Asia Gianese, l’influencer monella : Io sono un diavoloL'APEX 2020 di Vivo rivela una visione futuristicaArrestata la mamma che aveva abbandonato il bambino nel passeggino a ...Serena Rutelli e il racconto choc a Vieni da me : Caterina Balivo si ...Un tecno-regalo Mediacom per la festa del papàLa confessione della pornostar Lana Rhoades : Contattata un ...Coronavirus, Matteo Salvini : Con Conte non si riparte, questo ...Il piccolo Quaden bullizzato a scuola : Rinuncia a mezzo milione e ...GF Vip, Antonio Zequila: Adriana Volpe è falsa, con lei una storia 30 ...Coronavirus, i contagiati sono 528 e 14 le vittime : In Lombardia 37 ...Allerta Coronavirus, prezzi folli mascherine e Amuchina : Gdf ...Vittorio Sgarbi e Barbara D’Urso, adesso chiede scusa : Ecco cosa ha ...Coronavirus, sul web le brutte battute del Sud: Non si affitta ai ...Giorgio Manetti contro Gemma Galgani... ormai non la crede più nessunoGrande Fratello Vip, Denver e Adriana Volpe : cosa è successo nella ...
di

Incidente sul Karakorum : Salvi gli alpinisti italiani Simone Moro e Tamara Lunger

Incidente sul Karakorum : Salvi gli alpinisti italiani Simone Moro e Tamara Lunger

Incidente sul Karakorum : Salvi gli alpinisti italiani Simone Moro e Tamara Lunger

Incidente Karakorum

L'incidente durante la spedizione italiana di Simone Moro e Tamara Lunger sulle cime del Karakorum. L'alpinista bergamasco cadde per 20 metri in un crepaccio con la Lunger, mentre tentavano la salita di Gasherbrum I e l'incatenamento con Gasherbrum II, nella catena montuosa del Karakoram, in Himalaya. L'uomo soffriva di lividi alla schiena, la donna un infortunio alla mano causato dall'assicurazione del suo compagno di arrampicata con le corde, che era rimasta sospesa nel vuoto. La spedizione Moro-Lunger che includeva la traversata invernale - sarebbe la prima in assoluto - di Gasherbrum I (8080 metri) e Gasherbrum II (8035 metri) è stata chiusa. 

E' lo stesso Simone Moro ha raccontare dettagliatamente i tragici momenti attraverso la sua pagina Facebook : "Ieri siamo arrivati veramente a un soffio da un epilogo tragico e funesto sia per me che per Tamara. Approcciando un crepaccio mi sono messo come sempre in posizione per assicurare Tamara che per prima lo ha attraversato e si è poi portata in zona di sicurezza, 20 metri oltre il crepaccio. Poi è venuto il mio turno e dopo una frazione di secondo, mi si è aperta una voragine sotto i piedi e sono precipitato. Tamara ha subìto uno strappo tanto violento che è letteralmente volata fino al bordo del crepaccio e io in caduta libera a testa in giù per 20 metri sbattendo schiena gambe e glutei sulle lame di ghiaccio sospese nel budello senza fine in cui continuavo a scendere. Largo non più di 50 cm, tutto buio".

Poi prosegue: "Sopra Tamara aveva la corda avvolta intorno alla mano e gliela stringeva come una morsa e le provocava dolori lancinanti e insensibilità. Io ero al buio e lei lentamente scivolava sul ciglio del crepaccio. Il tutto complicato dal fatto che lei aveva le racchette da neve ai piedi. Sono riuscito con una mano a mettere un primissimo precario ancoraggio e, pur sentendomi lentamente scendere verso l'abisso ho avuto la lucidità di prendere la vite da ghiaccio che avevo all'imbrago e fissarla nella parete liscia e dura del crepaccio. Quella vite ha fermato lo scivolamento mio e la probabile caduta nel crepaccio di Tamara. Da lì, senza entrare nei dettagli, ci siamo inventati il modo di uscire. Quasi due ore dopo"

da Angelo Caputo
zazoom
-
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : AttualitàIncidente KarakorumSalvialpinistiitaliani