Vittorio Sgarbi fuori dai programmi Mediaset dopo la lite con Barbara ...Claudia Lai, la moglie Nainggolan e la lotta contro il cancro : Non ...Diana Del Bufalo allo scoperto con Edoardo TavassiHanno picchiato un anziano cinese : Francesco Facchinetti prende a ...Ecco la Mascherina bollente di Elettra LamborghiniLa piccola piange per la dermatite : La madre la morde al volto e la ...Coronavirus : Tom Cruise bloccato a Venezia mentre gira Mission ...Paura Coronavirus : crolla a terra al bar, ma nessuno lo aiutaRisultato Napoli-Barcellona Champions League, diretta live e ...Coronavirus, 322 casi accertati, 11 morti : 9 vittime in LombardiaCome proteggere la tua Smart TV: i consigli di Panda SecurityIl giovane Paolo La Rosa ucciso con 7 coltellate: fermato Alberto MulèCoronavirus : 7 morti in Italia, ma non c'è la certezza che sia stato ...Coronavirus : Partite di Serie A a porte chiuseHarvey Weinstein è colpevole : condannato per stupro e violenza ...
di

Vitalizi : un giorno da parlamentare vale una pensione a vita da 2mila euro

Vitalizi : un giorno da parlamentare vale una pensione a vita da 2mila euro

Vitalizi : un giorno da parlamentare vale una pensione a vita da 2mila euro

Vitalizi

La questione delle rendite dei parlamentari è tornata al centro del dibattito politico con la sentenza, attesa al Senato, sulla possibilità di ripristinarli per gli ex senatori che hanno fatto appello. Alcuni sostengono che procederà proprio in questa direzione, motivo per cui il Movimento a 5 stelle ha convocato una manifestazione per sabato 15 febbraio, con l'obiettivo di riaffermare il suo no alle rendite, tagliato proprio durante questa legislatura per spinta dei pentastellati in entrambi Camere. E gli M5, in vista dell'evento, rilanciano ciò che definisce un "privilegio odioso" per gli ex deputati, riportando il caso di una certa rendita particolare, pagato per la vita nonostante riguardassero ex deputati o ex senatori che hanno ricoperto la carica per alcuni giorni , se non ore. L'annualità, ricordate, è l'indennità pensionistica che gli ex parlamentari ricevono alla fine del loro mandato. Una sorta di rendita vitalizia.

Per definizione, la rendita prevede che una persona paga una rendita a un'altra persona per tutta la vita. Le rendite sono state tagliate all'inizio del legislatore, sia alla Camera che al Senato, per gli ex deputati. Il primo caso segnalato dal Movimento a 5 stelle è quello di Piero Craveri. Fu eletto al Senato il 2 luglio 1987, tra i ranghi dei radicali. Solo una settimana dopo erano arrivate le sue dimissioni, accettate il 9 luglio come potete leggere sulla pagina del Senato della decima legislatura. Fino a dicembre 2018, quindi prima dell'entrata in vigore del taglio, ha ricevuto una rendita annua di € 2.300 netti al mese, secondo quanto riportato ancora sul blog delle stelle.

Ma non è certo l'unico caso. Un altro, raccontato anche da Time, riguarda Angelo Pezzana, anch'egli eletto tra i radicali. Fu deputato dal 6 febbraio al 14 febbraio 1979. E ricevette una rendita lorda di 2.200 euro. "Le mie dimissioni sono state determinate da motivi personali che mi impediscono di lasciare Torino e quindi non mi permetterebbero di partecipare ai lavori della Camera con la dovuta diligenza", ha spiegato una volta diventato membro del parlamento. Il terzo caso è forse il più sensazionale, anche se guidato da una motivazione particolare. Parliamo di Luca Boneschi, anche lui membro del Partito Radicale. Fu eletto alla Camera il 12 maggio 1982 e si dimise solo un giorno dopo. "Non assumerò l'incarico come vice", ha detto. Percependo, tuttavia, l'annualità di 3.100 euro lordi al mese, 1.733 netti.

Ma le motivazioni di Boneschi erano legate al fatto che non voleva godere dell'immunità: era stato infatti citato in giudizio da un giudice per alcune delle sue dichiarazioni contro la decisione procedurale sul caso di Giorgiana Masi, lo studente ucciso durante un'accusa di polizia in Roma nel 1977 Boneschi fornì il suo patrocinio gratuito alla famiglia Masi e sperò di ricorrere alla causa per tornare a discutere della morte di Giorgiana e del caso giudiziario, cercando così di riaprirlo. E rinunciare all'immunità, ha spiegato, aveva esattamente l'obiettivo di tornare a parlare del caso.

da Anna Spiotta
zazoom
-
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : PoliticaVitalizigiornoparlamentarevale