Il frutto dell'incesto! Abusa la figlia per anni e la mette incintaPrima spalmava l'olio santo... poi abusava di loro! Don Guidolin ...Non lo voglio neanche come amico! Silvia Provvedi ha chiuso con ...Ha paura che Meghan Markle possa soffrire! Il principe Harry fugge da ...Non lo sento da 20 anni! L'ex moglie di Walter Zenga a Vieni da meStai esagerando con i ritocchi! Anna Tatangelo criticata sul webSto andando da uno psicologo! Anastasia Kuzmina e Francisco Porcella ...Si sposa? Tutta la verità su Federica Pellegrini e Filippo MagniniBarbara D’Urso non mi piace! Alfonso Signorini è una BelvaHo fatto una sciocchezza! Uccide la mamma in salotto e poi la ...Marisa Harris : La 22enne uccisa da un 12enne che si voleva suicidareAdesso fanno le pecorelle! Laura Boldrini risorgeLega Mer**! Gli studenti indossano i gilet gialli e bruciano un ...Morti mentre stavano andando a scuola! Tre fratellini travolti e ...Vestiti e pensa a tuo figlio! Chiara Ferragni mezza nuda su Instagram
di

Piero Strada, il nuovo brano Galassia - Intervista

Piero Strada, il nuovo brano Galassia - Intervista
I piedi per terra e la testa tra le nuvole, una voce che va oltre la passione e un testo che ...
Piero Strada, il nuovo brano Galassia - Intervista

Piero Strada, il nuovo brano Galassia - Intervista
I piedi per terra e la testa tra le nuvole, una voce che va oltre la passione e un testo che celebra l’amore: così è nato il nuovo brano “Galassia”. Abbiamo incontrato ed intervistato per voi Piero Strada, cantautore proveniente da un altro spazio. 

1)      Ciao Piero, come hai iniziato il tuo percorso musicale?

Fin da ragazzo ho iniziato a studiare musica, pianoforte in particolare. La mia insegnante era una professoressa di conservatorio, e tendeva a portarmi verso una direzione molto classica. Sentivo che questo non era abbastanza per me, e così ho sempre continuato ad ascoltare tipi diversi di musica e a cercare ispirazioni in altri generi.

Non ho mai avuto un autore o un interprete musicale preferiti, ma mi sono sempre lasciato trasportare dall’istinto nella scelta dei miei gusti musicali. Alcuni brani di uno stesso artista mi piacciono tantissimo, altri non mi dicono nulla. E’ nel singolo brano che trovo quegli elementi armonici, ritmici o di testo che lo rendono a mio parere interessante.

 

2)      Sul tuo canale YouTube possiamo finalmente ascoltare "Galassia". Puoi raccontarci da cosa nasce la scelta di essere tu l'unica persona a comparire su tale clip?

Sì! Lo potete trovare qui: https://www.youtube.com/watch?v=SZV46Fw0xIQ . Inizialmente pensavo di ambientare il video nella metropolitana di Milano, seguendo il testo della canzone, che parte proprio dall'incontro del protagonista con una ragazza in un vagone del metrò, un incontro tanto travolgente da trasformare la soffocante routine quotidiana in una “galassia” di emozioni e di nuovi stimoli. Avevo immaginato che nel video il treno si poteva poi trasformare in un’astronave, e i binari e le gallerie scomparivano sostituiti da comete e sistemi solari.

Poi però ho pensato che questa impostazione, oltre ad essere complessa a livello produttivo, viste anche tutte le comparse volontarie e involontarie da gestire, era anche un po’ troppo scontata. “Galassia”, anche se ha un ritmo molto coinvolgente e solare, è in realtà un brano introspettivo, in quanto tutto avviene nei desideri del protagonista. Da qui la scelta di centrare il video su di me, e di utilizzare una location che, per quanto non scontata come un vagone del metrò, richiamasse un’ambientazione “aliena”. Il parco Portello Alfa Romeo di Milano è stata la scelta perfetta. Provate a cercare su internet una foto del parco visto dall’alto, vi sembrerà di guardare il panorama di un altro pianeta.

 

3)      Curiosità: in fase di scrittura a cosa pensi maggiormente per ispirarti?

Come ho scritto anche nella presentazione della mia pagina Facebook (a proposito, seguitemi su www.facebook.com/pierostradamusic) le mie canzoni nascono con “i piedi per terra e la testa tra le nuvole”. Parto cioè da elementi reali, a cui unisco un mix di fantasia, ironia e sempre tanto ottimismo. Nel caso di Galassia, sono partito proprio da un banale viaggio in metrò che molti di noi fanno per andare al lavoro, o a scuola,... in quei pochi minuti siamo circondati, a volte anche “schiacciati” contro persone che non conosciamo e a cui non prestiamo attenzione, ma ognuna di loro nasconde un universo di sogni, segreti, paure,... La mia canzone parte proprio da questo: il protagonista sogna di parlare con quella ragazza così impegnata a guardare il suo cellulare, e quando questo avviene per lui si aprono nuove enormi possibilità, e lo spazio claustrofobico del treno si espande improvvisamente fino a diventare infinito. Per rendere questo concetto, mi sono ispirato ad un'enciclopedia online di astronomia, e qui ho trovato alcuni termini che ho usato nella mia canzone, come “stella di neutroni”, “supernova” o “Mare della Tranquillità” (una regione dell’emisfero visibile della nostra Luna). La vera Galassia è quella che c'è dentro ciascuno di noi.

 

4)      Personalmente, che ordine daresti a queste voci: vendita di dischi, essere cantato da tutti e realizzazione di un sogno musicale (es. una collaborazione che hai sempre voluto)?

Permettetemi di aggiungere una voce prima di tutte queste: la più importante per me in assoluto è “divertimento”. Scrivere e cantare le mie canzoni per me è prima di tutto questo, mi fa divertire e mi fa stare bene. Se poi il pubblico e gli operatori del mondo della musica troveranno qualcosa di valido nel mio lavoro, beh, questo sarebbe semplicemente il massimo. Vorrebbe dire che quello che ho da dire significa qualcosa per qualcun altro, e questo è quanto di più bello a cui un artista, secondo me, può aspirare. Di seguito vengono poi le altre voci che avete elencato. Tra queste, credo che la mia preferita sia “essere cantato da tutti”, perché significa aver raggiunto il cuore del pubblico. Una volta fatto questo, probabilmente, ottenere gli altri obiettivi, come maggiori vendite o collaborazioni con musicisti importanti, viene quasi da sé.

 

5)      Raccontaci il giorno in cui hai detto a te stesso "Voglio fare il cantante!".

Strano da raccontare, ma la “molla” è scattata in un villaggio turistico qualche anno fa. Avete presente il classico “gioco caffè” che gli animatori fanno con gli ospiti subito dopo pranzo? Beh, quel giorno il gioco era il karaoke. Mi sono buttato anch’io, senza pensarci troppo, cantando una canzone di Mengoni. E, a giudizio la “giuria” scelta tra gli ospiti presenti alla gara, ho vinto insieme ad un altro ragazzo... e già questo mi era sembrato incredibile. Ma la cosa ancora più incredibile è successa due sere dopo, quando ci è stata data la possibilità di salire sul palco dell’anfiteatro del villaggio, davanti a più di mille persone, a cantare. Non mi era mai capitato di provare un’emozione così. Ero nervosissimo, ma anche carico a mille. Le luci mi accecavano, non vedevo quasi nulla, ma sentivo il pubblico, e applaudivano!! Un’emozione così non si può descrivere, va provata. Quella notte ero così eccitato che non ho dormito. Poi il mattino dopo un anziano signore, anche lui ospite del villaggio, mi si è avvicinato e mi ha fatto i complimenti... ero quasi commosso. E lì ho capito che si era aperta una nuova strada per me, ma volevo percorrerla nel modo migliore, e quindi la prima cosa che ho fatto, rientrato dalle vacanze, è stata quella di iscrivermi ad un vero corso di canto. E tutto è cominciato così...!

 

6)      Per concludere, dopo il buon successo di "Galassia" e questa piccola intervista, come saluterebbe il nostro pubblico Piero e cosa ci potrebbe anticipare per mantenere viva la nostra voglia di sentire la prossima produzione?

Prima di tutto vi ringrazio per avere avuto la pazienza di aver letto l'intervista fino a qui! E poi vi invito a continuare a seguirmi perché non avete visto ancora nulla! Ho molte idee in testa, e vi assicuro che ogni canzone sarà qualcosa di unico, diversa da qualsiasi altra. Mi piace molto giocare con stili e generi diversi, ma quello che resterà sempre al centro di tutte le mie canzoni è un messaggio positivo e di fiducia nel futuro.

La prossima canzone, infatti, sarà molto diversa da Galassia, e si capisce già dal titolo: “Il Fascino delle Cose che non Puoi Avere”. Avete presente tutti quegli status symbol che la società di oggi ci spinge a credere che siano necessari, come ad esempio un cellulare di ultima generazione, abiti griffati e altre cose così? Beh, forse non lo sono..., e spesso ci affanniamo tanto ad inseguire tutto questo per una sola ragione: il fatto stesso di non possedere questi oggetti. La realtà è diversa, basta guardarsi intorno, senza andare troppo lontano, per capire che cosa conta davvero.... Anche il video sarà qualcosa di totalmente nuovo, ma ora basta così, ho parlato anche troppo! Ringrazio lo Staff di Zazoom per la splendida opportunità!

Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Piero Strada
Scritto da Redazione Zazoom letto volte.
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : MusicaPiero Stradanuovo branoGalassiaIntervista
Clicca qui e commenta questo post!