Tony Colombo e Tina Rispoli: inchiesta Camorra Entertainment, il lato ...Monterotondo, bambina muore dopo essersi sentita male a scuolaLa sexy Floriana Messina... Spogliarello in caso di scudetto al ...Violenta la figlia da quando aveva solo 7 anni! Padre orco finalmente ...Orrore in strada! 39 cadaveri trovati in un tir, c’è anche un ...Nuovo scandalo per Taylor Mega... Come fanno a lasciarsi se non sono ...Mercedesz alla madre Eva Henger : Sei solo una bugiardaUn’operazione complessa! Mario Cipollini, a Storie italiane tutta la ...Giulia De Lellis in lingerie... Schiava dei soldi e della vitaEutanasia per la belga Marieke Vervoort, campionessa Oro Londra 2012Eva e Mercedesz Henger fuori da Pechino Express? Che spacco! Elisabetta Canalis al sole della California manda il tilt ...Sono in cura... Per tutelare Pago ho distrutto tutto! La verità di ...Bridget the Midget, la pornostar ‘nana’ accoltella fidanzato, rischia ...Prevenzione in salute a Bagnone con specialisti di alto livello
di

Sono stato io ad uccidere il carabiniere! La confessione di uno dei due ragazzi americani

Dalle recenti ricostruzioni la storia del carabiniere ucciso a Roma prende una piega diversa. Due ...
Sono stato io ad uccidere il carabiniere! La confessione di uno dei due ragazzi americani

Sono stato io ad uccidere il carabiniere! La confessione di uno dei due ragazzi americani

Mario Rega Cerciello

Dalle recenti ricostruzioni la storia del carabiniere ucciso a Roma prende una piega diversa. Due ragazzi sono stati condotti in caserma ieri intorno alle 12:30, alloggiavano nei pressi della Corte di Cassazione a Roma. I ragazzi sono Americani e si trovavano in Italia in vacanza, inizialmente si credeva fossero coinvolti nella vicenda, ma come vittime dell’accaduto.

A quanto pare uno dei due avrebbe confessato l’omicidio, raccontando che la sera dell’omicidio era in cerca, insieme all’amico, di un po’ di cocaina. Il giovane dice poi di di essersi ritrovato con un po’ di aspirina sbriciolata, e da lì il furto allo spacciatore che ha condotto all’omicidio.

“Sono stato io, l’ho ucciso io”. Dopo quasi 10 ore davanti ai carabinieri di Via In Selci e agli inquirenti, uno dei due giovani americani fermati per l’omicidio del vice brigadiere Mario Rega Cerciello ha confessato. E’ stato lui, ha detto, ad aver accoltellato 8 volte il 35enne. A sciogliere i dubbi sul ruolo dei due, inizialmente sospettati solo di furto, è stato il ragazzo con i capelli mesciati, lo stesso già descritto dalla centrale operativa nelle prime ore della mattina per l’identikit. Resta al vaglio il ruolo del secondo giovane americano. Da quanto si apprende, i due avevano fretta di dileguarsi e sarebbero ripartiti ieri sera per gli Stati Uniti con un volo da Roma. Da qui, la necessità da parte degli inquirenti di eseguire il fermo e scongiurare così la fuga. Ma non è tutto: il giovane che ha confessato sarebbe di famiglia molto facoltosa e ha pagato, a quanto apprende l’Adnkronos, il conto dell’hotel di lusso anche all’amico.

Mario Rega Cerciello

Ad imprimere una svolta forse decisiva all’indagine sarebbero stati i filmati delle telecamere di sorveglianza nell’area di Piazza Mastai e dell’hotel in Prati vicinissimo al luogo del delitto, l’esame e l’incrocio dei tabulati telefonici dei telefoni personali e del telefono rubato nelle ore seguite al delitto, oltre ad alcune testimonianze insieme alle prime, parziali, analisi scientifiche sui reperti rinvenuti nella stanza da letto. Nel corso delle ricerche, gli investigatori hanno estratto da una grata un oggetto appuntito, simile a un punteruolo. Resta da capire se sia riconducibile all’omicidio. Come del resto il comune coltello da cucina che è stato estratto dal fondo di un’altra grata sul lato opposto del palazzo, all’altezza del civico 54 di via Belli.

L’omicidio è avvenuto poco dopo le 3 del mattino di ieri, quando un equipaggio della stazione di piazza Farnese è intervenuto in via Pietro Cossa, nel quartiere Prati. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, i due volevano comprare droga da un pusher a piazza Mastai. Quando si sono accorti che gli aveva dato semplice aspirina, lo hanno seguito e gli hanno rubato il borsello per riavere i soldi. Sarebbe stato lo stesso spacciatore, ora ai domiciliari, a contattare i carabinieri, dicendo di aver preso appuntamento con i due statunitensi per la restituzione della borsa. I due militari si sono quindi presentati all’appuntamento in borghese. Al momento dell’incontro però è scoppiata una colluttazione e uno dei due americani ha pugnalato il carabiniere colpendolo otto volte, una al cuore. Trasportato d’urgenza al Santo Spirito, il militare è morto intorno alle 4 dopo un tentativo di rianimazione. A quanto apprende l’Adnkronos, nel borsello non sarebbe stata trovata droga.

Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Mario Rega Cerciello
da Zazoom
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : AttualitàMario Rega CercielloucciderecarabiniereConfessa
Clicca qui e commenta questo post!