Trump:Usa non saranno un campo migrantiEffetto dazi-Trump - Borse cinesi in caloTesla - Ceo: c'è un sabotatore in aziendaTrump: dazi alla Cina per altri 200mldFico: inchiesta stadio - massima durezzaTrump studia stretta su immigrazioneSvezia - uomo spara a Malmo: un mortoCrolla la Borsa di Buenos Aires: -8 - 33%Stadio Roma - Bonafede:su cosa riferire?Ebrei: censire rom come leggi razziali
di

Napoli, sesso in canonica : Il dossier consegnato in Curia - Coinvolti 60 sacerdoti di varie diocesi

Napoli, sesso in canonica : Il dossier consegnato in Curia - Coinvolti 60 sacerdoti di varie diocesi
Nel corso di questa settimana è stato consegnato alla cancelleria della Curia arcivescovile di ...
Napoli, sesso in canonica : Il dossier consegnato in Curia - Coinvolti 60 sacerdoti di varie diocesi

Napoli, sesso in canonica : Il dossier consegnato in Curia - Coinvolti 60 sacerdoti di varie diocesi
"Nel corso di questa settimana è stato consegnato alla cancelleria della Curia arcivescovile di Napoli un dossier su cd di denuncia di casi di omosessualità nei quali sarebbero coinvolti sacerdoti, religiosi e seminaristi di alcune diocesi italiane. Detto materiale verrà opportunamente esaminato per essere trasmesso alle diocesi interessate per le eventuali necessarie valutazioni". Una nota della Curia partenopea fa esplodere un caso che potrebbe avere ramificazioni nazionali, coinvolgendo decine di preti. A far partire il tam tam di sussurri e voci è un post sul sito Gay News.

Il 18 febbraio il quotidiano online pubblica un articolo dal titolo: "App per incontri, gang bang, sesso in canonica: un dossier di 1.200 pagine svela la rete hot dei preti gay da Roma a Catania". È lo stesso finito nelle mani del cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli. Viene descritta una ‘Sodoma e Gomorra’ in abito talare con circa 60 coinvolti, tra preti, monaci e seminaristi che parteciperebbero a incontri omosessuali ("Facciamo sesso nell’eremo"; "Ti va di farlo a tre?": sono solo alcuni dei messaggi spediti in una app ‘dedicata’). Il dossier è stato messo a punto da un giovane escort napoletano, Francesco Mangiacapra, ex avvocato diventato gigolò, che avrebbe partecipato agli appuntamenti sessuali di don Luca Morini, detto 'don Euro', il sacerdote della diocesi di Massa e Pontremoli che dovrà comparire davanti al gup l’8 marzo. Il giovane 'protégé' avrebbe allargato l’orizzonte e descritto una rete di festini in canonica, allegando per ognuno dei sessanta religiosi delle schede personali, con tanto di screenshot delle conversazioni con i loro amanti. 

Nelle 1.200 pagine, viene raccontata la doppia vita di questi uomini di Chiesa. C’è il prete romano che promette posti di lavoro e paga gli escort ricaricando la loro postepay. C’è il parroco che organizza orge in canonica e diffonde l’invito via app. C’è il monsignore, agli arresti domiciliari con l’accusa di abuso su minore, ma che promuove senza timori incontri con uomini tramite Grindr. C’è il sacerdote lucano che il sabato sera frequenta disco gay-friendly in Calabria, s’ubriaca e fa sesso. Il dossier di Mangiacapra è indirizzato alla Curia affinché prenda provvedimenti urgenti. 

Nell'introduzione l’ex avvocato spiega: «Redigo questo catalogo di mele marce non con l’intento di gettare fango sulla Chiesa, ma con quello di contribuire a estirparne il marcio che contaminerebbe tutto quanto c’è di integro. Al solito i presuli si svegliano solo quando si montano i casi mass-mediatici: l’atteggiamento di quei vescovi già informati e che ancora non hanno preso provvedimenti è omertoso». Il materiale interessa ecclesiastici gay di più diocesi. Di questi 42 sono diocesani, 7 appartengono a istituti religiosi mentre i seminaristi sono 9.
Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Curia Napoli
Scritto da Anna Spiotta letto volte.
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : AttualitàCuria Napolisessosacerdotidossier
Clicca qui e commenta questo post!