Pamela Prati e Giletti contro Barbara D'Urso : Hanno fatto soldi ...Pisa, Corte : no atto nascita con 2 madriEmma Marrone: Neanche mia madre ha visto quanto dolore provavo Giorgia Venturini nuda! Lo scatto bollente di Wanda NaraNon rinnego! Debora Caprioglio si confessa sul rapporto con Tinto ...Elisabetta Gregoraci irresistibile su Instagram... fan in delirio Mercedesz Henger contro la madre Eva: La finta famiglia felice non ...Mamma, ma posso morire? Elena Santarelli choc: è successo tra lei e ...Guai per la D’Urso! Inammissibile lo squallore dei pomeriggi e delle ...Auguri Mara Venier: il regalo di Nicola Carraro sorprende la ZiaVaccinatevi! Influenza, primo caso grave a UdineDesirèe Mariottini : rinviati a giudizio i quattro africani indagatiOra basta! 12enne salva la madre da botte e violenzeCristiano Malgioglio contro Francesco Baccini: Achille Lauro ha ...Che schifo! Francesca Fialdini finisce nella bufera a ‘Da noi… a ...
di

Così gli immigrati clandestini fanno i rider senza documenti

Dal caporalato nei campi agricoli della Puglia a quello digitale dei rider nelle nostre città. Pare ...
Così gli immigrati clandestini fanno i rider senza documenti

Così gli immigrati clandestini fanno i rider senza documenti

immigrati clandestini

Dal caporalato nei campi agricoli della Puglia a quello digitale dei rider nelle nostre città. Pare infatti essere pratica in uso quella di cedere il proprio account da rider per Glovo, Just eat o Deliveroo agli immigrati clandestini, facendosi pagare ovviamente una quota in denaro. Insomma, una tangente, in percentuale sulle consegne.

È quanto racconta un'inchiesta del Corriere della Sera, un cui giornalista, senza essersi mai registrato al portale e servendosi del terminale di un altro e vero rider (che si era registrato in precedenza), è riuscito a fingersi rider per un giorno, scorrazzando per le vie di Milano a suon di consegne su consegne.

"Posso cedere la mia applicazione a un'altra persone per fare le consegne?", chiede il cronista alla selezione per diventare rider e la risposta non lascia spazio a interpretazioni: "Assolutamente no. Non è legale: è caporalato. Glovo non consente di prestare l’applicazione a nessuno. Quindi, se per caso, io ordino e vedo qualcuno di voi che arriva e non corrisponde al rider della foto, non vi denunciamo – perché evitiamo denunce –, ma vi chiudiamo l'account". Cosa verissima, visto che le azine del food delivery annunciano e applicano tolleranza zero.

Ecco, in realtà però è esattamente questo il sistema che moltissimi ragazzi utilizzano per lavorare. E nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di giovani immigrati irregolari, privi – appunto – di regolari documenti. Il sistema è semplice: chi non ha i documenti, si mette d'accordo con un rider in regola e gli paga la "licenza". Come racconta un migrante nel piazzale delle Stazione Centrale: "Io ho il permesso di soggiorno per soli 6 mesi, ma la società chiede quello dai 2 ai 5 anni. E allora un mio amico, che ora lavora in un ristorante, mi ha lasciato l’account. Io non gli pago niente, perché è mio amico, ma le altre persone che fanno così pagano".
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : immigrati clandestini
da Zazoom
zazoom
- 5 5 5
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : Attualitàimmigrati clandestiniridersenzadocumenti
Clicca qui e commenta questo post!