopo l’avvio della produzione di grano duro a cura della Famiglia Cavalieri l’Italia fu colpita da una grave crisi agraria che spinse la stessa ad ampliare la produzione e a costruire macine per molire il grano.Questo importante passaggio avviene nel 1872, quando la famiglia Cavalieri entra a pieno titolo nel mercato della produzione della pasta.

La nascita del primo pastificio della famiglia Cavalieri

Il primo pastificio inaugurato dalla famiglia Cavalieri risale al 1918. L’operazione avvenne a cura del figlio Benedetto che aveva imparato tutto quello che c’era da sapere sul grano dall’attività del padre,Andrea. Il pastificio fu ideato per produrre pasta di grano duro fino selezionato, coltivato sulle soleggiate colline tra Puglia e Basilicata. Dall’inaugurazione il motto della famiglia divenne“Pasta di prima qualità firmata con nome e cognome”. Ciò che caratterizza la produzione di pasta artigianale Benedetto Cavalieri è la ferma volontà di innovare tramite l’utilizzo di macchinari moderni, in grado di offrire il massimo risultato di impastatura, pressatura e trafilatura.Questo rende la produzione pregiata e immediatamente riconoscibile al tocco. La pasta Benedetto Cavalieri ha apportato anche la sperimentazione di un metodo innovativo, detto Metodo Cirillo, con il quale la pasta viene asciugata in apposite stanze dove un radiatore ad acqua calda e un ventilatore portano a compimento il processo. I tempi erano inizialmente scanditi dal capo pastaio che vigilava su ogni fase della produzione.

La pasta Cavalieri nel mondo

La gestione è passata di padre in figlio sino ai giorni nostri e ha conquistato il favore dei consumatori ricevendo anche numerosi e prestigiosi premi internazionali che hanno consentito all’azienda di consolidarsi sul mercato estero. La rilevanza del Pastificio Benedetto Cavalieri è tale da ospitare dal 2005 l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenza che attrae studenti da ogni parte del mondo. La struttura offrestages tematici sulla pasta e insegnano tutto quello che c’è da sapere sull’esperienza Cavalieri.

Questa pasta si distingue per la selezione rigorosa dei grani duri italiani certificati che nascono sulle colline vocate e che sono coltivati con tecniche genuine e prive di fertilizzanti e antibiotici. Il metodo di lavorazione è definito delicato perché prevede un’impastatura lenta e a bassissima temperatura. A completare l’opera interviene la trafilatura in bronzo chela rende ruvida al punto giusto. Tutte le accortezze del metodo la rendono permeabile ai condimenti e ricca dei preziosi principi nutritivi del grano duro di qualità.

Anche la Pasta Cavalieri offre pregiate versioni integrali

Il metodo Cavalieri è stato ripreso e studiato con attenzione per realizzare una nuova linea di pasta in grado di accontentare tutte le esigenze dei consumatori. Dopo un intenso periodo di ricerca e sperimentazione sia sul campo che in fabbrica l’azienda ha creato la pasta integrale biologica. È realizzata con varietà di grano studiate ad hoc per ottenere una pasta saporita, ruvida e pregiata proprio come quella tradizionale, con il vantaggio di offrire tante fibre ed il minino rapporto calorico. La pasta integrale offre consistenza e gusto di grano proprio come la pasta tradizionale che si unisce alla minuziosa scelta di ingredienti selezionati e biologici la cui coltivazione è al 100% garantita dalla secolare esperienza Cavalieri.

zazoom