E' corsa via! Appuntamento al buio... il suocero trova la giovane ...Feriti ed Arrestati! Si sparano a vicenda per testare un giubbotto ...Lo scambiano per mio nonno! A soli 19 anni sposa un uomo di 62 Vedovo disperato accende la tv e trova la moglie in direttaLa seconda luna di miele! Belen Rodriguez e Stefano de Martino in ...Inutili i soccorsi! Bimba muore soffocata da un pezzo di wurstelArrestato anche il papà! Il piccolo Gabriel ucciso perché piangevaUn'anima meravigliosa ci ha lasciato! Morto Massimo Marino, attore e ...Terremoto oggi nelle Marche : Scosse a Santa Vittoria in Matenano e ...Ciao Darwin : Sara Croce è la bombastica Madre Natura della sesta ...Cristina Chiabotto sposa Marco Roscio a settembreL'innocenza la decidono i giudici... Di Maio di nuovo contro SalviniUnica misura adeguata! Fabrizio Corona resta in carcereE' ricoverato in ospedale! Incidente per il figlio di Gerry ScottiPer un pelo! Dingo entra in camper e trascina via bimbo di 14 mesi
di

Smart working - boom di lavoro agile in Italia ma PA non ne vuole sapere

Il lavoro smart che incontra gli italiani - su Morning Future - Uno studio del Politecnico di ...
Smart working - boom di lavoro agile in Italia  ma PA non ne vuole sapere

Smart working - boom di lavoro agile in Italia  ma PA non ne vuole sapere
Il lavoro smart che incontra gli italiani - su Morning Future - Uno studio del Politecnico di Milano fotografa un anno di legge sul lavoro agile: bene le grandi imprese, cresce la pubblica amministrazione, ma ancora disinteresse da parte dei piccoli.  È passato circa un anno dalla legge sul lavoro agile, quella che per la prima volta stabilisce i criteri per cui aziende e dipendenti possono accordarsi per svolgere parte del lavoro da casa o comunque fuori dall'ufficio. A tracciare un primo bilancio dello “smart working” (lavoro agile) in Italia ci ha pensato l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, che ha fatto emergere un vero e proprio boom del lavoro agile nelle aziende, con numeri crescenti anche per quanto riguarda la pubblica amministrazione.

Oggi gli smart worker sono 480mila, in crescita del 20%, e si ritengono più soddisfatti dei lavoratori tradizionali sia per l’organizzazione del lavoro (39% contro il 18%) che nelle relazioni con colleghi e superiori (40% contro il 23%). A fare da traino ci siano le grandi aziende: il 56% delle big ha avviato progetti strutturali di lavoro agile, con un ulteriore 8% che ha intenzione di procedere con sistemi simili a partire dal prossimo anno.

Più prudenti le piccole e medie imprese, dove ben il 38% delle aziende si dichiara del tutto disinteressato a progetti di questo tipo, al fronte di un 8% già attivo nel lavoro agile.

Per quanto riguarda la pubblica amministrazione, l'Osservatorio evidenza i primi passi avanti: l’8% degli enti pubblici ha avviato progetti strutturati di smart working (in crescita rispetto al 5% un anno fa). L’1% lo ha fatto in modo informale, un altro 8% prevede iniziative il prossimo anno. Ma la maggioranza ancora non si è mossa: nel 36% delle pubbliche amministrazioni lo smart working è assente ma di probabile introduzione, nel 38% incerto, il 7% non è interessato.

Solo il 60% degli enti pubblici si è mosso verso il lavoro agile solo a seguito dell'intervento normativo.

smart working

Oltre a un'analisi quantitativa, l'Osservatorio ha valutato anche l'impatto della legge sulla qualità del lavoro in azienda: «I benefici economico-sociali potenziali dell’adozione di modelli di lavoro agile sono enormi – ha commentato Mariano Corso, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Smart Working. Si può stimare un incremento di produttività del 15% per lavoratore, una riduzione del tasso di assenteismo pari al 20%, risparmi del 30% sui costi di gestione delgi spazi fisici per quelle iniziative che portano a un ripensamento degli spazi di lavoro e un miglioramento dell’equilibrio fra lavoro e vita privata per circa l’80% dei lavoratori».

     

Non a caso, gli smart worker sono più contenti delle modalità con cui possono organizzare il proprio lavoro: il 39% del campione è completamente soddisfatto, contro il 18% degli altri lavoratori. Gli smart worker sono più soddisfatti anche del rapporto con i colleghi e il proprio responsabile: il 40% si dice completamente soddisfatto contro il 23% degli altri lavoratori. «Per questo - è sicuro Mariano Corso - la rivoluzione del lavoro agile non va fermata». Smart working - le novità in manovra 2019

Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : smart working
da bclemente03@
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : Tecnologiasmart workingimpresePApmi
Clicca qui e commenta questo post!